Dolore al seno

Dolore al seno

Il dolore al seno è un fastidio o dolore nel petto. Ci sono molte possibili cause. Per esempio, le variazioni dei livelli ormonali legati al ciclo mestruale o la gravidanza sono spesso responsabili di tensione mammaria. Un certo grado di gonfiore e mollezza appena prima del ciclo mestruale è normale. Anche se molte donne con dolore in uno o entrambi i seni possono aver paura del cancro al seno, questo non è un sintomo comune di tale cancro.

Anche gli uomini hanno tessuto mammario. Se un maschio ha tessuto mammario visibile, la condizione si chiama ginecomastia. Gli adolescenti possono avere qualche gonfiore del seno e mollezza, ma può essere parte dello sviluppo normale. Ciò è dovuto ai cambiamenti ormonali, ed è simile alla mollezza del seno nelle donne.

CAUSE: Un certo grado di mollezza del seno è normale. Il disagio può essere causato da cambiamenti ormonali a causa di:

  • Menopausa (a meno che una donna non stia assumendo la terapia ormonale sostitutiva);
  • Mestruazioni e la sindrome premestruale;
  • Gravidanza (la mollezza del seno tende ad essere più comune durante il primo trimestre e nelle donne in gravidanza molto giovani);
  • Pubertà in ragazzi e ragazze.

Subito dopo il parto, i seni possono gonfiarsi per il latte. Questo può essere molto doloroso. Se avete anche dell’arrossamento, contattare il medico. L’allattamento al seno può anche causare dolore. Altre cause comuni di dolore al seno sono:

  • Alcolismo con danni al fegato;
  • Lesione;
  • Infezione del tessuto del seno (mastite).

Modifiche fibrocistiche del seno sono anche una causa comune di dolore. Il tessuto mammario fibrocistico contiene grumi e protuberanze che tendono ad essere più molli soltanto prima del ciclo mestruale. Alcuni farmaci possono anche causare dolore al seno, come metildopa (Aldomet), spironolattone (Aldactone), alcuni diuretici, Anadrol, e clorpromazina. L’herpes zoster può causare dolore se l’eruzione dolorosa porta a vesciche sulla pelle su uno dei seni.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame del seno e porrà domande sui sintomi, sull’auto-palpazione e sui farmaci presi di recente. Gli esami che possono essere effettuati sono:

  • Biopsia mammaria;
  • Cultura dello scarico del capezzolo per l’infezione;
  • Citologia (valutazione microscopica) delle perdite dal capezzolo;
  • Agoaspirato (inserimento di un piccolo ago nel seno per rimuovere i liquidi che possono essere raccolti in una cisti);
  • Risonanza magnetica;
  • Mammografia.

TERAPIA: Alcune pillole anticoncezionali (assegnate dal medico) possono contribuire ad alleviare il dolore al seno. Se avete un’infezione al seno, potrebbero essere necessari gli antibiotici. Se si ha una lesione al petto, applicare immediatamente un impacco freddo come un impacco di ghiaccio (avvolto in un panno, non applicarlo direttamente sulla pelle) per 15-20 minuti. Prendere un farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) come ibuprofene per ridurre la probabilità di sviluppare dolore o gonfiore.

Contattare un medico se avete:

  • Perdita di liquido dai capezzoli, in particolare sangue o pus;
  • Gravidanza entro una settimana ed i seni sono gonfi o duri;
  • Segni di un infezione al seno, quali arrossamento localizzato, pus o febbre;
  • Notato un grumo nuovo associato al dolore che non va via dopo il ciclo mestruale;
  • Persistente ed inspiegabile dolore al petto.

La terapia può comportare:

  • Modifiche nella dieta;
  • Modifiche nelle medicazioni;
  • Antidolorifici.

Il medico dovrà pianificare una serie di visite di controllo nel caso in cui i sintomi scompaiano in un determinato periodo di tempo.

PREVENZIONE: Indossare un reggiseno per il sostegno, soprattutto se i seni sono grandi. Eseguire un auto-esame del seno mensile 3-5 giorni dopo il ciclo. Questo è importante per sentire eventuali cambiamenti nel tessuto del seno. Se si rileva alcuna modifica rispetto al mese precedente, informare il medico.

Fonti: [Valea FA, Katz VL. Malattie del seno: diagnosi e trattamento delle malattie benigne e maligne. In: Katz VL, Lentz GM, Lobo RA, Gershenson DM, eds. Comprehensive Gynecology. 5th ed. Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento