Ernia cerebrale

Ernia cerebrale

Un’ernia del cervello, o ernia cerebrale, si verifica quando il tessuto cerebrale, liquido cerebrospinale, ed i vasi sanguigni vengono spostati o pressati dalla propria posizione abituale nella testa.

CAUSE: Un’ernia cerebrale si verifica quando qualcosa all’interno della scatola cranica produce pressione che sposta i tessuti del cervello. Questo è spesso il risultato di edema cerebrale dovuto ad una ferita alla testa. Le ernie cerebrali sono l’effetto collaterale più comune dei tumori del cervello, tra cui:

  • Tumore cerebrale metastatico;
  • Tumore cerebrale primario.

Un’ernia cerebrale può essere causata anche da:

  • Ascesso;
  • Emorragia;
  • Idrocefalo;
  • Ictus che provoca gonfiore nel cervello.

Si può verificare:

  • Tra le aree all’interno del cranio, come quelle separate da una membrana rigida chiamata “tentorio”;
  • Attraverso un’apertura naturale alla base del cranio chiamata foro occipitale;
  • Attraverso aperture create durante un intervento chirurgico al cervello.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Arresto cardiaco;
  • Coma;
  • Respirazione irregolare;
  • Pulsazioni irregolari;
  • Perdita di tutti i riflessi del tronco encefalico (conati di vomito, le pupille che reagiscono alla luce, ecc.);
  • Progressiva perdita di coscienza;
  • Arresto respiratorio.

DIAGNOSI: Un esame neurologico mostra le modifiche nello stato di coscienza. A seconda della gravità dell’ernia, ci saranno problemi con uno o più riflessi cerebrali connessi e con le funzioni dei nervi cranici. I pazienti con un ernia del cervello hanno ritmo cardiaco irregolare e difficoltà a respirare in modo corretto.

TERAPIA: L’ernia cerebrale è un’emergenza medica. L’obiettivo del trattamento è quello di salvare la vita del paziente. Per contribuire a invertire o prevenire l’ernia del cervello, il team medico curerà l’aumento del gonfiore e la pressione nel cervello. Il trattamento può comportare:

  • Rimozione chirurgica del fluido;
  • Corticosteroidi come il desametasone, specialmente se c’è un tumore al cervello;
  • Farmaci che rimuovono il liquido dal corpo, come diuretici, che riducono la pressione all’interno del cranio;
  • L’immissione di un tubo nelle vie aeree (intubazione endotracheale) e l’aumento della frequenza respiratoria per ridurre i livelli di biossido di carbonio (CO2) nel sangue;
  • Rimozione del sangue, se l’emorragia è la causa dell’ernia.

PROGNOSI: Le prospettive di guarigione variano e dipendono da dove l’ernia si è verificata. La morte è possibile. Un’ernia al cervello è spesso causa di ictus. Ci possono essere danni alle parti del cervello che controllano la respirazione e il flusso di sangue. Questo può portare rapidamente alla morte o alla morte cerebrale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Morte cerebrale;
  • Permanenti e rilevanti problemi neurologici.

Contattare un medico se diminuisce lo stato di coscienza o ci sono altri sintomi improvvisi che si sviluppano, soprattutto se vi è stata una ferita alla testa o se la persona ha un tumore al cervello o qualche malformazione alle arterie.

PREVENZIONE: L’immediata terapia dei disturbi correlati, può ridurre il rischio di ernia al cervello.

Fonti: [Nkwuo N, N Schamban, Borenstein M. Selected Emergenze oncologiche. In: Marx, JA, ed. Rosen’s Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice. 6 ª ed. Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2006; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento