Home » Medicina News » Carta igienica tossica? A cosa fare attenzione

Carta igienica tossica? A cosa fare attenzione

Potrà sembrare assurdo parlare di carta igienica tossica. Eppure questo prodotto che noi usiamo tutti i giorni potrebbe in alcuni casi nascondere dei pericoli ai quali, oggettivamente, non pensiamo.

Carta igienica potenzialmente pericolosa se di scarsa qualità

E questo accade perché la carta igienica è un bene che viene dato per scontato, la cui qualità non sempre è non assicurata, soprattutto se tendiamo a voler risparmiare e spendere poco. Di solito guardiamo al suo prezzo, al suo profumo, ai veli di cui è composta e ogni tanto al colore. Ma non pensiamo agli ingredienti con i quali è composta e ai fattori da osservare per comprendere se effettivamente sia un acquisto sicuro.

Come selezionare quindi la carta igienica più adatta alla propria salute? Quel che è certo, prima di tutto, dobbiamo comprendere se i processi produttivi della stessa siano adeguatamente sicuri per il nostro organismo. Quando questo prodotto viene creato, industrialmente, sono diverse le sostanze chimiche che vengono utilizzate per assicurare morbidezza e resistenza.  Tra di esse spicca il cloro che non di rado può rimanere nella carta igienica e creare problemi di salute attraverso il contatto diretto con la pelle.

Altra sostanza che viene utilizzata per dar vita a questo vitale bene per la nostra quotidianità è la candeggina: questa risulta essere pericolosa per la diossina che viene rilasciata. Per l’organismo essa può rappresentare fattore di rischio per problemi al sistema immunitario e ormonale.

Attenzione alle sostanze con le quali viene lavorata

La carta igienica, va da sé, è un prodotto che viene a contatto continuamente con la nostra pelle. E questo può portare anche a contaminazioni da parte di sostanze come la formaldeide e il bisfenolo A. Insomma, diventa importante avere una idea ben precisa della tipologia di bene che acquistiamo.

Basti pensare che il colore candido della maggior parte dei rotoli è ottenuto con processi di sbiancamento chimici come il biossido di cloro. Come regolarsi quindi?

La prima cosa da fare è quella di selezionare una carta igienica il più bio possibile, che anche se sbiancata utilizzi per tal processo ingredienti naturali come idrogeno e ossigeno.  Bisogna poi evitare il più possibile prodotti colorati e profumati. Questi potrebbero presentare con maggiore probabilità lo scatenarsi di allergie o reazioni sulla pelle.

La carta igienica è un prodotto che viene a contatto con le parti più intime del nostro corpo: scegliere bene va a favore della nostra salute. Cerchiamo quindi di porre un po’ più attenzione nei confronti di una selezione che troppo spesso diamo per scontata.

Lascia un commento