Ascesso epidurale

Ascesso epidurale

Un ascesso epidurale è un accumulo di pus (materiale infetto) tra la copertura esterna del cervello e del midollo spinale e le ossa del cranio e della colonna vertebrale. L’ascesso causa gonfiore nella zona colpita.

CAUSE: L’ascesso epidurale è una malattia rara causata da un’infezione nella zona compresa tra le ossa del cranio e della colonna vertebrale, e le membrane che coprono il cervello e il midollo spinale (meningi). Questa infezione è chiamata ascesso epidurale intracranico se è all’interno della zona cranio, o ascesso spinale epidurale se si trova nella zona della colonna vertebrale. 9 casi su 10 si trovano nella colonna vertebrale. L’infezione di solito è causata da batteri (Staphylococcus aureus è il più comune), ma può essere causata da funghi o germi che si diffondono attraverso il sangue. Tuttavia, in un terzo dei pazienti non è stata trovata nessuna fonte di infezione. Nel caso di un ascesso epidurale intracranico, i fattori di rischio includono:

  • Infezioni croniche all’orecchio;
  • Sinusite cronica;
  • Trauma cranici;
  • Mastoidite;
  • Recenti interventi di neurochirurgia.

Un ascesso spinale epidurale può essere osservato in pazienti con:

  • Una storia precedente di un intervento chirurgico o altre procedure invasive che riguardano la colonna vertebrale;
  • Infezioni del sangue;
  • Infezioni ossee della colonna vertebrale (osteomielite vertebrale).

Le persone che si iniettano farmaci sono anche a maggior rischio.

SINTOMI: Ascesso spinale epidurale:

  • Incontinenza;
  • Ritenzione urinaria;
  • Febbre e dolore alla schiena.

Ascesso epidurale intracranico:

  • Febbre;
  • Mal di testa;
  • Letargia;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore alla zona operata chirurgicamente che peggiora (soprattutto se è presente la febbre).

Sintomi neurologici dipendono dalla posizione dell’ascesso e possono comprendere:

  • Diminuzione della capacità di spostare qualsiasi parte del corpo;
  • Perdita della sensazione, in ogni zona del corpo, o anormalità nella sensazione;
  • Paralisi;
  • Debolezza.

DIAGNOSI: Il medico esegue un esame per cercare una perdita di funzioni nel movimento o sensazione. I test possono includere:

  • TAC;
  • Risonanza magnetica;
  • Modello di ascesso per determinare ciò che sta causando l’infezione.

TERAPIA: L’obiettivo è curare l’infezione e ridurre il rischio di danni permanenti. Il trattamento di solito comprende antibiotici e chirurgia. In rari casi, gli antibiotici sono utilizzati da soli. Essi sono di solito somministrati endovena per almeno 4-6 settimane. Tuttavia, alcune persone possono avere bisogno di più tempo, a seconda del tipo di batteri e della gravità della malattia. La chirurgia è di solito necessaria per drenare o rimuovere l’ascesso. Inoltre, la chirurgia è spesso necessaria per ridurre la pressione sul midollo spinale o del cervello, per evitare ulteriori perdite di funzione.

PROGNOSI: La diagnosi precoce e il trattamento migliorano notevolmente la possibilità di un buon risultato. Debolezza, paralisi o modifiche della sensazione hanno scarse possibilità di guarire. Possono verificarsi permanenti danni al sistema nervoso o anche la morte. Possibili complicazioni possono essere:

  • Ascesso cerebrale;
  • Mal di schiena cronico;
  • Meningite;
  • Permanenti danni al cervello e al sistema nervoso, se la diagnosi e la terapia sono ritardati;
  • Ritorno dell’infezione (comune anche se la malattia è curata);
  • Ascesso midollare;
  • Propagazione delle infezioni in ossa della colonna vertebrale o del cranio (osteomielite)

PREVENZIONE: Curare alcune infezioni, come quelle all’orecchio, sinusite, o del sangue, può diminuire il rischio di un ascesso epidurale. La diagnosi precoce e la terapia sono essenziali per prevenire le complicanze.

Fonti: [Nath A. ascesso cerebrale ed infezioni parameningeali. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Elsevier Saunders, 2007; http://health.nytimes.com/health]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento