Cancro alla prostata

Cancro alla prostata

Il cancro alla prostata è il cancro che cresce nella prostata. La prostata è una piccola struttura, delle dimensioni di una noce, che fa parte del sistema riproduttivo di un uomo. Si avvolge intorno all’uretra, il tubo che porta l’urina fuori del corpo.

CAUSE: La causa del cancro alla prostata è sconosciuta. Alcuni studi hanno dimostrato una relazione tra la dieta ad alto apporto di grassi ed un maggiore livello di testosterone. Non sono note associazione con l’iperplasia prostatica benigna. Il cancro della prostata è la terza causa più comune di morte per cancro negli uomini di tutte le età ed è la causa più comune di morte per cancro negli uomini con più di 75 anni. Il cancro della prostata è raro da trovare in uomini di età inferiore ai 40 anni.

Gli uomini ad alto rischio sono gli uomini di colore, gli over 60, gli agricoltori, i lavoratori di impianti di lavorazione della gomma, pittori e gli uomini esposti al cadmio. Il minor numero di casi si verifica nei giapponesi e nei vegetariani. I tumori della prostata sono raggruppati in base alla dimensione del tumore, qualsiasi diffusione al di fuori della prostata (e in che misura), e in che modo le cellule tumorali sono diverse dai normali tessuti. Individuare la corretta fase può aiutare a determinare quale trattamento è migliore. Ci sono diversi modi di rilevare lo stato dei tumori, tra cui:

  • Il sistema di classificazione TNM (più comune);
  • Il sistema di classificazione ABCD, noto anche come il sistema Whitmore-Jewett;
  • Classificazione di Gleason.

SINTOMI: Con l’avvento del test PSA, la maggior parte dei tumori alla prostata sono ora rilevati prima che causino sintomi. Inoltre, mentre la maggior parte dei sintomi elencati di seguito possono essere associati con il cancro alla prostata, essi sono più propensi a essere associati a condizioni non cancerose.

  • Esitazione urinaria (o ritardato inizio del flusso urinario);
  • Difficoltà urinaria;
  • Ritenzione urinaria;
  • Dolore con la minzione;
  • Dolore con l’eiaculazione;
  • Dolore alla zona bassa della schiena;
  • Dolore durante la defecazione.

Ulteriori sintomi che possono essere associati a questa malattia sono:

  • Eccessiva minzione durante la notte;
  • Incontinenza;
  • Dolore osseo o mollezza;
  • Ematuria (sangue nelle urine);
  • Dolore addominale;
  • Anemia;
  • Involontaria perdita di peso;
  • Letargia.

DIAGNOSI: Un esame rettale rivela spesso un ingrossamento della prostata con un disco di superficie irregolare. Un certo numero di test può essere fatto per confermare la diagnosi di cancro alla prostata:

  • Prova PSA può essere elevata, anche se l’allargamento non canceroso della prostata PSA può aumentare anche i livelli;
  • PSA libera, può aiutare a capire la differenza tra BPH e il tumore alla prostata;
  • Analisi delle urine possono mostrare sangue nelle urine;
  • Citologia dell’urina o del liquido prostatico, può rivelare insolite cellule;
  • Biopsia della prostata che conferma la diagnosi;
  • TAC può essere fatta per vedere se il cancro si è diffuso;
  • Scansione ossea può essere fatta per vedere se il cancro si è diffuso;
  • Radiografia del torace può essere fatta per vedere se il cancro si è diffuso.

Una nuova prova chiamata AMACR è più sensibile per determinare la presenza di un cancro prostatico rispetto alla prova PSA.

