I farmaci per la fertilità aumentano il rischio di parti gemellari e malattie nei neonati

di Redazione 0

L’uso diffuso dei farmaci per la fertilità svolge probabilmente un ruolo più ampio di quanto precedentemente si poteva pensare nel crescente problema delle nascite premature, in quanto questi farmaci causano una elevata percentuale di nascite multiple, spiega il March of Dimes.

L’organizzazione no-profit è arrivata a tale conclusione con uno studio pubblicato sull’American Journal of Epidemiology dagli autori dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e del March of Dimes, incentrato sui farmaci per l’iperstimolazione ovarica controllata (COH), usati per stimolare le ovaie di una donna ad accelerare la maturità e moltiplicare la produzione di uova. Si contano così nascite quattro volte maggiori con le tecniche di riproduzione assistita, che con la fecondazione in vitro.

Molte persone si sono concentrate sul ruolo delle tecniche di riproduzione assistita nei parti multipli e non hanno pienamente notato che i farmaci per la fertilità sono i soli responsabili di una nascita multipla su cinque. I farmaci COH sono ampiamente prescritti, ma alcuni medici e i loro pazienti non sono a conoscenza dei gravi rischi dei farmaci per la fertilità nelle donne e nei loro bambini. Vi è una possibilità molto alta di gravidanza multipla […] e che comporta un alto rischio di prematurità e problemi di salute per tutta la vita dei bambini

ha detto Alan R. Fleischman, direttore medico della March of Dimes.

Il dottor Fleischman ha rilevato che circa 88.000 bambini nascono prematuramente ogni anno a causa del recente aumento dei parti gemellari, trigemini, e le altre nascite multiple. Circa il 60% dei gemelli, oltre il 90% dei trigemini, e praticamente tutti i gemelli di parti superiori nascono prematuri. In aggiunta ai maggiori rischi connessi con la nascita, gli studi hanno anche suggerito che i bambini nati, anche singolarmente, ma concepiti con stimolazione dell’ovulazione hanno un aumentato rischio di parto pretermine rispetto a quelli naturalmente concepiti e nati soli.

Lo studio ha trovato che il 4,6% dei nati vivi nel 2005 sono derivati dal consumo di farmaci per la fertilità, una cifra 4 volte superiore all’1,2% delle nascite derivanti dalle tecniche di riproduzione assistita. Un totale di 22,8% dei bambini nati in parti multipli sono stati concepiti con i soli farmaci per la fertilità. Gli autori dello studio concludono che più di 190.000 bambini ogni anno vengono concepiti con l’uso di farmaci per la fertilità, ma dicono anche che questa cifra è una stima per difetto, perché non esiste un sistema di sorveglianza basato sulla popolazione delle nascite derivanti dal trattamento farmacologico della fertilità.

Più di 540.000 bambini sono nati pre-termine ogni anno negli Stati Uniti, e sono costati alla nazione più di 26 miliardi dollari all’anno, secondo l’Istituto di Medicina. Questa è la principale causa di morte nei neonati, ma anche nei bambini che sopravvivono ad un parto anticipato perché questo porta ad altri problemi di salute per tutta la vita, come problemi respiratori, ritardo mentale, paralisi cerebrale, ritardo nello sviluppo, perdita dell’udito e della vista. Anche i bambini nati poche settimane prima (34-36 settimane di gestazione) hanno tassi più alti di morte e di invalidità neonatale.

[Fonte: Medical News Today]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>