Epatite

Epatite

L’epatite è un’infiammazione del fegato.

CAUSE: La malattia può essere causata da:

  • Infezioni da parassiti, batteri o virus (come l’epatite A, B o C);
  • Danni al fegato dovuti ad alcool, droghe, o funghi velenosi;
  • Un sovradosaggio di acetaminofene;
  • Cellule immunitarie del corpo che attaccano il fegato provocando l’epatite autoimmune.

Alcuni farmaci possono causare danni al fegato inclusi Methyldopa (utilizzata per l’alta pressione sanguigna), Isoniazide per la tubercolosi, farmaci per dimagrire (come Valproato e Fenitoina), Clorpromazina, Amiodarone (per il ritmo cardiaco irregolare), e alcuni antibiotici (come Trimetoprim – Sulfametossazolo e Eritromicina).

La malattia epatica può essere causata anche da disturbi ereditati come la fibrosi cistica e Morbo di Wilson (accumulo di tessuti di rame nel cervello e nel fegato). L’epatite può manifestarsi rapidamente (epatite acuta), o a lungo termine (cronica). In alcuni casi possono derivare progressivi danni epatici, insufficienza epatica, o addirittura il cancro al fegato. La gravità dipende da molti fattori, tra cui la causa dei danni e le eventuali patologie di base. L’epatite A, per esempio, è generalmente di breve durata e non conduce direttamente a problemi cronici al fegato. Comuni fattori di rischio sono:

  • Assunzione endovenosa di droga;
  • Sovradosaggio di acetaminofene;
  • Coinvolgimento in atti sessuali a rischio (come avere molteplici partner sessuali e rapporti non protetti);
  • Mangiare cibi contaminati;
  • Alloggiare in una casa di cura o centro di riabilitazione;
  • Contaminazione da un membro della famiglia che recentemente ha avuto l’epatite A;
  • Uso o abuso di alcool;
  • Essere un beneficiario di trapianto di organi;
  • Ammalarsi di HIV o AIDS;
  • Aver ricevuto una trasfusione di sangue prima del 1990 (il controllo dell’epatite C nel sangue non era disponibile);
  • Nascere da una madre malata di epatite B o C (possono essere trasmesse durante la gestazione);
  • Essere un lavoratore nel campo sanitario a causa del contatto con il sangue;
  • Farsi un tatuaggio.

SINTOMI: I sintomi dell’epatite comprendono:

  • Urine scure e feci pallide;
  • Perdita di appetito;
  • Affaticamento;
  • Dolore addominale;
  • Generale prurito;
  • Ittero (ingiallimento della pelle o degli occhi);
  • Nausea e vomito;
  • Febbre bassa;
  • Perdita di peso;
  • Sviluppo della mammella negli uomini.

Molte persone con epatite B o C non hanno sintomi appena infetti, ma possono sviluppare insufficienza epatica più tardi.

DIAGNOSI: Un esame fisico può mostrare ingiallimento della pelle, un fegato infrossato, o fluidi nell’addome (ascite). Il medico può ordinare esami di laboratorio, tra cui:

  • Sierologia da epatite virale;
  • Test di funzionalità epatica;
  • Marcatori del sangue autoimmuni;
  • Ecografia addominale;
  • Biopsia epatica per determinare la gravità dei danni al fegato;
  • Paracentesi per vedere se nell’addome è presente del fluido.

TERAPIA: Il medico discuterà possibili terapie a seconda della causa della malattia epatica. Il medico può raccomandare una dieta con elevato contenuto calorico se si sta perdendo peso. Un rimedio può essere mangiare la maggior parte delle calorie nella prima parte della giornata e riposarsi molto, soprattutto quando si rilevano i sintomi. Ci sono gruppi di sostegno per le persone con tutti i tipi di epatite, che possono aiutare a conoscere le ultime e migliori cure con cui affrontare la malattia.

PROGNOSI: Le prospettive dipendono da molti fattori, tra cui la causa dell’epatite e se non si hanno altre malattie o condizioni che complicano la cura o il recupero. Molte persone guariscono completamente, ma questo potrebbe richiedere mesi di terapia. I rischi sono permanenti danni epatici, insufficienza epatica o cancro al fegato. Altre complicazioni includono peritonite batterica spontanea (quando il liquido nel ventre diventa infetto), e varici esofagee, che possono sanguinare in maniera significativa. Contattare un medico se:

  • Ci sono sintomi legati alle acetaminofene o altri farmaci;
  • Si vomita sangue;
  • Stato di confusione o delirio;
  • Si hanno i sintomi dell’epatite o si crede di essere stati esposti al virus dell’epatite A, B o C;
  • Non si riesce a nutrirsi a causa dell’eccessivo vomito. Potrebbe esserci il bisogno di ricevere l’alimentazione per via endovenosa;
  • Ci si è recati in Asia, Africa, Sud America o in America Centrale.

PREVENZIONE: I seguenti vaccini contro l’epatite sono disponibili:

  • Vaccino contro l’epatite A. Nell’infanzia l’immunizzazione di routine contro l’epatite A è  raccomandata;
  • Il vaccino contro l’epatite B è ora fatto a tutti i neonati e bambini non vaccinati di sotto dei 18 anni. Il vaccino è disponibile per gli adulti ad alto rischio.

Un’anticorpo di immunoglobulina può anche prevenire l’infezione se si è stati esposti ad uno stretto contatto (come un bacio o la condivisione delle posate) con qualcuno a cui è stata diagnosticata l’epatite A nell’arco delle ultime due settimane; oppure va dato subito, insieme con il vaccino per l’epatite B, ad un bambino nato da una donna malata di epatite B.

Altre misure da adottare:

  • Evitare il contatto con il sangue, prendere precauzioni se questo fa parte del vostro lavoro;
  • Evitare il contatto sessuale con una persona infetta da epatite o di cui non si conosce la salute. E’ bene praticare sesso sicuro in ogni caso;
  • Lavare le mani dopo essere andati in bagno e prima di toccare gli alimenti;
  • Evitare la condivisione di piatti, utensili, o del bagno con qualcuno che ha l’epatite A;
  • Non condividere rasoi, aghi, o spazzolini da denti;
  • Quando si viaggia verso zone endemiche, non mangiare alimenti crudi o cotti solo in parte e bere acqua in bottiglia;
  • Non usare droga in condivisione (ad esempio scambio di siringhe);
  • Siate cauti quando si fanno tatuaggi o piercing;
  • Non bere alcool se contemporaneamente si prende acetaminofene.

Fonti: [Rocca LG. Gestione di pazienti con epatite C in una impostazione di comunità: la diagnosi, le discussioni e le decisioni per la cura. Ann Fam Med. 2004; Lin KW. Epatite B. Am Fam medico. 2004; Zimmerman RK. Raccomandato programma di immunizzazione per l’infanzia e l’adolescenza. Am Fam medico. 2003; http://health.nytimes.com/health]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento