Enuresi (incontinenza notturna)

Enuresi (incontinenza notturna)

L’enuresi è una minzione involontaria nei bambini dai 5-6 anni in su. Essa può verificarsi in qualsiasi momento del giorno o della notte, ma per la maggior parte dei casi si tratta di enuresi notturna.

CAUSE: I bambini sviluppano un controllo completo sulla vescica in età diverse. La continenza notturna di solito è l’ultima fase dell’apprendimento igienico. Quando i bambini urinano a letto più di due volte al mese dopo 5 o 6 anni, si chiama enuresi o enuresi notturna. I bambini che non la fanno più per almeno 6 mesi e poi riprendono a farla si dice siano affetti da enuresi secondaria. Ci sono molte ragioni per cui i bambini urinano a letto. Potrebbe essere un problema fisico, emotivo, o solo un cambiamento nel sonno.

I bambini che non hanno mai smesso di fare la pipì a letto durante la notte hanno l’enuresi primaria. Ciò si verifica in genere quando il corpo produce più urina di quanto la vescica possa contenere, e il bambino non riesce a svegliarsi finché la vescica non è piena. Il cervello del bambino non ha imparato a rispondere al segnale che la vescica è piena. Non ha dunque alcuna colpa. Le cause fisiche sono rare, ma possono includere lesioni del midollo spinale, malformazioni congenite del tratto genito-urinario, infezioni delle vie urinarie, o il diabete.

L’enuresi è spesso ereditaria. Circa il 9% dei maschi ed il 6% delle ragazze ancora bagnano il letto all’età di 7 anni. I numeri registrati sono in lieve calo da 10 anni. Anche se il problema scompare nel corso del tempo, molti bambini e anche un piccolo numero di adulti continuano ad avere episodi di enuresi.

SINTOMI: Il sintomo principale è la minzione involontaria, di solito di notte, che si verifica almeno due volte al mese.

DIAGNOSI: Il pediatra discuterà la storia dell’enuresi in dettaglio. È consigliabile tenere un diario dettagliato che descrive la minzione normale ed episodi notturni, i fluidi e l’assunzione di cibo, il tempo dei pasti e le modalità del sonno. Un esame fisico deve essere eseguito per escludere cause fisiche. Un’analisi delle urine sarà fatta per escludere l’infezione o il diabete. Raggi-X dei reni e della vescica e gli altri studi non sono necessari a meno che non vi sia ragione di sospettare altri problemi.

TERAPIA: Non punire il figlio per aver urinato a letto. Si dovrebbe rassicurare il bambino dicendogli che è comune e che può essere aiutato. Cominciare facendo in modo che il bambino vada in bagno più volte normale durante il giorno e la sera, dicendogli di non trattenere l’urina per lunghi periodi di tempo. Essere sicuri che il bambino vada in bagno prima di andare a dormire. È possibile ridurre la quantità di liquido che il bambino beve un paio d’ore prima di coricarsi, ma questo da solo non è un modo sicuro per guarire. Non si devono limitare eccessivamente i fluidi.

Premiare il bambino per le notti in cui non c’è enuresi. Mentre questo è improbabile che risolva completamente il problema, può aiutare psicologicamente. E’ più utile nei bambini più piccoli, fino agli 8 anni. Una sveglia che suona quando il letto è bagnato può aiutare il bambino a svegliarsi e finire di urinare in bagno. La prescrizione di farmaci, come DDAVP (desmopressina) sono disponibili per il trattamento di questo disturbo. Essi possono diminuire la quantità di urina prodotta durante la notte. Questi farmaci sono facili da usare e hanno risultati rapidi. Essi possono essere utilizzati anche a breve termine, o fino ad alcuni mesi. Il medico può raccomandare l’arresto del farmaco in tempi diversi per vedere se l’enuresi è andata via.

Per i bambini con enuresi secondaria, il medico cercherà la causa della pipì a letto prima di raccomandarne il trattamento.

PROGNOSI: La condizione non costituisce una minaccia per la salute del bambino, se non vi è alcuna causa fisica di questo disturbo. Il bambino può sentirsi imbarazzato o perdere autostima a causa del problema. È importante rassicurare il bambino. La maggior parte dei bambini risponde a qualche tipo di terapia. Possibili complicazioni possono essere l’aggravarsi della causa fisica, se è questo il problema di fondo, o complicazioni psicosociali. Contattare un medico se vostro figlio prova dolore quando urina, ha febbre o sangue nelle urine.

PREVENZIONE: Dormire bene e andare in bagno ad intervalli regolari durante il giorno e la notte può aiutare a prevenire alcuni aspetti di questo disturbo.

Fonti: [Blum NJ. Enuresi notturna: terapie comportamentali. Urol Clin North Am. 2004; Fritz G. parametro di condotta per la valutazione e il trattamento di bambini e adolescenti con enuresi. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry. 2004; Lawless MR, McElderry DH. Enuresi notturna: concetti attuali. Pediatr Rev. 2001; http://health.nytimes.com/health/; Mammen AA. Enuresi notturna: gestione medica. Urol Clin North Am. 2004; Robson WLM, Leung AKC, Van Howe R. primaria e secondaria enuresi notturna: somiglianze nella presentazione. Pediatrics. 2005]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento