Tubercolosi polmonare

Tubercolosi polmonare

La tubercolosi polmonare (TB) è una contagiosa infezione batterica che coinvolge principalmente i polmoni, ma può estendersi ad altri organi.

CAUSE: La tubercolosi polmonare è causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis. È possibile essere contagiati respirando piccole goccioline provenienti da tosse o da uno starnuto di una persona infetta che fluttuano nell’aria. L’infezione può rimanere latente o inattiva per anni e poi riattivarsi. La maggior parte delle persone che sviluppano sintomi di una infezione TB sono stati infettati molto tempo prima. Tuttavia, in alcuni casi, la malattia può diventare attiva entro la prima settimana dopo l’infezione. Le seguenti persone sono a rischio più elevato per la tubercolosi attiva:

  • Anziani;
  • Neonati;
  • Persone con un sistema immunitario indebolito, per esempio a causa di AIDS, chemioterapia, o farmaci antirigetto dato dopo un trapianto d’organo.

Il rischio di contrarre la tubercolosi aumenta se:

  • Si entra in contatto con le persone che hanno la malattia;
  • C’è una cattiva nutrizione;
  • Si frequentano posti affollati o si hanno condizioni di vita insalubri.

I seguenti fattori possono aumentare il tasso di infezione da tubercolosi in una popolazione:

  • Aumento delle infezioni da HIV;
  • Aumento del numero di persone senza fissa dimora;
  • Comparsa di ceppi farmaco-resistenti alla tubercolosi.

In Occidente si registrano circa 1 caso ogni 10.000 persone. Tuttavia, i tassi variano notevolmente a seconda della zona di residenza e della classe socio-economica.

SINTOMI: Il primo stadio della malattia di solito non ha sintomi. Quando i sintomi si verificano, essi possono comprendere:

  • Tosse (talvolta con catarro);
  • Tosse con sangue;
  • Sudorazione eccessiva, specialmente di notte;
  • Affaticamento;
  • Febbre;
  • Involontaria perdita di peso;
  • Difficoltà di respirazione;
  • Dolore toracico;
  • Sibilo.

DIAGNOSI: L’esame può mostrare:

  • Irrigidimento delle dita di mani o piedi (in persone con malattia in fase avanzata);
  • Allargamento dei linfonodi nel collo o in altri settori;
  • Fluido intorno ad un polmone;
  • Suoni inusuali mentre si respira.

I test possono includere:

  • Biopsia del tessuto colpito (raro);
  • Broncoscopia;
  • Tomografia Computerizzata al torace;
  • Raggi-X al torace;
  • Esame del sangue con interferone-gamma;
  • Esame della saliva;
  • Toracentesi;
  • Test cutaneo alla tubercolina.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di curare l’infezione con i farmaci che combattono i batteri della tubercolosi. il trattamento della tubercolosi polmonare attiva implicherà sempre una combinazione di molti farmaci (di solito quattro). E’ continuato fino a quando i test di laboratorio dimostrano che si sta guarendo. Quando le persone non prendono il loro farmaci nella maniera corretta, l’infezione diventa molto più difficile da curare. A volte, i farmaci non sono più in grado aiutare a curare l’infezione.

Il trattamento di solito dura 6 mesi, ma più richiami possono essere necessari per le persone con AIDS o che guariscono lentamente. Potrebbe esserci bisogno di un ricovero in ospedale per evitare la diffusione della malattia ad altri fino a quando non si è più contagiosi. Si può facilitare lo stress della malattia con un gruppo di sostegno, dove i membri hanno in comune esperienze e problemi.

PROGNOSI: I sintomi possono migliorare in 2 – 3 settimane. Una radiografia del torace mostra i miglioramenti. La prospettiva di guarigione è eccellente se la tubercolosi polmonare viene diagnosticata precocemente e curata rapidamente. Possibili complicazioni possono essere danni permanenti ai polmoni, se non curati precocemente. Le medicine usate per curare la tubercolosi possono causare effetti indesiderati, tra cui problemi di fegato. Altri effetti indesiderati comprendono:

  • Cambiamenti nella vista;
  • Lacrime e urina color arancio-marrone;
  • Sfoghi cutanei.

Contattare un medico se:

  • Siete stati esposti alla tubercolosi;
  • Si sviluppano i sintomi della tubercolosi;
  • I sintomi non passano nonostante la terapia:
  • Compaiono nuovi sintomi.

PREVENZIONE: La tubercolosi è una malattia prevenibile, anche in coloro che sono stati esposti ad una persona infetta. Il test della pelle per la tubercolosi è utilizzato in popolazioni ad alto rischio o in persone che possono essere state esposte alla tubercolosi, come ad esempio gli operatori sanitari.

Un test cutaneo positivo indica la tubercolosi e l’esposizione all’infezione sono inattivi. Coloro che sono stati esposti alla tubercolosi dovrebbe essere testati immediatamente e fare esami di routine anche se il primo test è negativo. La prontezza di trattamento è estremamente importante nel controllare la diffusione della tubercolosi da parte di coloro che sono malati per evitare di infettare gli altri. Alcuni Paesi con un’alta incidenza di tubercolosi prevedono vaccinazioni obbligatorie.

Fonte: [http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento