Home » Neurologia » Neurologi, l’età adulta arriva a 30 anni

Neurologi, l’età adulta arriva a 30 anni

L’aspettativa di vita aumenta anno dopo anno e si diventa grandi a 30 anni: questo è quanto sostengono i neurologi. Secondo gli studiosi del cervello umano in sostanza le persone si comportano da eterni adolescenti per diventare veramente adulte solo quando compiono 30 anni.

Una buona scusa per chi tende a procrastinare le proprie responsabilità affidandosi da adesso in poi a quanto spiegato dai neuroscieziati nel corso di un meeting ospitato dall’Academy of Medical Sciences di Oxford. 

La posizione dei ricercatori è innovativa perché i loro studi confermano che a 18 anni si stanno ancora attraversando dei cambiamenti cerebrali che potrebbero influenzare il comportamento. 

Ma è anche vero che i ricercatori frenano delle definizioni troppo limitate e spiegano che in effetti la transizione fra l’infanzia e l’età adulta si compie in un caso di tempo molto lungo, lungo circa tre decenni e che appare piuttosto flessibile. 

D’altra parte, avere delle definizioni, può essere utile per il sistema educativo, quello sanitario o quello legale, proseguono i ricercatori, ma la realtà è ben diversa. 

L’età considerata di accesso all’età adulta è quella di 18, momento in cui si ha la facoltà di votare, di acquistare alcol e anche di non sottrarsi alle responsabilità con la giustizia, ma è anche vero che i ricercatori confermano che i giudici esperti sanno ben riconoscere  la differenza tra un imputato di 19 anni e un uomo, un criminale di 35 anni e più. Non potendo più parlare di tappe troppo prestabilite, non esiste neppure più il passaggio fra l’infanzia e la vita adulta. 

Depressione, se si manifesta nell’adolescenza, peggiora nell’età adulta

Proteggere il cervello, ecco come

Ipertensione nell’adolescenza, causata da Internet?

photo

Lascia un commento