Esofago di Barrett

Esofago di Barrett

L’esofago di Barrett è una patologia gastrointestinale, in cui il rivestimento dell’esofago (il tubo che porta il cibo dalla gola allo stomaco) è danneggiato dagli acidi dello stomaco.

CAUSE: Un’irritazione della mucosa dell’esofago dagli acidi dello stomaco può portare all’esofago di Barrett. L’irritazione è causata da acidità di stomaco che risale lungo il tratto gastrointestinale. Questo è comunemente noto come reflusso gastroesofageo (GERD) e può causare bruciori di stomaco. L’esofago di Barrett è più comune negli uomini rispetto alle donne. Si ha un rischio maggiore per questa condizione se si hanno GERD frequenti e di lunga data.

SINTOMI: L’esofago di Barrett da solo non provoca sintomi. Il reflusso acido provoca problemi come il bruciore di stomaco.

DIAGNOSI: La diagnosi comporta l’analisi dell’esofago con un endoscopio e quella di un campione di tessuto dell’esofago. Questa procedura si chiama esofagoscopia con la biopsia. Un controllo periodico endoscopico viene spesso consigliato per controllare eventuali complicanze come il cancro.

TERAPIA: Il trattamento può essere importante anche se non si sente alcun sintomo. I cambiamenti nello stile di vita comprendono:

  • Evitare i grassi alimentari, cioccolato, caffeina e menta piperita perché possono causare la pressione esofagea inferiore e comportare l’acidità di stomaco;
  • Evitare l’alcool e il tabacco;
  • Evitare di sdraiarsi dopo i pasti;
  • Perdere peso;
  • A letto, stare con il capo sollevato.

I farmaci per alleviare i sintomi e per controllare il reflusso gastroesofageo sono:

  • Antiacidi dopo i pasti e al momento di coricarsi;
  • Agenti colinergici;
  • Antagonisti dei recettori H2 dell’istamina;
  • Agenti Promotility;
  • Inibitori della pompa protonica.

Un intervento chirurgico per rimuovere una porzione dell’esofago può essere consigliato, se una biopsia mostra alterazioni cellulari che tendono a portare al cancro. Tali modifiche sono chiamate displasia. La terapia fotodinamica è un’opzione che può consentire di evitare l’intervento chirurgico. Questa implica l’uso di uno speciale dispositivo laser chiamato palloncino esofageo, insieme con un farmaco chiamato Photofrin. Insieme distruggono le cellule anormali nel rivestimento dell’esofago, senza intaccare il tessuto normale.

PROGNOSI: Un aumentato rischio di carcinoma esofageo è presente. Un controllo periodico endoscopico per cercare displasia o cancro è spesso consigliato. Possibili complicazioni possono essere il cancro esofageo, difficoltà nella deglutizione o perdita di peso. Contattare un medico se il bruciore di stomaco persiste per più di pochi giorni, o se si ha dolore o difficoltà a deglutire.

Se è stato diagnosticato l’esofago di Barrett, chiamare un medico se i sintomi peggiorano o non migliorano con il trattamento, o se si sviluppano nuovi sintomi.

PREVENZIONE: La diagnosi e la terapia delle malattie gastroesofagee possono impedire l’esofago di Barrett.

Fonti: [Wilson, J F. Nella clinica. Malattia da reflusso gastroesofageo. Ann Intern Med. 2008; http://health.nytimes.com/health/; Wang, KK e Sampliner, R E. aggiornato 2008 linee guida per la diagnosi, la sorveglianza e la terapia di esofago di Barrett. Am J Gastroenterol. 2008]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento