Carcinoma anaplastico della tiroide

Carcinoma anaplastico della tiroide

Il carcinoma anaplastico della tiroide, è una delle forme più aggressive di cancro. Rappresenta solo l’1% dei tumori alla tiroide ed è una malattia molto rara.

CAUSE: Questo tumore cresce molto rapidamente ed è un tipo invasivo di cancro alla tiroide. Esso si verifica più spesso negli anziani con più di 60 anni. La causa non è nota. E’ difficile da individuare in quanto i test di funzionalità tiroidea sono di solito normali.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Tosse;
  • Tosse con sangue;
  • Difficoltà a deglutire;
  • Raucedine o modifica della voce;
  • Respirazione rumorosa;
  • Gonfiore nella parte bassa del collo.

DIAGNOSI: Un esame fisico può verificare la massa del collo. Altri esami comuni sono:

  • Una risonanza magnetica o una scansione TC (tomografia computerizzata) possono mostrare un tumore crescente alla ghiandola della tiroide;
  • Una biopsia della tiroide mostra l’eventuale carcinoma;
  • L’esame delle vie aeree con la fibra ottica (laringoscopia) può mostrare una paralisi delle corde vocali;
  • Una scansione della tiroide con l’isotopo.

TERAPIA: Questo tipo di cancro è curato con un intervento chirurgico per rimuovere il tumore, con una terapia radiante, o anche con entrambi. Può necessitare di un intervento chirurgico per l’inserimento di un tubo in gola per aiutare la respirazione (tracheostomia). Questo tumore non risponde allo iodio radioattivo, che è usato per il trattamento di altri tipi di cancro alla tiroide. Di solito non risponde nemmeno alla chemioterapia. Per alcuni pazienti è necessario sperimentare nuove terapie del cancro della tiroide. Lo stress della malattia può spesso essere alleviato entrando in contatto con un gruppo di sostegno fatto da persone che condividono esperienze e problemi.

PROGNOSI: La prognosi di questa malattia è scarsa. Meno del 5% dei pazienti sopravvive dopo i 5 anni. La maggior parte delle persone non sopravvive più di 6 mesi. Possibili complicazioni sono:

  • Diffusione del tumore all’interno del collo;
  • Metastasi in altri tessuti o organi.

Fonti: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento