Febbre reumatica

Febbre reumatica

La febbre reumatica è una malattia infiammatoria che si può sviluppare dopo una infezione da Streptococcus batteri. La malattia può colpire cuore, articolazioni, pelle e cervello.

CAUSE: La febbre reumatica è comune in tutto il mondo ed è responsabile di molti casi di deterioramento delle valvole cardiache. Di solito si verifica in focolai isolati. La febbre reumatica colpisce soprattutto i bambini tra i 6 e i 15 anni, e si verifica circa 20 giorni dopo il mal di gola dovuto allo streptococco o alla scarlattina.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore addominale;
  • Febbre;
  • Problemi di cuore, che possono risultare in mancanza di respiro e dolore toracico;
  • Artrite (soprattutto nelle ginocchia, gomiti, caviglie e polsi);
  • Gonfiore, arrossamento o calore;
  • Epistassi;
  • Noduli sulla pelle;
  • Eruzioni cutanee;
  • Instabilità emotiva;
  • Debolezza muscolare o veloci e scoordinati movimenti di viso, piedi e mani.

DIAGNOSI: Questa malattia ha forme diverse, quindi non c’è un esame unico che la può diagnosticare con certezza. Il medico eseguirà un attento esame, che include il controllo dei suoni del cuore, la pelle e le articolazioni. I test possono includere:

  • Esame dello streptococco;
  • Esame chimico del sangue;
  • Elettrocardiogramma;
  • Tasso di sedimentazione.

Diversi criteri maggiori e minori sono stati sviluppati per contribuire a standardizzare la diagnosi della febbre reumatica. I principali criteri per la diagnosi includono:

  • Artrite in diverse articolazioni (poliartrite);
  • Infiammazioni al cuore (cardite);
  • Noduli sotto la pelle;
  • Rapidi movimenti;
  • Eruzioni cutanee.

I criteri minori includono:

  • Febbre;
  • Alta sedimentazione;
  • Misto dolore;
  • Altri risultati di laboratorio.

È probabile che in una diagnosi ci siano criteri sia maggiori che minori.

TERAPIA: Se si diagnostica la febbre reumatica acuta si verrà curati con antibiotici. Farmaci anti-infiammatori, come l’aspirina o i corticosteroidi riducono l’infiammazione acuta e migliorano la febbre reumatica. Potrebbe essere necessario assumere basse dosi di antibiotici (ad esempio, penicillina, sulfadiazina, o eritromicina) a lungo termine per evitare il ritorno della malattia.

PROGNOSI: La febbre reumatica è probabile che torni nelle persone che non prendono antibiotici a basso dosaggio continuamente, specialmente durante i primi 3-5 anni appena successivi alla malattia. Complicanze al cuore possono essere gravi, soprattutto se le valvole cardiache sono coinvolte. Possibili complicazioni possono essere:

  • Aritmie;
  • Danni alle valvole cardiache (in particolare, stenosi mitralica e stenosi aortica);
  • Endocardite;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Pericardite.

Contattare un medico se si sviluppano sintomi di febbre reumatica. Dato che molte malattie hanno sintomi simili, è necessaria un’attenta valutazione medica.

PREVENZIONE: Il modo migliore per prevenire la febbre reumatica è un trattamento rapido per il mal di gola dovuto allo streptococco e alla scarlattina.

Fonti: [Gerber MA. Streptococcus gruppo A. In: Kliegman RM, Behrman RE, Jenson HB, Stanton BF, eds. Nelson Textbook of Pediatrics. 18a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento