Le bibite gassate modificano la percezione del cervello

Le bibite gassate fanno male alla nostra salute e modificano le percezioni del nostro cervello. Se eravate alla ricerca di una nuova motivazione per eliminarle dalla vostra vita, questo studio dell’Università di Maastricht condotto in collaborazione con l’ateneo di Salerno che stiamo per presentarvi, risponderà alle vostre esigenze.

Mangiare Biologico, non solo una scelta alimentare

Mangiare biologico, oggi come oggi, non è più soltanto una scelta alimentare, ma uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente. Negli ultimi anni, infatti, l’agricoltura bio si è diffusa notevolmente, soprattutto perché la consapevolezza ambientale è cresciuta e con essa anche le strategie nell’ambito dei sistemi produttivi messe in atto dalle imprese alimentari.

Attacchi di panico? Tutta colpa dell’anidride carbonica

Il centro della paura nel cervello è apparentemente dotato di un sensore chimico innescato da un terrore primordiale: la minaccia del soffocamento. Questa scoperta, che si basa su studi sui topi, potrebbe portare a correggere ciò che non va nelle persone che soffrono di attacchi di panico. Si potrebbe anche far luce sul perché i respiri profondi possono aiutare le persone a calmarsi.

I ricercatori si sono concentrati sull’amigdala, la parte del cervello legata alle paure. Studi precedenti avevano rivelato che il sensore acido cosiddetto canale ionico-1a (ASIC1a) è particolarmente abbondante nell’amigdala e nelle strutture del cervello circuito della paura, dove è richiesto per la normale risposta ai test di reazione alla paura.

Gli scienziati sanno anche che il biossido di carbonio reagisce con l’acqua per formare un acido, l’acido carbonico, che spesso si trova nei soft drinks. Questo, combinato con i livelli crescenti di anidride carbonica nel corpo provoca il soffocamento, lasciando intendere che l’acidità potrebbe innescare la paura attraverso l’attivazione dell’ASIC1a per mettere in guardia il corpo dall’asfissia.