Stenosi biliare

Stenosi biliare

Una stenosi biliare è una riduzione anomala del dotto biliare, il tubo in cui si muove la bile (una sostanza che aiuta la digestione) dal fegato all’intestino tenue.

CAUSE: Una stenosi biliare è spesso causata dalla ferita chirurgica alle vie biliari. Per esempio, può verificarsi dopo un intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea. Altre cause di questa condizione sono:

  • Cancro del dotto biliare;
  • Danni e cicatrici a causa di un calcolo nel dotto biliare;
  • Pancreatite;
  • Colangite sclerosante primaria.

I fattori di rischio comprendono precedente intervento chirurgico delle vie biliari, pancreatiti, calcoli biliari, o ferita all’intestino.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore addominale;
  • Brividi;
  • Febbre;
  • Prurito;
  • Ittero;
  • Nausea e vomito;
  • Feci pallide o color argilla.

DIAGNOSI: I seguenti test possono contribuire a diagnosticare questa condizione:

  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica;
  • Colangiografia transepatica percutanea;
  • Colangiopancreatografia risonanza magnetica.

I seguenti test del sangue possono contribuire a rivelare la funzione anormale del sistema biliare:

  • Fosfatasi alcalina superiore al normale;
  • Livello di bilirubina superiore al normale.

Questa condizione può anche alterare i risultati delle seguenti prove:

  • Livello amilasi;
  • Livello lipasi;
  • Grasso fecale;
  • Bilirubina nelle urine;
  • Tempo di protrombina.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di correggere il restringimento e la fluidità della bile dal fegato all’intestino. Questo può comportare un intervento chirurgico o procedure meno invasive (dilatazione endoscopica o percutanea). A seconda della posizione, se l’intervento chirurgico è effettuato, la stenosi può essere rimossa e il dotto biliare rientrato con l’intestino tenue. In alcuni casi, uno stent è posto in tutta la stenosi del dotto biliare per tenerla aperta.

PROGNOSI: La terapia di solito ha successo. Possibili complicazioni possono essere infiammazioni ricorrenti e restringimento del dotto biliare. Una stenosi non curata può portare alla cirrosi.

Contattare un medico se i sintomi si ripresentano dopo pancreatite, colecistectomia o altri interventi chirurgici biliari.

Fonti: [Ostroff JW, LaBerge JM. Endoscopia e trattamento radiologico delle malattie delle vie biliari. In: Feldman M, Friedman LS, Sleisenger MH, eds. Gastrointestinale Sleisenger & Fordtran’s and Liver Disease. 8a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2006; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento