Cancro al cervello, forme più comuni e sintomi

Il cancro al cervello è una forma tumorale tra le più complesse da affrontare. Quali sono le forme più comuni e i sintomi che devono convincerci a fare controlli più accurati sul nostro stato di salute?

Leucemia fulminante, la malattia che ha ucciso Michele Merlo

In queste ore si sta parlando moltissimo di una specifica patologia: la leucemia fulminante. La motivazione sta nella prematura morte di Michele Merlo, ex concorrente di amici e di XFactor che è stato ucciso da un’emorragia cerebrale causata proprio da questa malattia. Cerchiamo insieme di capire di che cosa si tratta.

Tumori si possono prevedere?

I tumori si possono prevedere? I ricercatori dell’Istituto europeo di oncologia hanno condotto una ricerca finanziata dal Consiglio europeo per la ricerca (Erc) sottolineano la correlazione tra alterazioni del dna e comparsa di alcune forme di cancro.

Penectomia e rischio metastasi

Richiesta di Consulto Medico su penectomia e rischio metastasi
Buongiorno, mio marito ha subito una penectomia totale (9 cm dopo aver avuto già una parziale a novembre 2018) con asportazione linfonodi inguinali, iliaci e di cloquet sinistro dall’esito istologico risultati la maggior parte maligni. Margini di resezione puliti. Prima dell’intervento, ha fatto 4 cicli di chemioterapia neoadiuvante con ipertermia ed ora dovrà fare un ciclo di radioterapia di un mese. In più la prima tac di controllo. Al momento macroscopicamente è sano. L’oncologo ci dice che ha altissime probabilità di sviluppare micrometastasi, che non sempre la chemio funziona ed io leggo che quando i linfonodi sono coinvolti l’aspettativa di vita in 5 anni scende al 27%. Ma perché? Se siamo ligi nei controlli e quindi possiamo da subito combattere le micrometastasi, perché mio marito ha questa prognosi? Perché c’è più pericolo? Grazie x la risposta.

Carcinosi peritoneo e bilirubina alta, che fare?

Richiesta di Consulto Medico su carcinosi peritoneo e bilirubina alta
Buongiorno…chiedo per conto di mia madre di età 62 operata nel gennaio 2018 adenocarcinoma alla testa del pancreas di 2cm. Sottoposta poi a 6 cicli di chemioterapia abraxane e gemtabina . Nel mese di novembre in una pet di controllo riscontriamo una “lesione”(ma nulla di certo) alla vertebra C7 e per non rischiare …10 sedute di radioterapia….Da quel momento discesa continua febbre, debolezza  associata a brividi continui . Diagnosi: una forte colangite curata con antibiotico che non risolveva nulla fino ad arrivare all’oncologico di Bari (noi siamo di Barletta) dove comincia a stare un po meglio sempre però sotto cura farmacologica . Diagnosi finale carcinosi del peritoneo dove ci hanno detto che non c’è nulla da fare …Ora siamo a casa, con una cura presumo palliativa e comunque una chemioterapia che sta facendo, Capecitabin mesa da 500 gr, 1 compressa al giorno dato che il suo valore di bilirubina sicuramente altino, visto i suoi occhi gialli ..Chiedo gentilmente il vostro parere e mi scuso se non sono stata chiara in alcune espressioni…..Grazie in anticipo attendo una vostra risposta.

