Piede d’atleta

Piede d’atleta

Il piede d’atleta è una infezione dei piedi causata da funghi. Il termine medico è tinea pedis. Esso può durare per un periodo sia breve che lungo e può ritornare dopo la terapia.

CAUSE: Il corpo normalmente ospita una varietà di microrganismi, compresi batteri e funghi. Alcuni di queste sono utili all’organismo. Altri possono, in determinate condizioni, moltiplicarsi rapidamente e causare infezioni. Il piede d’atleta si verifica quando un particolare tipo di fungo cresce e si moltiplica nei piedi (in particolare tra le dita dei piedi) o, meno comunemente, nelle mani. Tra le infezioni fungine, il piede d’atleta è la più comune. Essa può verificarsi contemporaneamente ad altre infezioni fungine della pelle come la tigna. Questi funghi prosperano al caldo e in zone umide. Il rischio aumenta se:

  • Si indossano scarpe chiuse, specialmente se da ginnastica;
  • Si tengono i piedi bagnati per molto tempo;
  • Si suda molto;
  • Si sviluppano lesioni alla pelle o alle unghie.

Il piede d’atleta è contagioso, e può essere trasmesso attraverso il contatto diretto, attraverso altri oggetti come scarpe, calze, nella doccia o in piscina.

SINTOMI: Il sintomi più comuni sono lesioni e desquamazione, anche tra le dita dei piedi. L’area interessata è di solito rossa e prude. Si può sentire bruciore o dolore, e ci possono essere vesciche, pus o croste. In aggiunta alle dita dei piedi, i sintomi possono verificarsi anche sui talloni, palme e tra le dita. Se il fungo si propaga alle unghie, esse possono scolorire, ma anche cadere.

DIAGNOSI: La diagnosi si basa principalmente sull’aspetto della pelle. I test eseguiti possono comprendere:

  • Analisi della pelle (macchie da funghi della pelle vengono rilevate in laboratorio);
  • Biopsia della lesione cutanea (può mostrare il fungo al microscopio);
  • Esame KOH della lesione cutanea (raschiatura della pelle che mostra il fungo al microscopio).

TERAPIA: Polveri antifungine o creme possono contribuire a controllare l’infezione. Queste contengono generalmente miconazole, clotrimazolo, o tolnaftate. Inoltre è molto importante tenere i piedi puliti e asciutti, lavarli accuratamente con acqua e sapone e asciugare la zona colpita completamente, indossare vestiti puliti, calze di cotone e cambiarsi frequentemente calze e scarpe. Il piede d’atleta può essere curato in maniera fai-da-te, anche se può esserci una ricaduta. I farmaci antifungini possono essere necessari nei casi gravi o nel caso in cui le cure fai-da-te non siano state sufficienti. Questi includono farmaci topici, come ketoconazolo o terbinafina, e pillole. Antibiotici, possono essere necessari per curare le infezioni batteriche secondarie che si verificano in aggiunta al fungo.

PROGNOSI: Le infezioni del piede d’atleta possono essere di varie misure, da lieve a grave, e possono persistere o ripresentarsi, ma generalmente guariscono dopo la prima terapia. Le complicazioni possibili sono:

  • Ricorrenza del piede d’atleta;
  • Infezioni batteriche secondarie come la cellulite;
  • Linfoangite, linfoadenite;
  • Effetti indesiderati sistemici dei farmaci.

PREVENZIONE: Per evitare l’infezione, seguire queste misure:

  • Asciugare accuratamente i piedi dopo il bagno;
  • Indossare sandali nelle docce pubbliche in palestra o in piscina;
  • Cambiare spesso i calzini;
  • Utilizzare antifungini o polveri ad essiccazione;
  • Indossare scarpe ben ventilati e, preferibilmente, fatte di materiali naturali come il cuoio;
  • Evitare scarpe da ginnastica.

Fonti: [Habif, TP. Clinica Dermatologia. 4a ed. St Louis: Mosby, 2004; Lungo la SS, Pickering LK, prober CG, eds. Principi e Pratica di Malattie Infettive Pediatriche. 2a ed. New York, NY: Elsevier, 2003; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento