Rimedi omeopatici e farmacologici per la tosse

di Redazione 3

Se con i primi freddi il vostro problema principale sono le notti insonni pas­sate a tossire, o a cercare di pla­care la tosse dei vostri bambini o, in ogni caso, a maledire quei singulti che vi tengono svegli e vi irri­tano la gola e l’umore, allora sarà il caso di prendere precauzioni e cercare di individuare i metodi mi­gliori per il trattamento di questo fastidioso malanno stagionale. Innanzitutto sarà necessario stabilire il tipo di tosse a cui andate soggetti: grassa o secca? O, più propriamente, produttiva o impro­duttiva?

La tosse definita come “produt­tiva” è quella che comporta la pre­senza di catarro nelle mucose delle vie respiratorie, che svolge, attraverso l’espulsione di sostanze estranee, una sorta di pulizia. Infatti noterete che. una volta scom­parso il catarro, anche la tosse vi abbandona. La tosse “improduttiva” è, al con­trario, priva di catarro e può avere varie cause. Esaminiamone al­cune. Può trattarsi del risultato di un’infiammazione della laringe (laringite), e spesso la cosa è ac­compagnata anche da un abbassamento della voce e, se non trattata correttamente, può sfociare in raucedine e mal di gola.

A sua volta, la laringite è causata dal freddo, dal fumo, dal­l’alcool o dall’uso eccessivo e/o scorretto della voce (esempio: ur­lare). Altre patologie associate alla tosse “secca” possono essere: bronchite, faringite e tracheite, tutte infiammazioni causate da virus o batteri che si manifestano con una tosse man mano più grassa durante il corso della gior­nata. Nel caso in cui sia presente anche la febbre si possono assu­mere farmaci antipiretici (parace­tamolo), mentre gli antibiotici devono essere usati limitatamente a bronchiti, faringiti e tracheiti bat­teriche, sotto stretto controllo me­dico.

Nel caso in cui, infine, vi ritroviate a combattere con una tosse stizzosa, che toglie il fiato, l’origine potrebbe anche essere allergica. Attenzione, però, qua­lora si manifestasse soprattutto di notte e con attacchi spasmodici che terminano con una sorta di “apnea“, potrebbe trattarsi di per­tosse, una malattia infettiva cau­sata da un batterio (Bordetella Pertussis) spesso contratta dai bambini in età scolare. Ma come va trattata una tosse im­produttiva? Come districarsi tra rimedi natu­rali, sciroppi e antibiotici?

La regola di base consiste nel pre­diligere i farmaci per la produzione di catarro (mucolitici, espettoranti, fluidificanti) ai sedativi della tosse, in quanto, come detto, tale produ­zione di muco favorisce la guari­gione, mentre i sedativi si limitano a calmare il sintomo senza però risolvere in maniera definitiva la causa vera e propria. Perciò sarà buona norma limitare l’uso dei sedativi alle ore not­turne, per un riposo adeguato, mentre al giorno saranno desti­nati i farmaci per lo sviluppo del muco e il conseguente “ingras­samento” della tosse. Per evitare confusioni, ecco qui di seguito una breve classificazione dei farmaci contro la tosse:

  • Sedativi: divisi in centrali (es. de­strometorfano, butamirato) e peri­ferici (es. dropropizina), agiscono a livello cerebrale, bloccando l’im­pulso della tosse, e sono indicati per le tossi secche o stizzose, co­munque “improduttive”.
  • Mucolitici: agiscono spezzando le proteine del muco fluidifican­dolo per facilitarne poi l’espulsione dal sistema respiratorio. Alcuni esempi di principi attivi mucolitici sono: Vacetilcisteina, l’ambroxolo e la bromexina.
  • Espettoranti: sono solitamente prodotti a base di estratti vegetali, il cui scopo è l’aumento della pro­duzione di muco.
  • Antibiotici: solo su consiglio del medico, per combattere infezioni a bronchi, faringe o trachea. Ap­partengono alla classe delle peni­cilline e servono a sradicare una possibile infezione batterica spesso accompagnata da stati febbrili.
  • Associazioni di più principi attivi: sono solitamente sconsigliate in quanto aumentano la possibilità di effetti indesiderati, in ogni caso le associazioni più diffuse sono quelle con: simpaticomimetici che provocano la dilatazione dei bron­chi per favorire la respirazione; antistaminici, somministrati in caso di allergia e associati a sciroppi con scopi sedativi; sedativi e mucolitici, associati per placare la tosse di notte e produrre catarro di giorno, con effetti spesso contro­producenti a causa delle azioni opposte dei due farmaci; antifeb­brili, per trattare contemporanea­mente eventuali stati influenzali.

Un discorso a parte lo meritano i rimedi casalinghi o naturali, che non prevedono l’uso di medicinali. In medicina popolare per combat­tere le forme infettive si consi­gliano inalazioni o infusi di piante officinali quali eucalipto, lavanda, malaleuca, timo, olio di nigella e menta. Aggiungere miele o so­stanze zuccherate alle bevande ri­duce il bruciore alla gola, che spesso accompagna la tosse, con una lieve azione sedativa sullo sti­molo a tossire. Sono state attri­buite doti fluidificanti anche alle pere, da mangiare bollite in acqua con qualche cucchiaino di miele, e alla borragine con cui fare un in­fuso da sorseggiare contro la tosse secca.

Tra le erbe officinali espettoranti, poi, troviamo malva, altea, verbasco e lichene islan­dico. Sono ritenute fluidificanti, in­vece, edera, anice e finocchio. Tra i vari consigli “della nonna” ri­cordiamo anche i cataplasmi (una sorta di impacchi caldi da appli­care sul torace o sulle zone della schiena in cui è depositato il ca­tarro) ai semi di lino e fecola di pa­tate, con poteri apparentemente fluidificanti.

Più in generale, il con­siglio fondamentale è quello di bere molta acqua (6-10 bicchieri al giorno) per favorire la produ­zione di catarro e l’espulsione dei batteri. Per lo stesso motivo è utile umidificare l’ambiente in cui si vive (per esempio con vaschette d’ac­qua sui termosifoni accesi o con apparecchi elettrici che producono vapore) e fare inalazioni di vapore (fumenti). Insomma, basta seguire alcune semplici norme dettate dal buon­senso, come anche, ad esempio, evitare ambienti fumosi, polverosi o con aria secca e inquinata.

Commenti (3)

  1. Questo articolo è stato inserito nella categoria “Omeopatia e Terapie olistiche”, ha per titolo “rimedi omeopatici e farmacologici per la tosse” ma, non tratta nemmeno per una parola di omeopatia…
    Attenzione quindi sfatiamo il mito popolare che considera uguali la medicina omeopatica e l’erboristeria o i rimedi naturali.
    I rimedi naturali o erboristici consistono nell’assumere dosi ponderali (dai milligrammi ai grammi) di prodotti o estratti vegetali, i rimedi omeopatici sono considerati farmaci a tutti gli effetti infatti vengono venduti in farmacia e sono prescrivibili solo da medici in quanto l’omeopatia cura gli individui non le malattie e quindi deve essere il medico a scegliere il rimedio sintomatico (in questo caso per la tosse) più adatto alle condizioni dell’individuo.
    Posto un video introduttivo sulla medicina omeopatica in maniera che tutti possano capire le differenze con la medicina allopatica (quella che prescrve farmaci) e possano chiarirsi tutti i dubbi da informazioni non corrette che ognuno di noi ha…

  2. l’uomo invisibile sta per venire!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>