Home » MEDICINA DELLA MENTE » Psicologia » Scoperto perché alcuni pazienti depressi non rispondono alla terapia

Scoperto perché alcuni pazienti depressi non rispondono alla terapia

Un nuovo studio permette di comprendere meglio le caratteristiche molecolari che rendono un cervello suscettibile di ansia e depressione e se ha meno probabilità di risposta alla terapia con farmaci antidepressivi. La ricerca, pubblicata da Cell Press sulla rivista Neuron, può portare a strategie più efficaci per il trattamento della depressione, una condizione in aumento in tutto il mondo.

Sebbene i meccanismi cerebrali associati alla depressione e all’ansia non siano del tutto chiari, la ricerca recente ha implicato una combinazione di eventi di vita stressanti e fattori biologici predisponenti che giocano un ruolo causale nei disturbi depressivi. I più popolari farmaci antidepressivi, come i comunemente prescritti inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), aumentano i livelli di serotonina nel cervello.

Purtroppo, più della metà dei pazienti depressi non risponde al trattamento farmacologico. Le ragioni di questa resistenza al trattamento rimangono enigmatiche. Chiarire l’esatta natura di entrambi i fattori predisponenti alla depressione e dei meccanismi alla base della resistenza al trattamento rimane un bisogno importante e insoddisfatto

spiega l’autore senior dello studio, il Dr. René Hen, della Columbia University.

Precedenti studi sull’uomo hanno suggerito che la regolamentazione dei recettori della serotonina possono essere collegati con la depressione e la risposta agli antidepressivi. I recettori della serotonina-1A (5-HT1A) si trovano nei neuroni serotoninergici stessi (autorecettori), dove si inibisce il rilascio della serotonina, e nelle aree di destinazione che ricevono innervazione serotoninergica (eterorecettori). Gli autorecettori sono fondamentali per impostare il tono “serotoninergico” nel cervello. È interessante notare che recentemente è stata identificata una modifica genetica negli esseri umani che può disciplinare i 5 livelli di autorecettori HT1A. Essa è stata collegata con la suscettibilità alla depressione e una diminuzione della risposta al trattamento farmacologico.

Il Dr. Hen e colleghi hanno sviluppato un nuovo sistema con cui si possono manipolare specificamente gli autorecettori senza alterare gli eterorecettori. I topi che avevano livelli più elevati di autorecettori hanno mostrato una risposta fisiologica allo stress acuto, con l’aumento dei comportamenti di disperazione, e nessuna risposta comportamentale al trattamento con antidepressivi. È interessante notare che, quando i livelli 5-HT1A degli autorecettori sono stati ridotti prima della terapia antidepressiva, i topi che inizialmente non rispondevano alla terapia hanno cominciato a reagire ad essa.

Presi insieme, i nostri risultati stabiliscono un nesso causale tra i livelli di 5-HT1A autorecettori, la resistenza sotto stress, e la risposta agli antidepressivi. Prevediamo che i trattamenti volti ad aumentare il tono serotoninergico prima di iniziare la somministrazione SSRI potrebbero rivelarsi efficaci e possibilmente più veloci nell’azione delle terapie antidepressive, in particolare per gli individui con livelli di autorecettori superiori

conclude il dottor Hen.

[Fonte: Medical news today]

Lascia un commento