Glioma e terapie, l’oncologo risponde

Richiesta di Consulto Medico su glioma e terapie
Buon giorno , mio figlio di anni 40 è in cura all’Humanitas di Rozzano. Trascrivo l’ultimo consulto medico per una verifica su eventuali possibili ulteriori terapie: Glioma ad alto grado ponto-bulbo-mesencefalico sn (diagnosi radiologica, non effettuata biopsia per sede). Anamnesi oncologica 05.2018 Comparsa di sensazione di estraneità all’arto superiore dx in assenza di franchi deficit stenici eseguiva RM encefalocon e senza mdc recente che mostra lesione espansiva enhancing ponto-bulbo-mesencefalico sn compatibile in prima ipotesi conlesione gliale di alto grado. 07.06.20118 Visita neurochirurgica (Prof. Bello): si illustra strategia diagnostico-terapeutica, rischi e vantaggi delle opzioni terapeutiche. Si consiglia PET encefalo con MET e successiva rivalutazione radioterapica. 13.06.2018 Visita radioterapica: trova indicazione trattamento radiante a livello della lesione ponto-bulbo-mesencefalico sn. 29.06.2018 PET-metionina: accumulo patologico del tracciante in sede bulbo-ponto-mesencefalica.compatibile con neoplasia.Si definisce il volume metabolico dell’area ipercaptante. 06.07 – 17.08.2018 Trattamento radioterapico sulla lesione ponto-bulbo-mesencefalica, erogata una dose di 1.6 Gy per la primaseduta, 1.8 Gy per la seconda seduta e a seguire 28 sedute da 2 Gy ciascuna. 10.2018 – 03.2019 Trattamento chemioterapico con temozolomide secondo schedula standard per 6 cicli, con iniziale risposta dopo 3cicli. Accertamenti eseguiti 08.04.2019 RMN encefalo con mdc: Rispetto al precedente controllo RM del 02/01/19 si riconosce sostanziale stabilità dell’estensione dell’area diiperintensità FLAIR descritta a livello del tronco encefalo, con estensione al peduncolo cerebellare medio di sinistra e alpeduncolo cerebrale omolaterale. Dopo somministrazione di mdc la lesione mostra un enhancement più marcato edomogeneo rispetto al precedente; inoltre l’area enhancing mostra estensione maggiore cranialmente, interessando ilpeduncolo cerebrale sinistro.Non significative modificazioni dell’effetto massa sull’acquedotto e IV ventricolo; immodificata la visualizzazione delsistema ventricolare sovratentoriale.Invariati i restanti reperti Programma diagnositco terapeutico A seguito del consulto multidisciplinare fra le U.O. di Oncologia, Radioterapia, Neurochirurgia e Neuroradiologia, alla luce della recente rivalutazione che documenta progressione di malattia, si ritiene indicato attivare trattamento chemioterapico di seconda linea con fotemustina secondo schema Addeo, 80 mg/mq secondo schedula 1q15 per 5 somministrazioni (fase di induzione) seguite da rivalutazione strumentale e quindi 80 mg/mq secondo schedula 1q28 (fase di mantenimento). Ringrazio in anticipo.

 

Risonanza magnetica, va bene per diagnosi tumore e recidiva?

Richiesta di Consulto Medico su risonanza magnetica
Buongiorno sono una donna di 40anni. Sono stata operata 2 volte per oligodendroglioma 2* grado poi chemio e radio, la domanda è: dovrò fare rmn encefalo e tronco con mdc, a osp Lodi e a un tesla ad alto campo. Secondo voi se dovesse esserci una recidiva si vedrebbe? Grazie attendo risposta.

Carcinoma mammario a basso o alto rischio?

Richiesta di Consulto Medico su carcinoma mammario
Gentile dottore, il mio carcinoma di tipo pleomorfo e’ risultato ER 98 per cento, Pgr, 95, , MIB 1-13 per cento HER 2 0 linfonodi ascellari, indenni 3 grado 2, moderatamente differenziato. Vorrei sapere se sono a basso rischio cioè se la mia percentuale di recidiva è 10 per cento, 20 o 50 grazie.

Tac polmone e referto

Richiesta di Consulto Medico su tac polmone e referto
Cosa dice  questa tac?  E’ di mio marito 48 anni , fumatore da più di 20. “…. a carico del lobo superiore destro si riconosce lesione solida a margini irregolari con diametro 5×6.5×6.5cm circa, indissociabile dall ilo omolaterale ove si riconoscono alcune adenopatie la maggiore di 16mm. Linfonodi un poco aumentati di dimensioni anche a livello mediastinico con dimensioni massime attorno al cm, questi ultimi tuttavia ancora compatibili con linfonodi flogistici.il reperto necessità di correlazione con dati clinico-anamnestici tuttavia morfologicamente più sospetto per lesione eteroproduttiva primitiva che con alterazione di tipo flogistico , seppur in presenza di piccolo “ broncogramma aereo” sul suo margine anteriore . In sede satellite rispetto alla lesione descritta si riconoscono altre piccole aree di addensamento polmonare a margine irregolare , specie causalmente e posteriormente , sempre limitate tuttavia al lobo polmonare superiore. Non falde di versamento pleurico o pericardico. Non tumefazioni surrenali nelle scansioni al passaggio toracico addominale “.

Paraganglioma e cure

Richiesta di Consulto Medico su paraganglioma e cure
Salve a mia moglie è stato tolto un tumore glomico chiamato paraganglioma vagale e ha riportato danni alla corda vocale e alla deglutizione. Questo è il risultato dell’esame istologico. A:linfonodi sede di iperplasia follicolare reattiva. B:paraganglioma (Cromogranina +, s-100 focale, SDHB-, MIB:1%). Vorremmo sapere ora in avanti cosa è consigliato fare, se cure o controlli? GRAZIE MILLE.

Tumori urologici, gli uomini non fanno prevenzione

Si definiscono tumori urologici e sono quelli che colpiscono prostata, testicoli, vescica e rene. Gli uomini però non fanno prevenzione e molto spesso ecco che la malattia viene diagnosticata in fase avanzata. Proprio per sensibilizzare sull’importanza di sottoporsi a esami di routine per una pronta diagnosi dei tumori urologici, ha lanciato oggi un nuovo portale, il primo interamente dedicato alle neoplasie urologiche (www.tumorigenitourinari.net).