Smettere di fumare, e-cig sicure ma inefficaci

Le sigarette elettroniche? Sicure, ma inefficaci nell’aiutare le persone a smettere di fumare. Sono questi i risultati preliminari di un importante ed ampio studio sul tema che vede impegnati diversi enti sanitari italiani, tra i quali figura anche l’Istituto Superiore di Sanità.

I pericoli nascosti della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica non è innocua. Vi sono dei pericoli nascosti anche quello che da molti viene definito “solo vapore”. Come spiega un articolo pubblicato sulla rivista di settore European Neuropsychopharmacology, anch’esso può causare dei problemi per la salute.

Fumare marijuana con la sigaretta elettronica

Un brutto trend sta prendendo oltreoceano: le sigarette elettroniche usate per fumare marijuana. E’ uno studio condotto dalla Yale University sugli studenti delle scuole superiori dell’Ohio e pubblicato sulla rivista di settore Pediatrics a fare il punto della situazione.

10 cose che non sai sulla sigaretta elettronica

 

 

Sulla sigaretta elettronica sono davvero stati tanti gli studi pubblicati che in momenti diversi hanno attestato tutto ed il contrario di tutto, chiamando in causa anche sostanze più cancerogene del tabacco. Vediamo insieme 10 cose che non si sanno sulla sigaretta elettronica.

Sigaretta elettronica, necessario controllo medico?

E’ necessario il controllo medico per utilizzare la sigaretta elettronica e smettere di fumare? Ovviamente no, ma secondo gli esperti la presenza di un professionista che sappia guidare chi vuole abbandonare le bionde nell’uso di questo dispositivo assicurerebbe risultati migliori.

Sigarette elettroniche, buone o cattive?

L’E-Cig non è priva di rischi.E’ l’Istituto Superiore di Sanità a sottolineare come la critica di Umberto Veronesi nei confronti dell’OMS e della sua posizione sulla sigaretta elettronica sia concettualmente sbagliata.

Sigarette elettroniche vietate ai minori di 18 anni, che ne pensi?

E’ scoppiata una nuova polemica sulle sigarette elettroniche a causa di un’ ordinanza al riguardo firmata dal ministro per la salute Renato Balduzzi in cui si stabilisce: vietato vendere sigarette elettroniche con presenza di nicotina ai minori anni 18. Di fatto, in pochi se ne ricorderanno, il divieto già c’era e riguardava i minori di 16 anni. E’ stata dunque innalzata l’età e prolungato il decreto fino al prossimo 31 Ottobre 2013. Si parla di coerenza circa i prodotti del tabacco e di sicurezza e prevenzione nell’attesa che si faccia luce sull’efficacia/rischio delle e-cig. La multa per i trasgressori va dai 250 ai 100 euro.

La sigaretta elettronica della Ruyan aggira i divieti anti-fumo

La e-cigarette, la sigaretta elettronica della Ruyan, una società di Pechino, è sempre più venduta (300.000 articoli smerciati nel solo 2008, fa sapere la stessa azienda produttrice). Ma a cosa si deve questo immenso, presunto successo? Pare che questo prodotto non faccia male alla salute o almeno così viene pubblicizzato, e sottolineiamo il “pare“, dal momento che l’Oms (l‘Organizzazione Mondiale della Salute) non l’ha ancora bollata come espediente anti-fumo sicuro dal punto di vista dell’incolumità dell’organismo.

Ma di che si tratta nello specifico e com’è composta? La e-cigarette è in tutto e per tutto simile ad una sigaretta, almeno esteriormente. Addirittura la punta si illumina, proprio come quando se ne accende una normale. Sembra quasi dunque che stia bruciando, ma in realtà niente fumo, niente fuoco, niente cenere, niente mozziconi di sigaretta. Sembra quasi troppo bello e comodo per essere vero.