Aneurisma aortico addominale

Aneurisma aortico addominale

Un aneurisma aortico addominale si ha quando i grandi vasi sanguigni che forniscono di sangue l’addome, il bacino e le gambe diventano eccessivamente grandi o si rigonfiano verso l’esterno fino a rompersi.

CAUSE: La causa esatta non è nota, ma i fattori di rischio per lo sviluppo di un aneurisma aortico comprendono:

  • Enfisema;
  • Fattori genetici;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Colesterolo alto;
  • Obesità;
  • Essere di sesso maschile;
  • Essere fumatore.

Un aneurisma aortico addominale può svilupparsi in chiunque, ma più spesso viene visto negli over 60 maschi che hanno uno o più fattori di rischio. Più è grande l’aneurisma, più probabile è la rottura. Quando un aneurisma aortico addominale si rompe, diventa una vera e propria emergenza medica. La dissezione aortica si verifica quando il rivestimento più interno delle arterie ha delle crepe da cui esce sangue. Questo si verifica più comunemente nell’aorta del petto.

SINTOMI: Gli aneurismi si sviluppano lentamente nel corso di molti anni e spesso non hanno sintomi. Se un aneurisma si espande rapidamente, ci può essere una rottura o una perdita di sangue lungo la parete dell’aorta, con i sintomi che possono svilupparsi improvvisamente. I sintomi della rottura comprendono:

  • Massa addominale;
  • Rigidità addominale;
  • Ansia;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore addominale o alla schiena grave, improvviso, persistente o costante. Il dolore si può irradiare ad inguine, glutei o gambe;
  • Sensazione pulsante nell’addome;
  • Rapido aumento della frequenza cardiaca quando si sta in una posizione eretta;
  • Shock.

DIAGNOSI: Il medico valuterà l’addome. L’esame comprenderà anche una valutazione di impulsi e la sensazione nelle gambe. Un aneurisma aortico addominale può essere diagnosticato con queste prove:

  • Ecografia addominale;
  • Angiografia dell’aorta;
  • TAC addominale.

TERAPIA: Se l’aneurisma è piccolo e non ci sono sintomi (per esempio, se si è scoperto nel corso di una visita medica di routine), il medico può raccomandare una valutazione periodica. Questo di solito comprende ultrasuoni annuali, per vedere se l’aneurisma si ingrandisce. Gli aneurismi che provocano sintomi di solito richiedono un intervento chirurgico per evitare complicazioni. La chirurgia è raccomandata per i pazienti con aneurismi di dimensioni superiori a 5,5 cm di diametro e quelli le cui dimensioni aumentano rapidamente. L’obiettivo è quello di eseguire un intervento chirurgico prima che si sviluppino complicanze o sintomi.

Ci sono due approcci alla chirurgia:

  • Riparazione tradizionale, con un grande taglio nell’addome e la sostituzione dell’arteria anormale con un innesto di materiale sintetico;
  • Innesto di stent endovascolare, cioè un trapianto di un tubo di metallo a maglie che aiuta a sostenere l’arteria.  Un catetere sarà inserito attraverso le arterie nel vostro inguine. Il trapianto di stent viene inviato attraverso il catetere, e collocato in modo permanente nell’arteria.

PROGNOSI: Il risultato è generalmente buono se un chirurgo agisce prima che l’aneurisma si rompa. Tuttavia, meno del 40% dei pazienti sopravvive ad un aneurisma addominale rotto. Possibili complicazioni possono essere:

  • Dissezione aortica;
  • Rottura aortica;
  • Embolia arteriosa;
  • Attacco di cuore;
  • Shock ipovolemico;
  • Insufficienza renale;
  • Ictus.

Contattare un medico se si sviluppano grave dolore addominale o uno qualsiasi degli altri sintomi dell’aneurisma.

PREVENZIONE: Per ridurre il rischio di sviluppare aneurismi:

  • Evitare il tabacco;
  • Seguire una dieta sana;
  • Fare esercizio fisico;
  • Eseguire regolari esami fisici.

Gli uomini con più di 65 anni e che non hanno mai fumato dovrebbero fare uno screening ecografico una sola volta.

Fonti: [Isselbacher EM. Malattie della aorta. In: Libby P, Bonow RO, Mann DL, Zipes DP. Braunwald’s Heart Disease: A Textbook of Cardiovascular Medicine. 8a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/; Fleming C, Whitlock EP, Beil TL, Lederle FA. Lo screening per aneurisma aortico addominale: un best-prova per la revisione sistematica US Preventive Services Task Force. Ann Intern Med. 2005; Hunt SA, Abraham WT, Chin, MH, Feldman AM, Francis GS, Ganiats TG, et al. ACC / AHA 2005 orientamento aggiornamento per la diagnosi e la gestione di insufficienza cardiaca cronica negli adulti. Circulation. 2005]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

1 commento su “Aneurisma aortico addominale”

Lascia un commento