Sindrome premestruale

Sindrome premestruale

Sindrome premestruale si riferisce ad una vasta gamma di sintomi fisici o emotivi che si manifestano in genere circa da 5 a 11 giorni prima dell’inizio del ciclo mestruale mensile in una donna. I sintomi di solito finiscono quando inizia il ciclo mestruale, o subito dopo.

CAUSE: L’esatta causa non è stata identificata. Tuttavia, esso può essere correlato a fattori sociali, culturali, biologici e psicologici. Questa sindrome, si stima, interessi fino al 75% delle donne. Essa si verifica più spesso in coloro che hanno:

  • Tra la fine dei vent’anni e i primi 40 anni;
  • Avuto almeno un figlio;
  • Una storia familiare di grande depressione;
  • Una storia di depressione postparto o di un disturbo affettivo dell’umore.

I sintomi tipicamente peggiorano verso la fine dei 30 e 40 anni, e quando una donna si avvicina alla menopausa. Circa il 50-60% delle donne con grave sindrome premestruale ha un sottostante disturbo psichiatrico.

SINTOMI: Una vasta gamma di sintomi fisici o emotivi sono stati associati alla sindrome premestruale. Per definizione, i sintomi si verificano durante la seconda metà del ciclo mestruale (14 giorni o più, dopo il primo giorno del periodo mestruale) e sono assenti per circa 7 giorni dopo la fine del periodo mestruale (durante la prima metà del ciclo mestruale). I sintomi più comuni comprendono:

  • Mal di testa;
  • Gonfiore di caviglie, piedi e mani;
  • Mal di schiena;
  • Crampi addominali o pesantezza;
  • Dolore addominale;
  • Pienezza addominale, sensazione di essere pieni di gas;
  • Spasmi muscolari;
  • Mollezza del seno;
  • Aumento di peso;
  • Piaghe ricorrenti;
  • Acne;
  • Nausea;
  • Gonfiore;
  • Costipazione o diarrea;
  • Diminuzione del coordinamento;
  • Fame insaziabile;
  • Minore tolleranza a rumori e luci;
  • Mestruazioni dolorose;
  • Ansia o panico;
  • Confusione;
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Amnesie;
  • Scarsa sensibilità;
  • Depressione;
  • Irritabilità, ostilità, o comportamento aggressivo;
  • Aumento dei sensi di colpa;
  • Affaticamento;
  • Circolazione sanguigna lenta;
  • Diminuzione dell’autostima;
  • Perdita del desiderio sessuale;
  • Paranoia o aumento di timori.

DIAGNOSI: Non ci sono risultati ad un esame fisico o test di laboratorio specifici per la diagnosi della sindrome premestruale. È importante fare un esame fisico (compres l’esame pelvico), e in alcuni casi uno psichiatrico per escludere altre possibili cause di sintomi che possono essere attribuiti alla sindrome.

TERAPIA: Esercizio e cambiamenti nella dieta possono contribuire ad alleviare i sintomi. È anche importante mantenere un diario giornaliero dove registrare il tipo di sintomi che si hanno, la loro gravità, e per quanto tempo essi durano. Si dovrebbe tenere questo diario per almeno 3 mesi. Esso aiuterà il medico a fare una diagnosi accurata e raccomandare un trattamento adeguato. Integratori alimentari possono essere raccomandati. I più usati sono la Vitamina B6, calcio e magnesio.

Il medico può raccomandare una dieta a basso contenuto di sale ed evitare zuccheri semplici, la caffeina e l’alcool. Regolare l’esercizio aerobico per tutto il mese aiuta a ridurre la severità dei sintomi. Aspirina, ibuprofene, e gli altri Agenti antinfiammatori non steroidei farmaci (FANS) possono essere prescritti se si hanno dolori gravi, tra cui mal di testa, mal di schiena, crampi mestruali e mollezza della mammella.

La pillola anticoncezionale può diminuire o aumentare i sintomi. In casi gravi, possono essere utili gli antidepressivi. La terapia comportamentale cognitiva può essere un’alternativa agli antidepressivi. Ai pazienti che hanno gravi ansie talvolta vengono dati farmaci specifici. I diuretici possono aiutare le donne con grave ritenzione di liquidi, che provoca gonfiore, mollezza del seno, e aumento di peso. Bromocriptina, danazolo, e tamoxifene sono farmaci talvolta utilizzati per alleviare il dolore al seno.

PROGNOSI: La maggior parte delle donne che ricevono il trattamento dei sintomi specifici legati alla sindrome guariscono abbastanza in fretta. Possibili complicazioni possono essere aggravamento dei sintomi e depressione, che delle volte porta anche al suicidio. Contattare un medico se il disturbo non va via con la terapia o se i sintomi sono gravi e limitano nelle attività quotidiane.

PREVENZIONE: Alcuni cambiamenti di stili di vita sono spesso raccomandati per curare la sindrome, o per prevenirla. L’esercizio fisico regolare e una dieta equilibrata (con un aumento grani interi, verdure, frutta, e senza sale, zucchero, alcool e caffeina) può rivelarsi utile. Il sonno può aiutare a rilassare il corpo.

Fonti: [Lentz GM. Dismenorrea primaria e secondaria, sindrome premestruale, premestruale e Dysphoric Disorder: eziologia, la diagnosi, la gestione. In: Katz VL, Lentz GM, Lobo RA, Gershenson DM. Ginecologia globale. 5a ed. Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2007; http://health.nytimes.com/health/; Yonkers KA, O’Brien PM. Sindrome premestruale. Lancet. 2008]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

3 commenti su “Sindrome premestruale”

Lascia un commento