Rabbia

Rabbia

La rabbia è un’infezione virale spesso mortale che si diffonde attraverso gli animali infetti.

CAUSE: La rabbia è diffusa dalla saliva che è infetta ed entra nel corpo attraverso un morso o ferite nella pelle. Il virus viaggia dalla ferita al cervello, dove provoca gonfiore o infiammazione. La maggior parte dei decessi per rabbia si verifica nei bambini. In passato, i casi umani di solito erano dovuti a morsi di cane, ma di recente, un maggior numero di casi di rabbia umana sono stati legati a pipistrelli e procioni. Essa può essere evitata vaccinando gli animali. Altri animali selvatici che possono diffondere il virus della rabbia sono volpi e moffette. Molto raramente, la rabbia è trasmessa senza un vero e proprio morso, ma con il contatto della saliva con una ferita.

SINTOMI: L’effettivo tempo tra l’infezione e l’apparizione dei sintomi (chiamato “periodo di incubazione”) varia da 10 giorni a 7 anni. Il periodo medio di incubazione è di 3-7 settimane. I sintomi possono comprendere:

  • Ansia, stress e tensione;
  • Perdita di bava;
  • Convulsioni;
  • Esagerato fastidio nel punto in cui c’è stato il morso;
  • Eccitabilità;
  • Perdita di sensibilità in una zona del corpo;
  • Perdita della funzione muscolare;
  • Febbre bassa (38 gradi o inferiore);
  • Spasmi muscolari;
  • Intorpidimento e formicolio;
  • Dolore nel punto del morso;
  • Agitazione;
  • Difficoltà ad inghiottire.

DIAGNOSI: Se un animale vi morde, cercate di raccogliere il maggior numero di informazioni su di lui. Chiamare un accalappiacani per catturare l’animale. Se si sospetta la rabbia, l’animale riceverà una visita medica per valutare i segni di rabbia. Un test speciale chiamato immunofluorescenza viene utilizzato per guardare nel tessuto cerebrale dopo la morte dell’animale. Questo test può rivelare se l’animale era contagiato dalla rabbia. Lo stesso test può essere utilizzato sull’uomo, utilizzando un pezzo di pelle dal collo. I medici possono anche cercare il virus della rabbia nella saliva o nel liquido spinale.

TERAPIA: Pulire bene la ferita con acqua e sapone, e farsi visitare da un medico. Rimuovere eventuali corpi estranei ed evitare il contatto con la ferita. Se non vi è alcun rischio di rabbia, verrà fornito ugualmente un vaccino preventivo. La maggior parte dei pazienti può ricevere un trattamento umano chiamato immunoglobulina il giorno stesso in cui si è verificato il morso. Non è noto alcun trattamento efficace per le persone con sintomi di un’infezione da rabbia.

PROGNOSI: E’ possibile prevenire la rabbia, se l’immunizzazione è effettuata entro 2 giorni dal morso. A tutt’oggi, nessuno ha sviluppato la rabbia se gli veniva somministrato il vaccino prontamente e adeguatamente. Una volta che i sintomi appaiono, c’è la possibilità di sopravvivere. In caso di morte dovuta ad insufficienza respiratoria, questa di solito avviene entro 7 giorni dopo l’inizio dei sintomi.

Possibili complicazioni della rabbia non curata sono coma e morte. In rari casi, alcune persone possono avere una reazione allergica al vaccino contro la rabbia. Contattare un medico se un animale vi morde.

PREVENZIONE: Per aiutare a prevenire la rabbia:

  • Evitare il contatto con gli animali che non conoscete.;
  • Vaccinarsi se si fa una professione ad alto rischio o si viaggia in Paesi con un alto tasso di rabbia;
  • Verificare che i vostri animali domestici ricevano le corrette vaccinazioni. Cani e gatti dovrebbero ricevere vaccini antirabbici a 4 mesi di età, seguiti da un richiamo un anno dopo, ed un altro ogni 1 o 3 anni, a seconda del tipo di vaccino utilizzato;
  • Seguire le norme di quarantena per l’importazione di cani e di altri mammiferi provenienti da Paesi in cui è presente la malattia.

Fonti: [SE Manning, Rupprecht CE, Fishbein S, et al. Human rabbia prevenzione. Le raccomandazioni del comitato consultivo in materia di immunizzazione pratiche; 23 maggio 2008; http://health.nytimes.com/health/; Weber EJ. Rabbia. In: J Marx, ed. Rosen’s Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice. 6a ed. St Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2006]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento