Mixoma atriale

Mixoma atriale

Un mixoma atriale è un tumore non canceroso nella parte in alto a sinistra o al lato destro del cuore. Cresce sulla parete (setto atriale) che separa i due lati del cuore.

CAUSE: Un mixoma è un tumore primario al cuore. Ciò significa che il tumore ha inizio all’interno del cuore. La maggior parte dei tumori al cuore iniziano da qualche altra parte. I tumori primari cardiaci sono rari. I mixomi sono il tipo più comune di questi tumori rari. Circa il 75% dei mixomi si verificano nell’atrio sinistro del cuore. I mixomi atriali sono a volte associati a stenosi della tricuspide e fibrillazione atriale.

I mixomi sono più comuni nelle donne. Circa il 10% sono ereditari. Questi tumori vengono chiamati mixomi familiari. Essi tendono a verificarsi in più di una parte del cuore contemporaneamente, e sono spesso causa di sintomi in età più giovane rispetto agli altri mixomi.

SINTOMI: I sintomi possono verificarsi in qualsiasi momento, ma più spesso si accompagnano un cambiamento di posizione del corpo. Questi possono includere:

  • Difficoltà a respirare quando si è stesi;
  • Difficoltà di respirazione durante il sonno;
  • Dolore toracico;
  • Vertigini;
  • Svenimento;
  • Palpitazioni;
  • Respiro affannoso con l’attività fisica.

I sintomi e i segni spesso assomigliano alla stenosi mitralica. Altri sintomi generali possono anche essere presenti, come ad esempio:

  • Pelle bluastra, soprattutto delle dita (fenomeno di Raynaud);
  • Tosse;
  • Raggio di curvatura delle unghie accompagnato dall’allargamento dei tessuti molli delle dita;
  • Febbre:
  • Dita che cambiano colore al momento della pressione o per freddo o stress;
  • Malessere generale;
  • Perdita di peso involontaria;
  • Dolore misto;
  • Gonfiore in qualsiasi parte del corpo.

Questi sintomi generali possono anche assomigliare a quelli dell’endocardite infettiva.

DIAGNOSI: Il medico ascolta il cuore con lo stetoscopio. Un rumore, suoni anormali o soffio possono essere sentiti. Questi suoni possono cambiare quando il paziente cambia posizione. Il mixoma atriale raramente produce sintomi fino a quando non è cresciuto fino ad almeno 13 cm di larghezza. I test di imaging possono includere:

  • Radiografia del torace;
  • TAC del torace;
  • Elettrocardiogramma;
  • Ecocardiogramma;
  • Studio Doppler;
  • Risonanza magnetica al cuore;
  • Angiografia della parte sinistra del cuore;
  • Angiografia al cuore;
  • Esami del sangue.

Una conta completa del sangue può mostrare l’anemia e l’aumento dei globuli bianchi. Il tasso di sedimentazione eritrocitaria (VES) è aumentato.

TERAPIA: Il tumore deve essere rimosso chirurgicamente. Alcuni pazienti dovranno anche sottoporsi alla sostituzione della valvola mitrale. Questo può essere fatto durante l’intervento stesso. Il mixoma può tornare se l’intervento chirurgico non ha rimosso tutte le cellule tumorali.

PROGNOSI: Anche se un mixoma non è un cancro, le complicanze sono comuni. Non curandolo, un mixoma può portare ad un’embolia (rottura delle cellule tumorali che viaggiano nel sangue), che può bloccare il flusso del sangue o causare la crescita di un altro mixoma in un’altra parte del corpo. Dei frammenti del mixoma possono arrivare fino al cervello, occhi, o agli arti.

Se il tumore cresce dentro il cuore, può bloccare il flusso del sangue attraverso la valvola mitrale e provocare i sintomi di stenosi mitralica. Ciò può richiedere un intervento chirurgico d’urgenza per prevenire la morte improvvisa. Possibili complicazioni possono essere:

  • Aritmie;
  • Edema polmonare;
  • Emboli periferici;
  • Metastasi del tumore;
  • Blocco della valvola mitrale cardiaca.

Contattare un medico se vi è una storia familiare di mixomi o se avete sintomi del mixoma atriale.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento