Neuroblastoma

Neuroblastoma

Il neuroblastoma è un tumore maligno (cancro) che si sviluppa nel tessuto nervoso. Si manifesta di solito nei neonati e nei bambini.

CAUSE: Il neuroblastoma può verificarsi in molte zone del corpo. Esso si sviluppa nei tessuti che costituiscono il sistema nervoso simpatico (la parte del sistema nervoso che controlla le funzioni del corpo, come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, la digestione, ed i livelli di alcuni ormoni). Più comunemente inizia nel ventre, nei tessuti della ghiandola surrenale, ma può verificarsi anche in altri settori. Può infettare i linfonodi, il fegato, le ossa, il midollo osseo. La causa non è nota. Il neuroblastoma è più comunemente diagnosticato nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Il disturbo si verifica in circa un bambino su 100.000 ed è un po’ più comune nei maschi.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Pelle pallida;
  • Cerchi scuri intorno agli occhi;
  • Stanchezza cronica, eccessiva stanchezza che dura per settimane o mesi;
  • Diarrea;
  • Gonfiore all’addome (in particolare se la diffusione è nel fegato);
  • Dolore osseo o mollezza (se il cancro si diffonde alle ossa);
  • Difficoltà di respirazione (se il cancro si diffonde al torace);
  • Disagio o malessere generale che dura settimane o mesi;
  • Arrossamento della pelle;
  • Sudorazione profusa;
  • Polso rapido (tachicardia);
  • Movimenti incontrollati;
  • Paralisi dei fianchi, gambe o piedi;
  • Circolazione non coordinata;
  • Irritabilità o difficoltà di auto-controllo.

I sintomi variano in base al sito del tumore.

DIAGNOSI: I segni variano a seconda della localizzazione del tumore. Un esame del ventre (palpazione), può trovare una massa che può rilevare il fegato ingrossato. Un tumore della ghiandola surrenale può causare la pressione alta e una rapida frequenza cardiaca. Test che rivela l’origine del tumore, la localizzazione e la diffusione sono:

  • TAC;
  • Scansione MRI;
  • Raggi-X al torace;
  • Scansione ossea;
  • Biopsia del midollo osseo;
  • Livelli ormonali;
  • Esame del sangue;
  • Catecolamine (nelle urine);
  • Catecolamine (nel sangue);
  • Scansione del cuore.

TERAPIA: Il trattamento varia a seconda della localizzazione del tumore, l’estensione del tumore, la diffusione e l’età del paziente. In alcuni casi, la chirurgia da sola è sufficiente, ma spesso sono necessarie altre terapie. Farmaci antitumorali (chemioterapia) possono essere raccomandati se il tumore è molto diffuso. Una terapia radiante può essere utilizzata. Lo stress della malattia spesso può essere alleviato da parte di un gruppo di sostegno, dove i membri hanno in comune esperienze e problemi.

PROGNOSI: Il risultato è variabile. In bambini molto piccoli con neuroblastoma, il tumore può andare via da solo, senza alcun trattamento, o i tessuti del tumore possono maturare e svilupparsi in un ganglioneuroma benigno che può essere rimosso chirurgicamente. In altri casi, il tumore si diffonde rapidamente. La risposta al trattamento è variabile. La terapia ha spesso successo, se il tumore non è diffuso. Se è diffuso in altri settori, il neuroblastoma diventa molto difficile da curare. Possibili complicazioni possono essere:

  • Metastasi;
  • Danni e perdita della funzione degli organi coinvolti;
  • insufficienza renale;
  • Insufficienza epatica;
  • Perdita di cellule del sangue prodotte dal midollo osseo;
  • Diminuzione della resistenza alle infezioni;
  • Problemi ad altri organi.

Contattare un medico se ci sono i sintomi del neuroblastoma. La diagnosi precoce e il trattamento migliorano la possibilità di guarigione.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento