Bulimia

Bulimia

La bulimia è una malattia definita disordine alimentare, caratterizzata da episodi ricorrenti di significative perdite di controllo nel mangiare. La persona interessata utilizza vari metodi, come vomito o abuso di lassativi, per prevenire l’aumento di peso. Molte, ma non tutte le persone bulimiche, possono essere affette anche da anoressia nervosa.

CAUSE: Nella bulimia, i disordini possono verificarsi sempre più spesso e più volte al giorno per molti mesi. Questi provocano un senso di disgusto di sè stessi, il che porta a comportamenti di compensazione come vomito volontario o eccessivo esercizio fisico. Tali comportamenti possono essere molto pericolosi e possono portare a gravi complicazioni mediche nel corso del tempo. Ad esempio, l’acidità di stomaco dovuta al vomito frequente può danneggiare permanentemente l’esofago. Molte più donne che uomini hanno problemi di bulimia, e ancor più comunemente essa capita  tra le adolescenti. La persona interessata è di solito consapevole che il suo modo di mangiare è anormale e può provare paura o senso di colpa. Anche se il problema è di solito riservato, indizi di questa malattia comprendono l’iperattività, particolari abitudini alimentari o frequenti perdite di peso. Il peso corporeo è di solito normale, anche se la persona può percepirsi in sovrappeso. Se la bulimia è accompagnata da anoressia, il peso corporeo può essere estremamente basso. L’esatta causa della bulimia non è nota, ma condizioni genetiche, costituzionali, psicologiche, traumatiche, familiari, societarie o culturali possono svolgere un ruolo importante. Qualsiasi caso è probabilmente dovuto a più di un fattore.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Disordine alimentare;
  • Induzione al vomito volontario;
  • Uso di lassativi o diuretici;
  • Iperattività.

DIAGNOSI: Un esame dal dentista può mostrare carie dentali o infezioni (come la gengivite). Lo smalto dei denti può essere eroso o indebolito a causa dell’eccessiva esposizione al vomito acido. Una chem-20 può mostrare uno squilibrio elettrolitico (come ipopotassiemia) o disidratazione.

TERAPIA: La terapia si concentra sull’interruzione del vomito volontario con tecniche di comportamento che modifichino le cattive abitudini. Importante è anche l’apporto di un gruppo di supporto e della famiglia. Farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in casi che coinvolgono la depressione.

PROGNOSI: La bulimia è una malattia cronica e molte persone continuano ad avere alcuni sintomi nonostante la cura. Le persone con un minor numero di complicanze mediche di bulimia, e che sono disposte ad impegnarsi in terapia, tendono ad avere una migliore possibilità di recupero. Eventuali complicazioni possono essere:

  • Pancreatite;
  • Carie dentale;
  • Infiammazione della gola;
  • Anomalie degli elettroliti;
  • Disidratazione;
  • Costipazione;
  • Emorroidi.

PREVENZIONE: Porre meno l’accento, a livello sociale e culturale, sulla perfezione fisica potrebbe contribuire a ridurre la frequenza di questo disturbo.

Fonti: [American Psychiatric Association. Trattamento di pazienti con disturbi alimentari, 3a ed. American Psychiatric Association. Am J Psychiatry. 2006 Jul; Berkman ND, Lohr KN, Bulik CM. Risultati dei disturbi alimentari: una revisione sistematica della letteratura. Int J Eat Disord. 2007 May; http://health.nytimes.com/health]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

2 commenti su “Bulimia”

Lascia un commento