TERAPIA: L’adeguato trattamento del carcinoma della prostata è spesso controverso. Le opzioni di trattamento variano in base alla fase del tumore. Nelle fasi iniziali le soluzioni comprendono la chirurgia, la radioterapia, o, in pazienti anziani, il monitoraggio dei tumori senza trattamento attivo. Il cancro della prostata che si è diffuso può essere trattato con farmaci per ridurre i livelli di testosterone, l’intervento chirurgico per rimuovere i testicoli, o la chemioterapia. Chirurgia, radioterapia e terapia ormonale possono interferire con il desiderio sessuale o nelle prestazioni sia su base temporanea che permanente.

La chirurgia di solito è consigliata solo dopo attenta valutazione e discussione di tutte le opzioni di trattamento. Un uomo, in considerazione un intervento chirurgico, deve essere consapevole dei benefici e dei rischi della procedura.

  • La rimozione della prostata (prostatectomia radicale), è spesso raccomandata per il trattamento della fase A e B. Si tratta di una lunga procedura, di solito fatta con anestesia generale o spinale. Un taglio chirurgico viene effettuato attraverso l’addome o la zona perineale. Si può rimanere in ospedale per 5 – 7 giorni. Possibili complicazioni includono impotenza e incontinenza urinaria;
  • L’orchiectomia altera la produzione di ormoni e può essere raccomandata per il cancro metastatico. Ci può essere qualche livido e gonfiore inizialmente dopo l’intervento chirurgico, ma questo gradualmente passerà. La perdita della produzione di testosterone può portare a problemi con la funzione sessuale, l’osteoporosi, e la perdita di massa muscolare.

La radioterapia viene utilizzata principalmente per il trattamento di tumori della prostata classificati nelle fasi A, B o C. Se la radiazione è buona come la rimozione della prostata è un argomento discutibile, e la decisione su quale scegliere può essere difficile. Nei pazienti il cui lo stato di salute rende il rischio di un intervento chirurgico inaccettabilmente elevato, la radioterapia è spesso l’alternativa migliore. La radioterapia alla prostata può essere interna o esterna:

  • La radioterapia esterna è fatta in un centro di oncologia di radiazione. La radiazione è inviata alla prostata utilizzando un dispositivo che assomiglia ad una normale macchina a raggi-x. Il trattamento è generalmente indolore. Gli effetti collaterali possono includere perdita di appetito, affaticamento, reazioni cutanee, come arrossamento e irritazione, bruciore o lesioni rettali, diarrea, cistite, e sangue nelle urine. La radioterapia esterna è di solito effettuata 5 giorni a settimana per 6 – 8 settimane;
  • La radioterapia interna dà luogo a semi radioattivi iniettati all’interno direttamente sopra o vicino al tumore. Questa è chiamata brachiterapia. Un chirurgo fa un piccolo taglio nella zona iniettata. I semi sono così piccoli che non si sentono. Essi possono essere di carattere temporaneo o permanente. Siccome la terapia radiante interna è rivolta alla prostata, riduce i danni ai tessuti che circondano la prostata. Gli effetti collaterali possono includere dolore, gonfiore o lividi sul pene o scroto, sperma o urine rosso-marroni, impotenza, incontinenza, e diarrea;
  • Le radiazioni sono talvolta utilizzate per il sollievo dal dolore, quando il cancro si è diffuso al tessuto osseo.

I medicinali possono essere usati per regolare i livelli di testosterone. Questa è chiamata manipolazione ormonale. Poiché i tumori della prostata portano a testosterone crescente, la riduzione del livello di testosterone spesso funziona molto bene per prevenire l’ulteriore crescita e la diffusione del cancro. Questa manipolazione è principalmente usata per alleviare i sintomi del cancro negli uomini in cui si è diffusa, oppure per rimuovere chirurgicamente i testicoli. I medicinali Lupron e Zoladex sono anche utilizzati per il trattamento del cancro della prostata avanzato. Questi farmaci bloccano la produzione di testosterone. La procedura è spesso chiamata castrazione chimica, perché ha lo stesso risultato della rimozione chirurgica dei testicoli. Tuttavia, è reversibile, a differenza di un intervento chirurgico. Possibili effetti indesiderati comprendono nausea e vomito, vampate di calore, anemia, letargia, l’osteoporosi, ridotto desiderio sessuale, e disfunzione erettile (impotenza).

Altri farmaci utilizzati per la terapia ormonale includono androgeno-bloccanti (quali flutamide) che impediscono al testosterone di arrivare alle cellule della prostata. Possibili effetti indesiderati comprendono la disfunzione erettile, perdita del desiderio sessuale, problemi al fegato, diarrea, e mammella allargata. La chemioterapia viene spesso utilizzata per il trattamento dei tumori della prostata che sono resistenti ai trattamenti ormonali. Uno specialista in oncologia consiglia di solito un singolo farmaco o una combinazione di farmaci. I farmaci utilizzati con la chemioterapia sono:

  • Adriamicina;
  • Docetaxel;
  • Estramustine;
  • Mitoxantrone;
  • Paclitaxel;
  • Prednisone.

Dopo il primo ciclo di chemioterapia, la maggior parte degli uomini riceve ulteriori dosi. Gli effetti collaterali dipendono dalla quantità e dal tipo dei farmaci. Alcuni degli effetti indesiderati per la maggior parte dei farmaci comunemente usati nella chemioterapia per il cancro della prostata sono:

  • Coaguli di sangue;
  • Lividi;
  • Pelle secca;
  • Affaticamento;
  • Ritenzione di liquidi;
  • Perdita dei capelli;
  • Abbassamento dei globuli bianchi, globuli rossi e piastrine;
  • Piaghe alla bocca;
  • Nausea;
  • Intorpidimento o formicolio alle mani e ai piedi;
  • Disordini allo stomaco;
  • Aumento di peso.

Per assicurarsi che il cancro non si sviluppi, bisognerà fare dei controlli di routine. Il monitoraggio comprende:

  • Esame del sangue PSA (di solito da ogni 3 mesi a 1 anno);
  • TAC ossea per verificare la diffusione del cancro;
  • Esame chimico del sangue;
  • Controllo di altri segni e sintomi, quali stanchezza, perdita di peso, aumento del dolore, riduzione della funzione intestinale e vescicale, e debolezza.

Lo stress della malattia può essere facilitato da parte di un gruppo di sostegno i cui membri hanno in comune esperienze e problemi.

PROGNOSI: Il risultato varia molto, soprattutto perché la malattia capita a uomini anziani che possono avere una varietà di altre malattie o condizioni, come complicazioni cardiache o respiratorie croniche, disabilità o diminuizione notevole delle attività. Possibili complicazioni possono essere impotenza, incontinenza urinaria, vampate di calore e la perdita di desiderio sessuale. Contattare un medico se un uomo di età superiore ai 50 anni:

  • Non ha mai fatto un controllo per il cancro alla prostata;
  • Non fa regolari controlli annuali;
  • Ha un caso in famiglia di carcinoma alla prostata.

Si dovrebbe discutere i vantaggi e gli svantaggi dello screening con PSA con il medico.

PREVENZIONE: Non sono noti metodi di prevenzione. Una dieta vegetariana e povera di grassi può ridurre il rischio. L’individuazione precoce è ora possibile grazie allo screening annuale degli uomini di oltre 40 o 50 anni attraverso l’esame rettale digitale e PSA del sangue.

Fonti: [NCCN Clinical Practice Guidelines in Oncologia: Il cancro della prostata. 1a ed. 2008. Accessed 10 giugno 2008; Walsh PC, DeWeese TL, et al. Pratica clinica. Carcinoma della prostata localizzato. N Engl J Med. 2007; http://health.nytimes.com/health/; Wilt TJ, MacDonald R, et al. Revisione sistematica: l’efficacia comparativa e danneggia di trattamenti per il cancro alla prostata clinicamente localizzato. Ann Intern Med. 2008]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

6 commenti su “Cancro alla prostata”

Lascia un commento