Paralisi di Bell

Paralisi di Bell

La paralisi di Bell è una forma temporanea di paralisi facciale che si verifica con danni al nervo che controlla il movimento dei muscoli del viso.

CAUSE: La paralisi di Bell è una forma di mononeuropatia cranica. E’ il tipo più comune dei danni ai nervi. Colpisce circa una persona ogni 5.000. La paralisi di Bell comporta danni al nervo del cranio facciale, il quale comanda il movimento dei muscoli del viso. La causa spesso non è chiara, anche se le infezioni da herpes possono essere coinvolte. Altre possibilità possono essere:

  • Infiammazione del nervo;
  • Diabete;
  • Malattia di Lyme;
  • Sarcoidosi.

SINTOMI: I sintomi di solito iniziano all’improvviso, e variano da lieve a grave. Essi possono includere:

  • Modifica delle espressioni del viso;
  • Difficoltà a mangiare e bere;
  • Mancanza di controllo dei muscoli facciali;
  • Palpebra o angolo della bocca pesanti;
  • Secchezza oculare o delle fauci;
  • Sensazione di rigidità in una parte del viso;
  • Paralisi facciale di un lato del viso, la quale rende difficile chiudere un occhio;
  • Cefalea;
  • Perdita del senso del gusto;
  • Dolore davanti o dietro l’orecchio;
  • Sensibilità al suono (iperacusia) sul lato colpito;
  • Spasmi muscolari facciali;
  • Debolezza facciale.

DIAGNOSI: Il medico dovrà effettuare:

  • Esami del sangue per la sarcoidosi o la malattia di Lyme;
  • Risonanza magnetica;
  • Elettromiografia;
  • Test di conduzione nervosa.

Altre cause di mononeuropatia cranica, come la lesione alla testa e il tumore, devono essere escluse.

TERAPIA: In molti casi, nessun trattamento è necessario. L’obiettivo del trattamento è quello di alleviare i sintomi. Corticosteroidi o antivirali (aciclovir e valaciclovir) possono ridurre il gonfiore e alleviare la pressione sul nervo facciale. Questi farmaci si devono prendere in anticipo (preferibilmente entro 24 ore dal momento della comparsa dei sintomi), per essere più efficaci. Tuttavia, non ci sono studi che dimostrano che i farmaci antivirali accelerano o migliorano la guarigione.

Il medico può suggerire colliri o pomate per proteggere l’occhio, se non è possibile chiuderlo completamente. Potrebbe essere necessario indossare una benda durante il sonno. Un intervento chirurgico per alleviare la pressione sul nervo (chirurgia di decompressione) è controverso e non è stato dimostrato che porti benefici con questa malattia.

PROGNOSI: Circa il 60-80% dei casi guariscono completamente nell’arco di poche settimane o mesi. A volte le modifiche sono permanenti. Il disturbo non è un pericolo per la vita. Possibili complicazioni possono essere:

  • Movimenti anormali, come ad esempio le lacrime quando si ride o la salivazione nel momento sbagliato;
  • Cambio dell’aspetto del volto (deformazione);
  • Problemi cronici con il gusto;
  • Spasmo cronico dei muscoli del viso o delle palpebre;
  • Danni per l’occhio (ulcere corneali e infezioni).

Contattare un medico se il vostro viso compie movimenti involontari o si dispone di altri sintomi della paralisi di Bell. Il vostro medico sarà in grado di escludere altre condizioni più gravi, come l’ictus.

PREVENZIONE: Le misure di sicurezza possono ridurre il rischio di lesioni alla testa. Molti degli altri fattori che portano a questa malattia non sono evitabili.

Fonti: [Tiemstra JD, Khatkhate N. Pparalisi di Bell: la diagnosi e la gestione. Am Fam Physician. 2007; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento