Cura per la sterilità con la medicina cinese

di Redazione 0

Il mio primo incontro con Zhai risale a più di sei anni fa. Quando Michael Dooley – allora ginecologo e consulente di fertilità al Lister Hospital di Londra – mi raccontò dei suoi successi. Tra il 1995 e il 2000 Zhai aveva applicato i principi della medicina tradizionale cinese a 224 pazienti (età media. 37 anni). Di queste il 76% era rimasta incinta portando a termine la gravidanza nel 77% dei casi. Le pazienti che invece avevano abortito spontaneamente ritentarono la cura ed ebbero un bambino nel 69% dei casi. Tanto per fare un confronto nel 2000 il centro per la cura della fertilità che vantava la più alta percentuale di successi raggiungeva punte massime dei 38,8% (dato della Human Fertili­zation and Embryology Authority Lea­gue).

Zhai otteneva il risultato deside­rato in più dei 70% dei casi. Le percentuali di successo di Zhai sono fenomenali. Solo nel 2005 ha aiutato 61 donne a concepire, ovvero l’80,3 per cento delle pazienti che si erano rivolte a lei quell’anno. E 45 di loro hanno avuto un figlio. La fama del suo straordinario talento si è diffusa tanto che il London Fertility Center permette alla dottoressa di av­valersi delle strutture del centro per praticare l’inseminazione intrauterina (iui) a ciclo naturale e seguire perso­nalmente le sue pazienti.

La iui a ciclo naturale non prevede medicinali o procedure invasive – si tratta di inietta­re il seme maschile all’altezza delle tu­be di Falloppio, in coincidenza con l’ovulazione. È un metodo che Zhai di­ce di adottare solo per i casi che ri­chiedono l’intervento della fecondazio­ne assistita, e in cui non c’è molto tempo a disposizione.

«Il problema della medicina cinese è che richiede tempi lunghi. Io aiuto il corpo delle mie pazienti a prepararsi alla gravidanza, e poi aspettiamo»

La prima – e a oggi, uni­ca – donna che Zhai abbia fatto venire al London Fertility Centre ha concepito al secondo tentativo, a 43 anni. Spo­sata a 40 anni. Amanda (nome fittizia) aveva subito cercato di rimanere in­cinta, invano. Poi l’anno scorso ha avuto un figlio, e adesso è fuori di sé dalla gioia.

 «Prima di rivolgermi alla dottoressa Zhai mi ero sottoposta tre volte alla iui e alla ivf. Il mio medico mi aveva consigliato di arrendermi per­ché ero troppo vecchia e i miei ovociti troppo deboli. Mi sono curata da Zhai per tutto il 2008, e mi sono sottoposta alla iui al London Fertility Centre. Il primo tentativo è finito cori un aborto spontaneo, ma il secondo ha funzio­nato. Ancora non riesco a crederci. Può essere stato solo merito suo: ha migliorato la qualità degli ovociti. E fa­re la iui sotto il suo controllo è stato molto diverso. Negli altri centri sai che la gente pensa che sia troppo tardi e che dovresti rivolgerti a una donatri­ce».

«Quando dico a una coppia di non perdere tempo e denaro con la ivf so di cosa parlo»,

spiega Zhai.

 «Spesso per rendere possibile una gravidanza basta depurare il sistema, incrementa­re il flusso di sangue alle ovaie e ripri­stinare un livello generale di salute. Curare gli uomini è molto facile: la ri­dotta concentrazione di spermatozoi nel liquido seminale infatti può essere migliorata molto rapidamente. Per es­sere sicura di lavorare in condizioni di salute ottimali, tratto sia l’uomo che la donna. Quando una donna si affida a me, io la tratto nella sua totali­tà. Non è una questione di analisi dei sangue o di ecografie – a cui io stessa, a volte, ricorro. Le ecografie non ti aiu­tano a capire come funziona un cor­po. Io studio i grafici della temperatura basale delle pazienti, e spesso mi ac­corgo che alcune donne che credeva­no di avere un ciclo normale in realtà sono soggette a grandi sbalzi ormona­li. Dopo aver normalizzato i loro valori, anche i grafici cambiano. I fatti parla­no chiaro. Sono dati tangibili».

I centri per la fertilità, fa notare, non conside­rano la salute generale di una donna. Eppure nessuno si sognerebbe di cor­rere con una gamba rotta. In alcuni casi Zhai prova a dissuadere le sue pazienti dal sottoporsi alla ivf, o quanto meno di rimandarla. Alcune seguono il suo consiglio, altre no. La cura di Zhai non è a buon merca­to ma è un’alternativa interessante rispetto alla ivf: 215 euro per la visita iniziale, due appuntamenti al mese e sedute di agopuntura (97 euro) e erbe (230 euro) al mese. Durante le con­sultazioni, Zhai controlla la lingua e il polso delle sue pazienti e domanda se hanno disturbi dei sonno, troppa sete e se vanno in bagno con regolarità.

Spesso prescrive diete – via lo zucche­ro, il caffé, gli alcolici, i latticini, il fru­mento e i cibi piccanti – e chiede alle pazienti di annotare la propria tempe­ratura basale. Un po’ alla volta, grazie alle erbe e all’agopuntura, Zhai dice di regolare l’energia vitale che fluisce nel corpo rilasciando calore e ridistribuendo i fluidi corporei. Secon­do la medicina tradizionale cinese, è da questo che dipendono una buona salute e un sano metabolismo. Il di­sturbo di un organo si ripercuote sul resto del corpo. Le diagnosi più comu­ni comprendono un eccesso di calore nel fegato, la stasi del sangue, l’ostru­zione di calore e umidità nell’addome, un flusso rallentato di sangue nelle ovaie, e via dicendo.

Le erbe proven­gono dalla Cina e comprendono  fiori di cartamo(huarìg hua), il frutto del li­gustro lucido (nu zhen zi), la parte in­terna del seme della pesca e le radici di angelica e codonopsis. Ma spesso Zhai integra la cura con la medicina occidentale. Zhai dice di avvertire i primi cambia­menti nel giro di tre mesi ma di non poter poter prevedere quanto durerà la cura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>