Contro i raggi solari nocivi tè verde e ginseng

di Redazione 0

Per proteggersi dai raggi solari nocivi il tè verde e il ginseng, sia per via orale che per uso topico, sono dei validi alleati. A sostenerlo, è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università Bastyr di Kenmore e del Botanical Medicine Academy di Vashon, a Washington, pubblicato su Alternative and Complementary Therapies.

Secondo gli esperti americani queste piante sono particolarmente efficaci nel prevenire le scottature e i danni causati dai raggi UV (radiazioni ultraviolette). L’Oms, infatti, ha identificato ben 9 patologie legate all’esposizione ai raggi UV, tra cui il melanoma cutaneo, un tumore maligno delle cellule deputate alla produzione della melanina.

Oltre al ginseng e al tè verde, anche altre piante hanno dimostrato di avere proprietà foto-protettive come la felce zampa di lepre, la propoli, la vite e il pino marittimo. Il merito sarebbe di alcune sostanze contenute in esse in grado di ridurre gli effetti nocivi dell’esposizione al sole, compreso l’invecchiamento della pelle, i danni al sistema immunitario e al DNA, e il rischio di sviluppare forme tumorali correlate.

Queste piante sembra siano in grado di agire sia se assunte per via orale, che utilizzate direttamente sulla pelle. Inoltre, secondo i ricercatori, il tè verde, sotto forma di applicazione locale o assunzione orale, sarebbe in grado di offrire una buona foto-protezione.

Come sottolineano i ricercatori sono necessari ulteriori studi per approfondire gli effetti di queste piante nella protezione della pelle, e se alcuni agenti foto-protettivi possano interferire con l’attivazione della vitamina D. Nel frattempo, valgono le regole della corretta esposizione al sole: evitare le ore centrali della giornata (10-14) e usare la protezione solare in base al proprio fototipo, da riapplicare sempre dopo il bagno. Queste raccomandazioni, chiaramente, non valgono esclusivamente per chi va al mare, ma anche e soprattutto per chi va in vacanza in montagna, dove i raggi solari sono addirittura più forti. I livelli di UV, infatti, sono più alti al crescere dell’altitudine.

Photo Credits|ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>