Sanità pubblica, ticket in aumento

La sanità pubblica è ancora la prima scelta dei cittadini italiani che però denunciano lunghe liste di attesa e ticket costantemente in aumento. È quanto emerge dalle segnalazioni dei cittadini al Pit Salute di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, raccolte nel Rapporto dal titolo “Sanità pubblica: prima scelta, ma a caro prezzo”, presentato a Roma e realizzato col sostegno non condizionato di IPASVI (Federazione nazionale Collegi infermieri), FNMOCeO (Federazione degli Ordini dei medici dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) e FOFI (Federazione Ordini farmacisti Italiani).

Nuovi ticket in arrivo, cosa si paga?

Nuovi ticket potrebbero essere in arrivo se i LEA, i nuovi livelli essenziali di assistenza, venissero approvati così come sono. Lo spiega la CGIL sottolineando come alcuni cambiamenti di categoria relativi alla tipologia di alcuni interventi peserebbero sulle tasche degli italiani.

Ticket, si paga senza disdetta

Il ticket si paga se la disdetta per l’esame specialistico non avviene e non ci si presenta. Almeno in Emilia Romagna, dove dal prossimo 4 aprile sarà comunque previsto il pagamento della tassazione nella sua fascia più bassa se dopo aver prenotato si salta l’appuntamento senza avvisare.

Ricetta sanitaria elettronica, decreto entrato in vigore

Con il 31 dicembre 2015 è entrato ufficialmente in vigore il decreto che va a regolamentare in tutta Italia l’introduzione della ricetta sanitaria elettronica con validità in tutte le regioni. Un provvedimento che era stato varato alla metà di novembre ma che è diventato ufficiale solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, come da prassi.

Ticket sul pronto soccorso in arrivo?

Un ticket sul pronto soccorso. E’ questa l’idea presentata oggi, insieme ad altri cambiamenti del Sistema Sanitario Nazionale, dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin ospite a La7.

Fecondazione eterologa, i costi del Ticket in italia

Sono stati annunciati i costi del ticket  per la fecondazione eterologa in Italia: la procedura costerà tra i 400 ed i 600 euro a seconda del lavoro svolto. Lo ha annunciato il presidente delle Regioni Sergio Chiamparino, sottolineando che si è deciso di definire un tariffa unica su tutto il territorio nazionale.

Sanità 2014, esenzioni e ticket in base al reddito

Cambiano ancora le regole riguardanti i ticket: con il nuovo patto per i cittadini, questi e le esenzioni andranno in base al reddito per tentare di risanare le casse del Sistema Sanitario Nazionale e contemporaneamente assicurare a tutti delle prestazioni adeguate.

Ticket sanitario, lo scandalo degli esenti che pagano

Pensate che l’esenzione dal ticket consenta di non pagare analisi di laboratorio o altri esami? Beh, dovrete ricredervi purtroppo. Almeno a Roma dove presso l’Ospedale San Pietro o si rientra tra i primi 25 numeri in fila, o nonostante le proprie certificazioni si è costretti a pagare.

Ticket, arriva il taglio alle esenzioni?

Troppe persone sono esenti da ticket, vi è bisogno di riformare il sistema. Questo, in poche parole, il tenore delle dichiarazioni del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in una intervista rilasciata al quotidiano La Stampa. Scopriamo inseme quali saranno le novità per la sanità pubblica.

Servizio Sanitario Nazionale a rischio, sì o no?

Servizio Sanitario Nazionale a rischio oppure no? Ma certo che sì. Purtroppo. Ci domandiamo dove abbiano vissuto coloro che ieri si sono scandalizzati a sentire l’affermazione del presidente del Consiglio Mario Monti in collegamento video con Palermo per l’inaugurazione di un nuovo Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, organizzato dalla Fondazione Rimed. Queste all’incirca le parole del Premier:

Ticket sui referti di Tac e RX in Toscana: è giusto?

Sta suscitando non  poche polemiche la decisione della Regione Toscana di inserire un ticket da dieci euro per tutti coloro che necessitano della digitalizzazione dei vari esami diagnostici condotti per immagini come ecografie, radiografie, Tac e risonanza magnetica. Non per il prezzo in se stesso, quanto per la mancata esenzione per coloro che hanno problemi economici o sono malati terminali.

Stop ai ticket in sanità, si paga secondo il reddito

Ancora cambiamenti in vista per la sanità italiana. Da ciò che si apprende infatti, dal 2014, il ticket sparirà definitivamente per fare spazio ad un sistema di “compartecipazione”, così l’ha definita il ministro della Salute Renato Balduzzi, basata su delle franchigie stabilite in base al reddito. Oltre un certo limite scatterà la gratuità della prestazione per tutti.