Cancro al pene

Cancro al pene

Il cancro al pene è il cancro che inizia nel pene, per questo riguarda solo gli uomini.

CAUSE: La causa esatta non è nota. Lo smegma, una sostanza che ha un odore simile a quello del formaggio, si forma sotto il prepuzio e può aumentare il rischio di cancro del pene. Gli uomini non circoncisi che non mantengono l’area sotto il prepuzio pulita, e gli uomini con una storia di verruche genitali o papillomavirus umano, sono a più alto rischio di questa malattia rara.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Lesioni genitali sul pene;
  • Dolore occasionale al pene;
  • Pene costantemente doloroso e sanguinante (può verificarsi con la fase avanzata della malattia).

DIAGNOSI: Il medico esegue un esame fisico, che può rivelare una lesione non-molle che assomiglia a una verruca. Questa crescita è di solito verso la parte finale del pene. Una biopsia dello smegma è necessaria per confermare se si tratta di cancro.

TERAPIA: La terapia dipende dalla posizione del tumore e quanto esso è diffuso. In generale, il trattamento del cancro include:

  • Chemioterapia, che utilizza farmaci per uccidere le cellule tumorali;
  • Radiazioni, cioè raggi-X ad alta potenza per uccidere le cellule tumorali;
  • Chirurgia, che taglia e rimuove il cancro.

Se il tumore è piccolo e vicino alla punta del pene, l’intervento chirurgico può essere effettuato solo per rimuovere il cancro al pene. Questa si chiama penectomia parziale. Per i tumori più gravi, la rimozione totale del pene (penectomia totale) è spesso necessaria. Una nuova apertura sarà creata nella zona inguinale per consentire all’urina di uscire dal corpo. Questa procedura viene chiamata uretrostomia. La chemioterapia può essere utilizzata insieme ad un intervento chirurgico. Bleomicina è di solito il farmaco chemioterapico più scelto per il trattamento del cancro del pene. La terapia radiante è spesso raccomandata in combinazione con la chirurgia. Un tipo di terapia, chiamata fascio terapia con radiazioni esterne, viene spesso utilizzata. Questo metodo consente di inviare radiazioni al pene al di fuori del corpo. Si consiglia di discutere le paure e le preoccupazioni per quanto riguarda la funzione sessuale e l’immagine corporea prima di un intervento chirurgico. L’iscrizione ad un gruppo di sostegno i cui membri hanno in comune esperienze e problemi può alleviare lo stress associato  alla diagnosi e al trattamento del tumore del pene.

PROGNOSI: Il risultato può essere buono con la diagnosi precoce e la terapia. La sopravvivenza a 5 anni è pari al 65%. Minzione e funzione sessuale possono spesso essere mantenute anche nel caso in cui una porzione significativa del pene viene rimossa. Possibili complicazioni sono la diffusione del cancro con le metastasi ad altre parti del corpo.

PREVENZIONE: La circoncisione può diminuire il rischio di contrarre cancro al pene. Gli uomini che non sono circoncisi devono tenere, sin dalla giovane età, una buona pulizia sotto il prepuzio. Buona igiene personale e pratiche sessuali più sicure, come l’astinenza, limitare il numero di partner sessuali, e l’uso dei preservativi per prevenire l’infezione da herpes genitale, possono diminuire il rischio di sviluppare il cancro al pene.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento