Home » IL NOSTRO CORPO » Gambe e Piedi » Il piede d’atleta: una micosi estiva

Il piede d’atleta: una micosi estiva

Avere “il piede d’atleta” non significa essere destinati a vincere nello sport. Con questa espressione infatti si definisce una mi­cosi del piede, cioè un’infezione prodotta da un fungo micro­scopico. Non è grave, ma certamente sgradevole perché provoca pruriti intensi e spesso bruciore associato a cattivo odore. Le zone infettate (il più delle volte tra il 4° e 5° dito del piede, dove il tasso medio di umidità raggiunge il 98%) presentano ar­rossamenti, screpolature, e a volte delle piccole vesciche.

La micosi è molto contagiosa. La si può contrarre camminando a piedi nudi soprattutto in luoghi pubblici caldi e umidi: piscine, spiagge, saune, bagni degli alberghi, dei villaggi turistici e dei campeggi.

La vacanza è perciò una circostanza molto favorevole per “incap­pare” in questa fastidiosa infezione. Ecco alcuni consigli per limitare le probabilità di contrarla o di diffondere il contagio:

  • Evitate di camminare a piedi nudi nei luoghi pubblici
  • Utilizzate unicamente i vostri oggetti personali senza prestarli
    (asciugamani, teli mare, spugne, guanti da doccia, scarpe)
  • Lavate la vostra biancheria (calze, teleria per il bagno) a 60° o in varechina
  • Lavate il pavimento, il bagno, la doccia con varechina

Una volta riconosciuti i primi segni (prurito, rossore, desqua­mazione fra le dita) rispettate questi consigli e curatevi con l’antimicotico topico che avrete portato in vacanza con voi. Le zone infettate (il più delle volte tra il 4° e 5° dito del piede, dove il tasso medio di umidità raggiunge il 98%) presentano ar­rossamenti, screpolature, e a volte delle piccole vesciche.

Lascia un commento