Stodal sciroppo omeopatico: posologia nei bambini e in gravidanza

Lo Stodal sciroppo è un prodotto omeopatico della Boiron indicato per la tosse secca e grassa, ed è ideale per tutta la famiglia, anche per i bambini. Come tutti i preparati omeopatici, infatti, non comporta effetti collaterali grazie all’estrema diluizione dei principi attivi. Vediamo insieme le indicazioni terapeutiche e le dosi consigliate.

Tosse secca o grassa con catarro e omeopatia

La tosse, come certamente saprete, non è una malattia, ma il sintomo di un’infiammazione in corso delle vie respiratorie, dovuta ad una sostanza irritante o un agente patogeno. Spesso, infatti, è accompagnata a raffreddore, faringite, laringite, tracheite, bronchite, ecc. distinguere una tipologia di tosse da un’altra non è così semplice come sembra, in linea di massima, però, si può parlare di tosse secca e di tosse grassa. Vediamo insieme quali sono i rimedi omeopatici più efficaci in base ai casi.

Rimedi omeopatici per la tosse grassa e secca

La tosse è uno dei sintomi più comuni delle infezioni virali. Questo disturbo, infatti, si accompagna a sindromi influenzali, bronchiti, faringiti e laringiti, che provocano irritazioni alle vie aeree, a volte con produzione di muco.  La tosse è un meccanismo di difesa messo in atto dall’organismo per liberare le prime vie respiratorie da germi, muco o corpi estranei, che possono ostacolare il passaggio dell’aria. Vediamo insieme i rimedi omeopatici più efficaci.

Muco nel naso e nei bronchi: a che serve?

Oggi parliamo di muco. Approfittiamo dell’occasione che ci viene donata da uno studio dedicato condotto dall’Università del North Carolina e recentemente pubblicato sulla rivista di settore Science. Da tutti noi è ritenuto un vero e proprio fastidio, ma sia quello polmonare, conosciuto sotto il nome di catarro, sia quello nasale hanno una funzione ben precisa che ora analizzeremo.

Tosse: attenzione a terapie fai da te con sciroppi e sedativi

Quando si parla di tosse, che sia secca o grassa, mai fare di testa propria, specialmente se il cervello suggerisce di iniziare cure estemporanee a base di sciroppi e sedativi.  Le terapie fai da te non possono essere contemplate nel carnet delle opzioni, specialmente se si vuole combattere questo disturbo in maniera corretta. Non bisogna sottovalutarla, ma nemmeno curarla in modo sbagliato.

Tosse grassa, i rimedi naturali

La tosse grassa, al pari di quella secca, può essere un vero tormento a causa del catarro, che il nostro organismo, per difendersi, tenta di eliminare attraverso il colpo di tosse. I rimedi naturali, tuttavia, non mancano, dai cataplasmi agli sciroppi naturali.

Tosse grassa nei bambini e negli adulti, quali farmaci o rimedi?

La tosse è il mezzo attraverso il quale il nostro organismo tenta di eliminare dalla gola e dalle vie respiratorie le sostanze che lo irritano. Queste stimolano con la loro presenza i nervi dell’apparato respiratorio inviando un impulso al cervello che crea una contrazione dei muscoli dell’addome  e del diaframma atta a  tentare di espellere gli agenti irritanti. Oggi affronteremo il problema della tosse grassa negli adulti e nei bambini tentando di capire quali possano essere i rimedi naturali e medicinali da assumere.

Via la tosse con prodotti naturali!

Subito dopo il mal di gola, fa la sua comparsa la tosse. A dar fastidio ci si mette soprattutto durante la notte e impedisce di dormire in modo riposante, disturbando di continuo il sonno. Mentre lo sforzo e i continui accessi irritano ancor di più la gola e prolungano l’infiammazione. Per mandarla. via la prima cosa è, se si ha il vizio, smettere di fumare. Poi bisogna evitare l’aria secca, gli ambienti inquinati, fumosi e affollati, che irritano la gola, acuiscono la tosse e facilitano l’aggressione di batteri e virus.

A seconda del tipo di tosse, secca o grassa, ci sono rimedi diversi. Quando la tosse è produttiva occorre sciogliere il catarro a livello dei bronchi e utilizzare sostanze che svolgano un’azione balsamica. Oltre a bere molto, per sciogliere il muco si ricorre agli sciroppi. La natura in questo caso arriva in nostro soccorso con l’edera, le cui foglie sono ricche di saponine che agevolano l’espettorazione del catarro. In molti prodotti fitoterapici è associata al timo il quale, oltre all’azione fluidificante, aiuta a dilatare le vie respiratorie e ad alleggerire il respiro. Se invece è secca, meglio sedarla, per evitare che irriti ancora di più le mucose già infiammate.

Rimedio naturale per la tosse: il miele meglio dei farmaci

Un cucchiaio di miele prima di andare a dormire mette a tacere i sintomi della tosse meglio di quanto possano fare i farmaci. Questo vale soprat­tutto per i bambini, che con l’au­tunno, i primi freddi e il contatto con i compagni di classe, non fanno altro che ammalarsi, con ri­cadute che spesso coinvolgono tutta la famiglia. Basti pensare ai bimbi più piccoli, che per una tosse non riescono ad addormen­tarsi, facendo passare notti in bianco a genitori e fratellini. Ora la scienza ha dimostrato che il miele, in bambini che hanno mal di gola, tosse e naso che cola, funziona meglio dei cosiddetti se­dativi per la tosse.

 E non solo: il prezioso liquido ambrato ha anche un effetto più persistente, nel senso che dura di più. Se as­sunto per alcune notti di seguito, quando tosse e raffreddore du­rano a lungo, la sua efficacia cre­sce anziché diminuire, come succede invece per il farmaco. Inoltre, il miele migliora la qualità del sonno. Ma c’è una precau­zione da non sottovalutare: non va dato ai bambini che non hanno raggiunto l’anno di età perché può contenere tossine che un or­ganismo così piccolo potrebbe non tollerare. La tosse, semplicemente, è un au­tomatico meccanismo di difesa del corpo che si mette in funzione quando qualche cosa non va all’interno dell’albero respiratorio. Non è, quindi, una malattia e il più delle volte non è provocata da cause gravi. Perciò non andrebbe trattata appena insorge.

Rimedi omeopatici e farmacologici per la tosse

Se con i primi freddi il vostro problema principale sono le notti insonni pas­sate a tossire, o a cercare di pla­care la tosse dei vostri bambini o, in ogni caso, a maledire quei singulti che vi tengono svegli e vi irri­tano la gola e l’umore, allora sarà il caso di prendere precauzioni e cercare di individuare i metodi mi­gliori per il trattamento di questo fastidioso malanno stagionale. Innanzitutto sarà necessario stabilire il tipo di tosse a cui andate soggetti: grassa o secca? O, più propriamente, produttiva o impro­duttiva?

La tosse definita come “produt­tiva” è quella che comporta la pre­senza di catarro nelle mucose delle vie respiratorie, che svolge, attraverso l’espulsione di sostanze estranee, una sorta di pulizia. Infatti noterete che. una volta scom­parso il catarro, anche la tosse vi abbandona. La tosse “improduttiva” è, al con­trario, priva di catarro e può avere varie cause. Esaminiamone al­cune. Può trattarsi del risultato di un’infiammazione della laringe (laringite), e spesso la cosa è ac­compagnata anche da un abbassamento della voce e, se non trattata correttamente, può sfociare in raucedine e mal di gola.

A sua volta, la laringite è causata dal freddo, dal fumo, dal­l’alcool o dall’uso eccessivo e/o scorretto della voce (esempio: ur­lare). Altre patologie associate alla tosse “secca” possono essere: bronchite, faringite e tracheite, tutte infiammazioni causate da virus o batteri che si manifestano con una tosse man mano più grassa durante il corso della gior­nata. Nel caso in cui sia presente anche la febbre si possono assu­mere farmaci antipiretici (parace­tamolo), mentre gli antibiotici devono essere usati limitatamente a bronchiti, faringiti e tracheiti bat­teriche, sotto stretto controllo me­dico.