Fotofobia

Fotofobia

La fotofobia è un disagio per l’occhio alla luce. Si tratta di un sintomo piuttosto comune. Per molte persone, la fotofobia non è causata da una malattia di base. La fotofobia grave può essere associata a problemi agli occhi e causare grave dolore oculare, anche con scarsa illuminazione.

CAUSE: Le più comuni sono:

  • Eccesso nell’utilizzo di lenti a contatto, o per lenti a contatto montate male;
  • Malattie degli occhi, infortuni o infezioni;
  • Ustioni all’occhio;
  • Comune emicrania;
  • Meningite;
  • Acuta irite o uveite (infiammazione all’interno degli occhi);
  • Abrasione corneale;
  • Ulcera corneale;
  • Farmaci come le amfetamine, l’atropina, cocaina, cyclopentolate, idoxuridine, fenilefrina, scopolamine, trifluridine, tropicamide, e vidarabine;
  • Occhi dilatati.

TERAPIA: Il disagio dovuto alla sensibilità alla luce può essere ridotto evitando la luce del sole, chiudendo gli occhi, indossando occhiali scuri, o oscurando la stanza. Tuttavia, la causa per la sensibilità alla luce deve essere determinata, in quanto il corretto trattamento può curare il problema. Curarsi urgentemente, se il dolore passa da moderato a grave in condizioni di scarsa illuminazione. Contattare un medico se la sensibilità alla luce è grave, ad esempio, se avete la necessità di indossare occhiali da sole anche al chiuso, oppure se la sensibilità si verifica con mal di testa, gli occhi rossi o visione offuscata o non passa nell’arco di un giorno o due.

Le terapie per superare la fotofobia comportano farmaci anti-ansia e terapia fisica. Alcuni dei farmaci utilizzati nel trattamento della fotofobia comprendono:

  • Acular;
  • Voltaren oftalmica;
  • Rizatriptan;
  • Maxalt;
  • Maxalt MLT;
  • Maxalt RPD.

Tutti i farmaci, anche quelli per cui non serve la prescrizione medica, devono essere concordati con il proprio medico.

DIAGNOSI: Il medico dovrà effettuare un esame fisico, compreso un esame oculistico. È possibile che vengano poste domande sui sintomi, eventuali ferite, esposizioni a polveri o prodotti chimici, ecc. Informare il medico se si ha uno qualsiasi di questi sintomi:

  • Dolore agli occhi;
  • Mal di testa;
  • Nausea;
  • Rigidità del collo;
  • Visione offuscata;
  • Sanguinamento o ferita in un occhio;
  • Arrossamento;
  • Prurito;
  • Gonfiore;
  • Vertigini;
  • Intorpidimento o formicolio in altre parti del corpo;
  • Variazioni nell’udito.

I seguenti test possono essere effettuati:

  • Raschiatura corneale;
  • Esame con lampada a fessura;
  • Puntura lombare.

PROGNOSI: Le possibilità di guarigione della fotofobia dipendono dalla causa.

Fonti: [http://health.nytimes.com/health/; www.wrongdiagnosis.com]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento