Giochi tradizionali aiutano sviluppo del linguaggio?

di Valentina Cervelli 0

I giochi tradizionali aiutano lo sviluppo del linguaggio nei bambini? A quanto pare la risposta è positiva secondo gli scienziati della Nothern Arizona University. I giochi elettronici non stimolerebbero abbastanza i più piccoli.

Trovare il gioco perfetto per i propri bambini è un problema che a Natale sembra toccare il suo apice nella vita dei genitori. Di solito si tende a puntare a giocattoli in grado di produrre tanti suoni diversi e luci di molti colori. La realtà? Tutta questa “musica” e tutto questo movimento potrebbero rallentare lo sviluppo del linguaggio nel bambino. In pratica quando è il giocattolo a parlare, il piccolo smette di avere lo stimolo di farlo. Lo studio, pubblicato sulla rivista di settore Jama Pediatrics è molto chiaro:

I risultati raccolti gettano le basi per scoraggiare l’acquisto di giochi elettronici che vengono pubblicizzati come educativi e che risultano essere spesso molto costosi.

I dati sono stati recuperati prendendo in analisi un campione di 26 coppie di genitori e i loro bambini. Quest’ultimi erano di età compresa tra i 10 ed i 16 mesi. Usando del materiale specifico, i ricercatori hanno registrato i suoni nelle case di queste famiglie nel momento dedicato al gioco. Ad ognuna di esse sono stati consegnati 3 differenti set di giocattoli contenenti:

  • Un baby computer, una fattoria parlante ed un baby telefono
  • Puzzle di legno, formine e cubi di gomma con figure
  • 5 libri per bambini con animali e diverse altre forme

E’ emerso che i giochi elettronici non riuscivano a suscitare nei bambini le stesse reazioni che al contrario scaturivano con gli altri gruppi di giocattoli. Questo perché anche i genitori, davanti ai primi, parlavano di meno stimolando di conseguenza in modo minore la quantità e la qualità del loro linguaggio. Il set migliore si è rivelato essere quello contenente i libri, perfetti sia per stimolare l’attenzione dei più piccoli, sia per favorire il dialogo tra le parti. Essendo il campione studiato esiguo la ricerca non può essere considerata definitiva nelle sue scoperte. Di certo suggerisce in modo efficace su quale tipologia di gioco bisogna però puntare la propria attenzione se si vuole stimolare lo sviluppo cognitivo dei bambini.

Photo Credits | Goran Bogicevic / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>