Mestruazioni irregolari

Mestruazioni irregolari

Il ciclo mestruale non è lo stesso per ogni donna. In media, il flusso mestruale si verifica ogni 28 giorni (nella maggior parte delle donne il ciclo arriva tra i 24 e i 34 giorni), e dura circa 4 giorni. Tuttavia, vi è un’ampia variazione nei tempi e nella durata che è considerata normale, specialmente se il ciclo è iniziato da poco. Se l’assorbente o il tampone rimane completamente bagnato ogni 2-3 ore consecutive, questa è considerata una perdita molto pesante. Un periodo prolungato di tempo è quello che dura più di 7 giorni. Il sanguinamento può essere qualcosa di cui preoccuparsi se si verifica fuori dai tempi normali, dopo un rapporto sessuale, o se si ha più di 50 anni, soprattutto se si è già passati attraverso la menopausa. Il rischio di cancro aumenta con l’età. Spesso, se c’è sanguinamento dal retto o nelle urine, si potrebbe pensare che il sangue sia dalla vagina. Per sapere con certezza se è così, inserire un tampone nella vagina per la conferma.

CAUSE: Le più comuni cause di ciclo mestruale anormale possono essere:

  • Anovulazione (mancanza di produzione di ovaie);
  • Polipi endometriali (l’endometrio è il rivestimento interno di utero);
  • Iperplasia endometriale (ispessimento o accumulo nella parete uterina);
  • Cancro endometriale;
  • Fibromi uterini;
  • Anormale funzione tiroidea o pituitaria;
  • Complicazioni da gravidanza, come aborto spontaneo o gravidanza ectopica (quando un ovulo fecondato si impianta fuori dall’utero);
  • Cambiamenti ormonali, come la menopausa;
  • Modifiche nell’assunzione della pillola contraccettiva;
  • L’uso di alcuni farmaci come steroidi o sangue-diluenti (ad esempio, il warfarin o Coumadin);
  • L’uso di un dispositivo intrauterino (IUD) per il controllo delle nascite;
  • Recenti traumi, chirurgia o altre procedure uterine;
  • Malattia infiammatoria pelvica o altre infezioni;
  • Stress, cambiamento nella dieta o nell’esercizio fisico, recente perdita o aumento di peso, viaggi o malattie.

TERAPIA: Tenere un registro dei cicli mestruali, dove si segna quando inizia e finisce, com’è il flusso (contare il numero di assorbenti e tamponi utilizzati), e qualsiasi altra esperienza di sintomi. I tamponi devono essere cambiati almeno due volte al giorno per evitare l’infezione. Dato che l’aspirina può prorogare il sanguinamento, dovrebbe essere evitata. L’ibuprofene è generalmente più efficace dell’aspirina per alleviare i crampi mestruali. Contattare un medico se:

  • Il tampone o assorbente si imbeve ogni 2-3 ore;
  • Il sanguinamento dura più di una settimana;
  • Si è in stato di gravidanza;
  • Si ha dolore, specialmente quando il dolore non c’entra con le mestruazioni;
  • I cicli sono pesanti o prolungati per tre o più volte consecutive, rispetto al normale;
  • Si ha la febbre o perdite vaginali anomale, soprattutto se si emana cattivo odore;
  • Si ha sanguinamento dopo la menopausa;
  • Si hanno emorragie o chiazze fuori dai cicli;
  • C’è perdita da un capezzolo, l’eccessiva crescita dei capelli, l’ispessimento vocale, involontaria perdita o aumento di peso, o acne.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico, compreso un esame pelvico, e porrà domande sui sintomi, sulle condizioni della paziente, su inteventi chirurgici e malattie precedenti. I test diagnostici che possono essere svolti comprendono:

  • Striscio vaginale;
  • Biopsia endometriale;
  • Ecografia pelvica;
  • Prove di laboratorio, quali test di funzionalità della tiroide, CTF, test di gravidanza, e di ferritina sierica.

L’ibuprofene o un altro inibitore della prostaglandina è spesso prescritto. L’ibuprofene è disponibile anche in dosaggi più bassi (Advil, Nuprin) senza prescrizione medica. In alcuni casi di forti emorragie, la dilatazione e correzione può essere richiesta. Se viene trovato un tumore, l’intervento chirurgico (isterectomia) a volte è necessario. Tumori (fibromi uterini) sono comuni e non sono collegati al cancro. I fibromi possono fermarsi da soli, e la chirurgia può non essere necessaria a seconda della quantità del sanguinamento, la posizione del fibroide, e la risposta a vari tentativi di terapia. Se vi è stata una rapida crescita del tumore fibroide o se lo striscio vaginale è anomalo, un intervento chirurgico o un altro tipo di terapia può essere necessario. Se il sanguinamento è pesante per le anomalie ormonali, il trattamento delle anomalie specifiche per correggere il sanguinamento può essere effettuato. Ormoni femminili sono comunemente usati per regolare le mestruazioni.

Fonti: [Osei J, Critchley H. menorragia, i meccanismi e le terapie mirate. Curr Opin Obstet Gynecol. 2005; James AH. Più di menorragia: un riesame delle ostetriche e ginecologiche manifestazioni di disturbi emorragici. Emofilia. 2005; http://health.nytimes.com/health/; Warner PE, Critchley HO, Lumsden MA, Campbell-Brown M, Douglas A, Murray GD. Menorragia I: misurata la perdita di sangue, caratteristiche cliniche, e dei risultati nelle donne con pesanti periodi: uno studio con follow-up dei dati. Am J Obstet Gynecol. 2005]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento