Ritardo nella crescita

Ritardo nella crescita

Il ritardo di crescita comporta scarsi o eccessivamente lenti aumenti di peso o di altezza in un bambino di età inferiore ai 5 anni. Un bambino dovrebbe essere tenuto sotto controllo in ogni caso da un pediatra e fare delle visite di routine ogni due mesi fino al primo anno di età e ogni anno fino ai 5 anni.

CAUSE: Una crescita titardata o più lenta del previsto  può essere causata da molti fattori, come quelli genetici, la nutrizione, infezioni, malattie croniche e psicosociali.

TERAPIA: Per rallentare l’aumento di peso causato da una mancanza di calorie, provare a nutrire il bambino al seno. Provare ad aumentare l’alimentazione offerta al bambino e farsi consigliare una giusta dieta da un medico.

DIAGNOSI: Il medico esaminerà l’altezza e il peso del bambino e la circonferenza della testa. Al genitore saranno poste domande circa la storia medica del bambino, sulle sue abilità, competenze sociali, dieta, eventuali farmaci presi durante la gravidanza o se si danno farmaci al bambino, e se sono presenti altri sintomi per escludere eventuali altre malattie. I test possono includere:

  • Esami del sangue (come un CTF differenziale);
  • Studio sugli ormoni;
  • Analisi delle feci (per verificare l’eventualità di malassorbimento);
  • Raggi-X per determinare l’età ossea e per cercare fratture.

Contattare un medico se si notano ritardi o problemi psicosociali che si crede possano contribuire ad un ritardato nella crescita.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

2 commenti su “Ritardo nella crescita”

Lascia un commento