Balbuzie

Balbuzie

La balbuzie è un disordine del parlato che riguarda un’involontaria esitazione, ripetizione ( “ca-ca-ca-cane”), o dilungamenti ( “ccccccane”), mentre si parla.

CAUSE: Circa il 5% dei bambini di età compresa tra 2 e 5 anni passa attraverso un periodo di balbuzie, ma questa fase è molto breve. Per una piccola percentuale (meno dell’1%), la balbuzie progredisce dalla semplice ripetizione di consonanti alla ripetizione di parole e frasi. Più tardi, spasmi vocali possono svilupparsi con uno sforzo quasi esplosivo della parola.

La balbuzie tende ad essere ereditaria, ma non è chiaro in che misura i fattori genetici siano importanti. Vi è inoltre la prova che può essere associata ad alcune manifestazioni neurologiche, quali ictus o lesioni cerebrali traumatiche. Le componenti psicologiche tendono a rendere i sintomi peggiori o migliori all’interno di ciascun caso. Raramente è considerata un problema psicologico. Situazioni di stress e ansia sociale, tuttavia, possono peggiorare i sintomi. Sorprendentemente, le persone con una significativa difficoltà spesso non balbettano quando cantano o quando sono soli e parlano con sè stessi, oppure leggono a voce alta. La balbuzie tende a persistere in età adulta con maggior frequenza nei maschi che nelle femmine.

SINTOMI: I sintomi della balbuzie possono comprendere:

  • Esitazione in partenza delle frasi;
  • Prolungate pause mentre si parla;
  • Ripetizione di suoni, sillabe o parole;
  • Suoni molto lunghi all’interno delle parole;
  • Occhio che sbatte nervosamente;
  • Movimenti involontari della testa o altre parti del corpo.

I bambini con lieve balbuzie spesso non si rendono conto della situazione. In casi più gravi, i bambini possono mostrare una maggiore consapevolezza, accompagnati da movimenti del viso, ansia, e aumento della balbuzie quando viene chiesto loro di parlare.

DIAGNOSI: Nessun test è di solito necessario. La diagnosi può richiedere la consultazione con un logopedista.

TERAPIA: Non c’è un trattamento specifico per la balbuzie. La maggior parte dei casi precoci sono a breve termine e passano da soli. In casi persistenti, la terapia può aiutare, ma essa non è uguale per tutti. La terapia farmacologica non si è dimostrata utile. La logoterapia può essere utile nei seguenti casi:

  • La balbuzie dura più di 6-12 mesi;
  • Accade la maggior parte delle volte in cui il bambino parla;
  • Il bambino o la famiglia sono molto imbarazzati dalla balbuzie o il bambino ha paura di parlare.

Il modo in cui la famiglia, gli amici e gli insegnanti rispondono ad un bambino che balbetta è molto importante:

  • Evitare le situazioni di stress sociale, quando possibile;
  • Incoraggiare il discorso lento, permettendo al bambino di avere il tempo di parlare;
  • Utilizzare un discorso lento e rilassato quando si parla al bambino;
  • Quando il bambino appare frustrato, riconoscere e assecondare con delicatezza la frustrazione della balbuzie.

PROGNOSI: Nella maggior parte dei bambini che balbettano, la fase passa e il discorso ritorna alla normalità entro 3 o 4 anni. Se la balbuzie inizia dopo gli 8-10 anni è più probabile che continuerà anche nell’età adulta. La balbuzie è più comune in età comprese fra i 3 e i 5 anni. I genitori dovrebbero evitare di esprimere troppa preoccupazione o farla notare, perché questo può effettivamente peggiorare le cose, rendendo il bambino più auto-consapevole. Possibili complicazioni includono problemi sociali causati dalla paura del ridicolo, che può impedire al bambino di sviluppare completamente la capacità di parlare.

Contattare un medico se la balbuzie interferisce con la scuola o il lavoro o con lo sviluppo emotivo, se il bambino dimostra ansia o in imbarazzo a parlare, o se i sintomi durano più di 3-6 mesi.

PREVENZIONE: Non sono noti metodi per la prevenzione della balbuzie. Una delicata attenzione da parte dei genitori, senza accentuare il problema, può aiutare il bambino a sentirsi meglio. Ascoltare con pazienza per il bambino, ottenere il contatto con gli occhi, non interromperlo, ignorare il balbettamento, e mostrare l’amore e l’accettazione necessari. Se il problema continua oltre 6 mesi, il “blocco” discorso dura alcuni secondi, o il bambino mostra evidenti tensioni facciali quando balbetta, cercare un aiuto professionale.

Fonti: [Prasse JE, Kikano GE. Balbuzie: una panoramica. Am Fam Physician. 2008; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento