Neuropatia autonomica

Neuropatia autonomica

La neuropatia autonomica è un gruppo di sintomi che si verificano quando vi è un danno ai nervi che regolano la pressione arteriosa, frequenza cardiaca, intestinale, lo svuotamento della vescica, la digestione, e altre funzioni del corpo.

CAUSE: La neuropatia autonomica è una forma di neuropatia periferica. Si tratta di un gruppo di sintomi, non di una malattia specifica. Ci sono molte cause. Danni al sistema nervoso autonomo influiscono sulla funzione delle aree collegate al nervo che dà problemi. Ad esempio, i danni ai nervi del tratto gastrointestinale rendono più difficile spostare gli alimenti durante la digestione (diminuita motilità gastrica). La neuropatia autonomica colpisce i nervi che regolano le funzioni vitali, tra cui il muscolo del cuore e la muscolatura liscia. I danni ai vasi sanguigni o ai nervi causano problemi con la pressione sanguigna e la temperatura corporea.

SINTOMI: I sintomi variano a seconda del nervo colpito. Di solito si sviluppano gradualmente nel corso degli anni. I sintomi possono includere:

Tubo digerente:

  • Stipsi;
  • Diarrea;
  • Sazietà precoce;
  • Nausea dopo aver mangiato;
  • Gonfiore dell’addome;
  • Perdita involontaria di oltre il 5% del peso corporeo;
  • Vomito di cibo non digerito.

Cuore:

  • Cambiamenti di pressione del sangue con il cambiamento di posizione;
  • Vertigini che si verificano quando si sta in piedi.

Delle vie urinarie:

  • Difficoltà a cominciare ad urinare;
  • Sensazione di svuotamento incompleto della vescica;
  • Incontinenza urinaria.

Altri sintomi:

  • Sudorazione anormale;
  • Svenimento;
  • Intolleranza al caldo, indotta dall’esercizio fisico;
  • Impotenza maschile.

DIAGNOSI: Una storia medica e generale ed un esame fisico sono fondamentali. Un esame neurologico può mostrare prove di una rottura dei nervi. Tuttavia, è molto difficile provare direttamente dei danni al sistema nervoso autonomo. I segni di neuropatia autonomica includono:

  • Anormali suoni nell’addome, che indicano un diminuito movimento gastrico;
  • Riduzione della pressione arteriosa in posizione eretta;
  • Debole reazione delle pupille negli occhi;
  • Gonfiore dell’addome;
  • Gonfiore della vescica.

Occasionalmente, altri sintomi possono indicare un problema nella funzione del sistema nervoso autonomo, tra cui:

  • Difficoltà a deglutire;
  • Eccessiva sudorazione;
  • Ritmo cardiaco irregolare;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Battito cardiaco rapido o rallentato.

Misure speciali di sudorazione e battito cardiaco sono chiamate “test autonomo” e possono aiutare nella diagnosi e nel trattamento. Altri test includono:

  • Misurazione della pressione arteriosa da distesi, seduti e in piedi;
  • Misurazione delle variazioni nella frequenza cardiaca;
  • Gastroscopia;
  • Studio degli isotopi;
  • Svuotamento urinario o cistouretrogramma, o altri test di funzione della vescica.

Altri test per la neuropatia autonomica si basano sulla causa presunta della malattia, come suggerito dalla storia, i sintomi, e il modo in cui si sono sviluppati.

TERAPIA: Il trattamento è di supporto e può essere necessario a lungo termine. Diversi i trattamenti possono essere tentati prima di un successo. Varie strategie possono essere utilizzate per ridurre i sintomi nei piedi, gambe e braccia. Questi includono:

  • Florinef e sale in pastiglie per aumentare il volume di liquidi nei vasi sanguigni;
  • Fludrocortisone o farmaci simili a ridurre l’ipotensione posturale;
  • Farmaci per aumentare il sale e la ritenzione di liquidi;
  • Proamatine per evitare una caduta della pressione arteriosa stando in piedi;
  • Dormire con la testa sollevata;
  • L’uso di calze elastiche.

Trattamenti per la ridotta motilità gastrica includono:

  • Farmaci che aumentano la motilità gastrica (come Reglan);
  • Dormire con la testa sollevata;
  • Piccoli e frequenti pasti.

Diarrea, stitichezza, problemi alla vescica e altri sintomi sono curati come appropriato. Questi sintomi possono rispondere in modo adeguato al trattamento. I farmaci che contraggono la vescica possono essere usati per aiutare con i problemi di controllo delle vie urinarie.

Farmaci di fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), come il sildenafil (Viagra), il vardenafil (Levitra) e tadalafil (Cialis) sono sicuri ed efficaci per il trattamento dell’impotenza nei pazienti con diabete.

PROGNOSI: Il risultato varia. Se la causa può essere trovata e trattata vi è la possibilità che i nervi possano ripararsi o rigenerarsi. I sintomi possono migliorare con il trattamento, oppure possono continuare o peggiorare, anche con il trattamento. La maggior parte dei sintomi della neuropatia autonomica sono scomodi, ma sono raramente pericolosi per la vita. Possibili complicazioni possono essere:

  • Fluidi o squilibrio elettrolitico, come il potassio nel sangue;
  • Infortuni da caduta;
  • Insufficienza renale;
  • Malnutrizione;
  • Effetti sociali/psicologici come l’impotenza.

Contattare un medico se si hanno sintomi di neuropatia autonomica. I primi sintomi possono includere:

  • Debolezza o senso di stordimento stando in piedi;
  • Cambiamenti nella funzione dell’intestino, vescica, o sessuale;
  • Nausea inspiegabile e vomito quando si mangia.

La diagnosi precoce e il trattamento aumentano la probabilità di controllare i sintomi.

PREVENZIONE: Per prevenire o ridurre i disturbi associati alla neuropatia autonomica si può ridurre il rischio di contrarre la malattia. Ad esempio, i diabetici devono controllare attentamente i livelli di zucchero nel sangue. Gli alcolisti dovrebbero smettere di bere.

Fonti: [Hunt D. American Diabetes Association (ADA). Standard di cure mediche nel diabete – 2008. Diabetes Care. 2008; Vardi M, Nina A. inibitori della fosfodiesterasi per la disfunzione erettile nei pazienti con diabete mellito. Cochrane Database Syst Rev. 2007; http://health.nytimes.com/health/; Benarroch E, Freeman R, Kaufman H. sistema nervoso autonomo. In: Goetz CG, eds. Textbook of Clinical Neurology. 3a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 207]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento