Home » IL NOSTRO CORPO » Fisioterapia, cos’è e perché è così importante

Fisioterapia, cos’è e perché è così importante

La fisioterapia è un insieme di tecniche manuali e protocolli riabilitativi elaborati per permetterti di riprendere la forma fisica dopo un infortunio o a causa di uno specifico problema o disturbo.

Viene solitamente prescritta da un medico ed effettuata da uno specialista che, dopo aver valutato la tua storia medica e le tue abitudini di vita, stabilisce quali sono i passi da seguire.

Il fisioterapista, per trattare il trauma, può praticare diverse terapie (manuali o strumentali), con l’obiettivo di ridurre il dolore e far recuperare al paziente, il prima possibile, la capacità e le funzioni motorie.

fisioterapia

Fisioterapia: quando ne abbiamo davvero bisogno?

Spesso, soprattutto in presenza di dolori articolari lievi, ci si chiede se sia il caso o meno di procedere con un percorso fisioterapico, ma come ci si accorge di aver bisogno della fisioterapia? Di solito ci si rivolge ad uno specialista in caso di:

  • Difficoltà a deambulare;
  • Problemi articolari (dolori alle spalle, alle ginocchia, al gomito o alle anche);
  • Dolori causati da una postura errata;
  • Conseguenze legate all’invecchiamento;
  • Operazioni chirurgiche;
  • Artrosi;
  • Cervicalgia;
  • Ernie in varie localizzazioni;
  • Lombalgia;
  • Difficoltà a tenere in mano gli oggetti;
  • Cadute frequenti;
  • Fratture;
  • Contratture;
  • Stiramento;
  • E molto altro.

Ogni patologia ha dei tempi specifici di ripresa e delle terapie di accompagnamento ma i protocolli generali sono gli stessi su tutto il territorio italiano: tutto dipende dalla scelta del professionista di riferimento.

Rivolgersi a centri specialistici ha molti vantaggi in quanto si hanno a disposizione diversi professionisti che, confrontandosi tra loro, possono trovare la soluzione migliore per il tuo problema e quindi velocizzare i tempi di recupero.

Ad esempio, se abitate in Brianza, potete effettuare sedute di fisioterapia a Monza presso il centro Kinesis Sport dove avrete a disposizione un’equipe di professionisti specializzati in diversi ambiti della fisioterapia: ortopedia, massoterapia, osteopatia e molto altro..

Quando si è alla ricerca di un professionista è importante controllare sempre che il fisioterapista abbia approfondito la disciplina per la quale avete bisogno di assistenza (è un campo molto vasto); anche l’empatia gioca un ruolo fondamentale: solo un professionista che comprenda il tipo di approccio giusto in base alle vostre abitudini e al vostro carattere può riuscire a rimettervi in forma in pochissimo tempo.

In che cosa consiste la visita specialistica di fisioterapia e riabilitazione?

La visita specialistica di fisioterapia inizia con l’analisi dei sintomi e della storia clinica del paziente. Prosegue con l’analisi della struttura, della funzionalità osteo-arto-legamentosa, dei movimenti, della statica, dei tessuti muscolari (se il problema è prevalentemente motorio) o anche delle capacità cognitive, se si tratta di una questione neurologica.

A questo punto viene scelto il programma riabilitativo più adatto, avvalendosi di tecniche e strumenti specifici: si può decidere di combinare la fisioterapia con altre attività come la ginnastica posturale, i massaggi o terapie più specifiche come la tecarterapia.

L’essenziale è trovare un equilibrio che porti ad una piena risoluzione del problema. La visita fisioterapica non è dolorosa. Esistono, a questo proposito, delle scale di valutazione che vengono utilizzate per determinare oggettivamente la funzionalità di base di un paziente all’inizio del trattamento.

Si dividono in:

  • Scale di autovalutazione (dipendono molto dalla percezione del paziente);
  • Scale basate sulle prestazioni (dipendono molto dall’esecuzione che il paziente fa del movimento)
  • Scale segnalate dagli osservatori (si affidano soprattutto a genitori e caregiver)
  • Scale di valutazione riportate dal medico (sono le più complete e precise perché elaborate da un operatore sanitario).

Cosa portare ad una visita fisioterapica

Spesso tanti pazienti si chiedono cosa sia opportuno o meno portare ad una visita fisioterapica. Iniziamo dalla documentazione: ogni esame può essere importante. Porta, dunque, tutti i referti relativi al disturbo che ti interessa valutare con il fisioterapista.

Anche l’abbigliamento è importante e deve essere adeguato alla situazione:

  • Se hai un problema all’arto inferiore (piede, caviglia, gamba, ginocchio, femore, anca) indossa dei pantaloni e delle scarpe comode che, spesso, in ogni caso, ti verrà chiesto di togliere.
  • Per il bacino e la parte bassa della schiena vale la stessa regola: hanno un’intima connessione con gli arti quindi è bene lasciarli liberi nei movimenti.
  • Per il torace, il collo e le spalle è bene restare a petto nudo o in reggiseno.
  • Per il gomito e polso ti basteranno una maglietta a maniche corte o una canottiera.

Ora che hai tutte le informazioni giuste non ti resta che prenotare: la salute del tuo corpo inizia da qui.

Lascia un commento