Metodo Hamer, 4 falsi miti

Il Metodo Hamer è frutto delle teorie del medico tedesco (poi radiato) Ryke Geerd Hamer. Utilizzato soprattutto contro i tumori, questo metodo non ha alcuna validità scientifica e di recente è tornato alla ribalta dopo che alcune persone sono morte per avere più volte rifiutato la chemioterapia seguendo appunto quando dettato dal medico tedesco. Avvenimenti che hanno indotto l’Airc, Associazione italiana per la Ricerca sul Cancro, a intervenire nuovamente sulla vicenda per classificare il Metodo Hamer come pericoloso e basato su tesi non scientificamente provate che, se seguite, mettono a repentaglio la salute delle persone. Scopriamo 4 falsi miti al riguardo.

“Ho un cancro, in Norvegia vivrei di più”

Ho un tumore, in Norvegia sopravviverei di più“. E’ questo il messaggio di una campagna shock con protagonista una paziente visibilmente malata e con i segni evidenti della chemioterapia sul suo corpo. A volerla fortemente è stato l’Ordine dei Medici di Napoli e di Bari.

5 pesticidi che provocano il cancro

La Iarc, Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro, ha puntato il dito contro i pesticidi: tutti sarebbero molto pericolosi per la salute dell’uomo ma cinque sarebbero cancerogeni, ovvero provocherebbero il tumore. Lo studio lanciato dalla Iarc, e pubblicata sul The Lancet, svela gli effetti pericolosi di alcuni dei pesticidi più comuni.