Ascesso cerebrale

Ascesso cerebrale

Un ascesso cerebrale è una raccolta di cellule immunitarie, pus, e altro materiale nel cervello, di solito dovuto ad un’infezione batterica o fungina.

CAUSE: Gli ascessi cerebrali comunemente si verificano quando i batteri o funghi infettano una parte del cervello. Gonfiore e irritazione (infiammazione) si sviluppano in risposta. Le cellule cerebrali infette, i globuli bianchi, e batteri vivi e morti si accumulano in una zona del cervello e formano una membrana intorno a questa zona che crea una massa.

Mentre questa risposta immunitaria è in grado di proteggere il cervello isolando l’infezione, può anche fare più male che bene. Il cervello si gonfia. Siccome il cranio non può espandersi, la massa può esercitare pressioni sul tessuto cerebrale delicato. Il materiale infetto è in grado di bloccare i vasi sanguigni del cervello.

I batteri o funghi che causano un ascesso cerebrale comunemente raggiungono il cervello attraverso il sangue. La fonte dell’infezione spesso non è trovata. Tuttavia, la fonte più comune è un’infezione polmonare. Batteri o funghi possono viaggiare anche da una vicina area infetta (per esempio, un’infezione all’orecchio) o possono essere introdotti nel corpo nel corso di una lesione (come un colpo di pistola o ferita da coltello) o interventi chirurgici.

Nei bambini con malattia cardiaca o un difetto di nascita, come ad esempio coloro che sono nati con la tetralogia di Fallot, le infezioni sono più in grado di raggiungere il cervello dagli intestini, denti, o altre zone del corpo. I seguenti fattori aumentano il rischio di un ascesso cerebrale:

  • Sistema immunitario indebolito (come ad esempio in pazienti affetti da AIDS);
  • Malattie croniche, come il cancro o sindrome di Osler-Weber-Rendu;
  • Farmaci che sopprimono il sistema immunitario (corticosteroidi o chemioterapia).

SINTOMI: I sintomi possono svilupparsi lentamente, nell’arco di un periodo di due settimane, o possono svilupparsi improvvisamente. Essi possono includere:

  • Dolore del collo, spalle o schiena;
  • Cambiamenti dello stato mentale (confusione, abbassamento dei riflessi, sonnolenza, coma,  disattenzione, irritabilità, processi di pensiero rallentato);
  • Diminuzione del movimento;
  • Diminuzione della sensibilità;
  • Afasia;
  • Febbre e brividi;
  • Cefalea;
  • Difficoltà linguistiche:
  • Perdita di coordinazione;
  • Perdita di funzione muscolare;
  • Epilessia;
  • Rigidità del collo, spalle, o schiena;
  • Modifiche alla vista;
  • Vomito;
  • Debolezza.

DIAGNOSI: Un esame neurologico di solito mostra un aumento della pressione intracranica e problemi con le funzioni cerebrali. I test per diagnosticare un ascesso cerebrale possono includere:

  • Cultura del sangue;
  • Radiografia del torace;
  • Emocromo (CBC);
  • Radiografia del cranio;
  • Elettroencefalogramma (EEG);
  • Risonanza magnetica della testa;
  • Test per la presenza di anticorpi per gli organismi (compresi Toxoplasma e solium Tinea)

Una biopsia è di solito effettuata per identificare la causa del contagio.

TERAPIA: Un ascesso cerebrale è un’emergenza medica. La pressione all’interno del cranio, può diventare abbastanza alta da essere pericolosa per la vita. C’è bisogno di rimanere in ospedale fino a quando la condizione non è stabile. Alcune persone possono avere bisogno di supporto per tutta la vita. Un farmaco al posto di un intervento chirurgico è consigliabile se si dispone di:

  • Alcuni ascessi;
  • Un ascesso di piccole dimensioni (meno di 2 cm);
  • Un ascesso in profondità nel cervello;
  • Un ascesso e la meningite;
  • Idrocefalo;
  • Una malattia che comporta un intervento chirurgico pericoloso.

In questo caso si prendono antibiotici. Quelli ad ampio spettro sono più comunemente utilizzati. Si possono prescrivere diversi tipi di antibiotici per rendere più sicura la terapia. Farmaci anti-fungini possono essere prescritti se l’infezione è probabilmente causata da un fungo.

Il trattamento immediato può essere necessario se è un ascesso danneggia il tessuto cerebrale premendo su di esso, o se vi è un ascesso di grandi dimensioni con una gran gonfiore che innalza la pressione nel cervello. La chirurgia è necessaria se:

  • La pressione nel cervello persiste o peggiora;
  • L’ascesso al cervello non si riduce con i farmaci;
  • L’ascesso cerebrale contiene gas (prodotto da alcuni tipi di batteri);
  • L’ascesso cerebrale potrebbe rompersi.

L’intervento chirurgico consiste nell’apertura del cranio per drenare l’ascesso. I test di laboratorio sono spesso fatti per esaminare il fluido. Questo può aiutare a identificare ciò che sta causando l’infezione, in modo che più antibiotici o farmaci anti-fungini più appropriati possano essere prescritti. La procedura chirurgica utilizzata dipende dalla dimensione e dalla profondità dell’ascesso. L’ascesso intero può essere rimosso se è vicino alla superficie.

Ago aspirato guidato dalla Tomografia Computerizzata o risonanza magnetica può essere necessario per un ascesso profondo. Durante questa procedura, i farmaci possono essere iniettati direttamente nella massa. Alcuni diuretici e steroidi possono anche essere utilizzati per ridurre il gonfiore del cervello.

PROGNOSI: Se non curato, un ascesso cerebrale è quasi sempre mortale. Con il trattamento, il tasso di mortalità è di circa il 10-30%. Prima si inizia la terapia, più probabilità ci sono di guarire. Alcuni pazienti possono avere problemi neurologici a lungo termine dopo l’intervento chirurgico. Possibili complicazioni possono essere:

  • Epilessia;
  • Meningite;
  • Perdita permanente della vista, della parola e del movimento;
  • Ritorno dell’infezione.

PREVENZIONE: È possibile ridurre il rischio di sviluppare un ascesso al cervello curando tutti i disturbi che possono provocarlo. Fare controlli periodici dopo che le infezioni sono guarite. Alcune persone, inclusi quelli con alcuni disturbi cardiaci, possono beneficiare di antibiotici prima di una visita dentistica o urologica, per ridurre il rischio di infezioni da batteri.

Fonti: [Nath A. ascesso cerebrale e infezioni parameningeali. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicine. 23a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento