Amebiasi

Amebiasi

L’amebiasi è un’infezione degli intestini causata dal parassita Entamoeba histolytica.

CAUSE: L’Entamoeba histolytica può vivere nel grande intestino (colon) senza causare alcuna malattia. Tuttavia, a volte, invade la parete del colon, provocando la colite, dissenteria acuta, o diarrea a lungo termine (cronica). L’infezione può diffondersi attraverso il sangue al fegato e, raramente, ai polmoni, cervello o altri organi. Questa condizione esiste in tutto il mondo, ma è più comune nelle zone tropicali affollate con scarsa igiene come Africa, Messico, alcune parti del Sud America, e l’India.

L’Entamoeba histolytica si diffonde attraverso il cibo o acqua contaminata con feci. Si trova nei rifiuti umani comuni utilizzati come fertilizzante. Si può anche diffondere da persona a persona, in particolare attraverso il contatto con la bocca o per via rettale. I fattori di rischio per gravi amebiasi comprendono:

  • Alcolismo;
  • Cancro;
  • Malnutrizione;
  • Vecchiaia;
  • Gravidanza;
  • Recente viaggio in una regione tropicale;
  • L’uso di farmaci corticosteroidi per sopprimere il sistema immunitario.

SINTOMI: Di solito, la malattia dura circa 2 settimane, ma può tornare se non viene curata. Lievi sintomi sono:

  • Crampi addominali;
  • Diarrea;
  • Affaticamento;
  • Gas intestinali (flatulenza eccessiva);
  • Dolore rettale, mentre si defeca;
  • Involontaria perdita di peso.

Gravi sintomi:

  • Mollezza addominale;
  • Sangue nelle feci;
  • Febbre;
  • Vomito.

Nel 90% dei casi non ci sono sintomi.

DIAGNOSI: L‘esame del ventre e del fegato possono mostrare l’ampliamento o la mollezza nell’addome. I test includono:

  • Esame del sangue per l’amebiasi (sierologia);
  • Esame dell’interno e della parte inferiore della crasso (sigmoidoscopia);
  • L’esame al microscopio di 3 campioni di feci a 3 giorni di distanza.

TERAPIA: I farmaci antiparassitari per via orale sono il trattamento standard per l’amebiasi. La scelta del farmaco dipende dalla gravità delle infezioni. Tipicamente il metronidaloze orale viene utilizzato per 10 giorni. Se c’è vomito, potrebbe essere necessario il trattamento in via endovenosa, fino a quando non si possono tollerare i farmaci per via orale. Farmaci antidiarrea sono in genere prescritti perché non peggiorino la condizione. Dopo il trattamento, le feci devono essere controllate per far sì che l’infezione sia stata cancellata.

PROGNOSI: Il risultato è generalmente buono, con il trattamento. Possibili complicazioni possono essere:

  • Ascesso al fegato;
  • Nausea;
  • Diffusione del parassita attraverso il sangue al fegato, polmoni, cervello o ad altri organi.

Contattare un medico se si ha una diarrea persistente.

PREVENZIONE: Quando si viaggia in paesi tropicali dove esiste scarsa igiene, bere acqua bollita e non mangiare verdura non cotta o frutta senza buccia. Le misure di sesso sicuro, come l’uso di preservativi, possono aiutare a prevenire le infezioni.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento