Home » MEDICINA DELLA MENTE » Psicologia » Attacchi di panico? Tutta colpa dell’anidride carbonica

Attacchi di panico? Tutta colpa dell’anidride carbonica

Il centro della paura nel cervello è apparentemente dotato di un sensore chimico innescato da un terrore primordiale: la minaccia del soffocamento. Questa scoperta, che si basa su studi sui topi, potrebbe portare a correggere ciò che non va nelle persone che soffrono di attacchi di panico. Si potrebbe anche far luce sul perché i respiri profondi possono aiutare le persone a calmarsi.

I ricercatori si sono concentrati sull’amigdala, la parte del cervello legata alle paure. Studi precedenti avevano rivelato che il sensore acido cosiddetto canale ionico-1a (ASIC1a) è particolarmente abbondante nell’amigdala e nelle strutture del cervello circuito della paura, dove è richiesto per la normale risposta ai test di reazione alla paura.

Gli scienziati sanno anche che il biossido di carbonio reagisce con l’acqua per formare un acido, l’acido carbonico, che spesso si trova nei soft drinks. Questo, combinato con i livelli crescenti di anidride carbonica nel corpo provoca il soffocamento, lasciando intendere che l’acidità potrebbe innescare la paura attraverso l’attivazione dell’ASIC1a per mettere in guardia il corpo dall’asfissia.

L’amigdala sia pensa sia parte del circuito della paura nel cervello. Ora noi vediamo che non è solo parte di un circuito, ma è anche un sensore

ha spiegato il ricercatore John Wemmie, medico presso l’Università dell’Iowa ad Iowa City. Gli scienziati hanno scoperto che l’inalazione di biossido di carbonio provoca maggiore acidità nel cervello e il comportamento evoca paura nei topi. I topi che effettuavano respirazioni di biossido di carbonio per il 5% (circa 130 volte superiori a quella dell’aria normale) tendevano ad evitare gli spazi aperti più del solito.

In un altro esperimento, i topi sperimentavano lievi scosse elettriche le loro zampe, che gli insegnavano a temere una sezione specifica del pavimento. Quando questi topi erano colpiti, e l’aria conteneva il 10% di anidride carbonica, essi mostravano comportamenti di panico esagerati.

Quando i ricercatori hanno bloccato il gene per l’acido nei topi, questi hanno mostrato meno paura nelle prove, una condizione che è stata invertita, quando questi composti sono stati generati in modo specifico nell’amigdala. Dosi con il bicarbonato per neutralizzare l’acidità hanno ridotto la paura, mentre microiniezioni di liquido cerebrospinale acidificato artificiale nell’amigdala hanno fatto esattamente l’opposto.

Il rilevamento dell’anidride carbonica elevata è essenziale per la sopravvivenza. Quando si è soffocati, questo circuito innesca meccanismi di fuga o di risoluzione del problema

ha detto il ricercatore Michael Welsh della University of Iowa. Per quasi un secolo, gli scienziati hanno notato che l’inalazione di biossido di carbonio può scatenare attacchi di panico. Le persone con attacchi di panico sono particolarmente sensibili: un unico soffio di biossido di carbonio può scatenare attacchi di panico. I pazienti affetti da insufficienza respiratoria sono anche noti per diventare estremamente ansiosi.

Gli studi sui topi suggeriscono che le varianti genetiche nel processo dell’acido-sensore potrebbe predisporre alcuni individui ai disturbi d’ansia, compreso il disturbo post-traumatico da stress. Se i risultati si confermeranno negli esseri umani, potrebbero suggerire terapie che abbassino l’acidità del cervello. Così si spiega anche perché il respiro profondo aiuta a calmare: il PH del cervello è molto sensibile alla respirazione, e se si respira più profondamente per un certo tempo in modo controllato, si può effettivamente ridurre l’acidità.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell.

[Fonte: Livescience]

Lascia un commento