Acrodermatite

Acrodermatite

L’acrodermatite infatile è una condizione della che può essere accompagnata da lievi sintomi di febbre e malessere. Essa può anche essere associata con l’epatite B ed altre infezioni virali.

CAUSE: La causa dell’acrodermatite è poco comprensibile, ma il suo legame con altre infezioni è ben documentato. Nei bambini italiani l’acrodermatite è spesso collegata all’epatite B, ma questo capita raramente in altre zone come gli Stati Uniti. In aggiunta all’epatite B, l’acrodermatite è stata anche associata al virus Epstein-Barr (mononucleosi), citomegalovirus, coxsackie virus, parainfluenza, virus respiratorio sinciziale e alcuni vaccini con virus vivi.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Sfoghi sulla pelle;
  • Macchie di colore bruno-rosso-rame piatte in cima;
  • Bolle;
  • Prurito;
  • Il rash sembra uguale su entrambi i lati del corpo;
  • Possono essere visualizzati degli sfoghi anche sulle palme e sulle suole, ma non sulla schiena, torace, o ventre;
  • Addome gonfio;
  • Linfonodi gonfi.

DIAGNOSI: Il medico può diagnosticare questa condizione semplicemente guardando le eruzioni cutanee. Fegato, milza e linfonodi possono essere gonfi. I seguenti test possono essere fatti per confermare la diagnosi o escludere altre condizioni:

  • Biopsia cutanea;
  • Screening per anticorpi anti-EBV;
  • Enzimi epatici (test di funzionalità epatica);
  • Sierologia del virus dell’epatite o antigene di superficie dell’epatite B;
  • Livelli di bilirubina.

TERAPIA: L’acrodermatite di per sé non viene curata. Le infezioni associate a questa condizione, come ad esempio l’epatite B e l’Epstein-Barr, devono essere curate adeguatamente.

PROGNOSI: L’acrodermatite è considerata una malattia auto-limitante che scompare senza complicazioni. Tuttavia, le relative condizioni deve essere controllate con attenzione. Le rare volte che ci sono complicazioni, queste possono essere il  verificarsi di condizioni associate.

Fonti: [Behrman RE. Nelson Textbook of Pediatrics. 17a ed. Philadelphia, PA: WB Saunders, 2004; http://health.nytimes.com/health/ Long SS, Pickering LK, Prober CG. Principi e Pratica di Pediatric Infectious Diseases. 2a ed. Philadelphia, PA: Elsevier, 2003]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento