La fitoterapia dal passato ai giorni nostri

La fitoterapia, cioè l’insieme delle conoscenze che permettono di impiegare i diversi vegetali a scopo terapeutico, è antica quanto l’uomo. Nelle tavolette di argilla della cultura assiro-babilonese e nei geroglifici della antica civiltà egizia si ritrovano con abbondanza di citazioni tracce dell’utilizzo delle Piante a scopo terapeutico e veri e propri trattati sull’impiego delle piante medicinali. Le conoscenze scientifiche erano patrimonio esclusivo dei sacerdoti, e la fitoterapia non faceva certo eccezione.

La Bibbia è costellata di riferimenti alle proprietà terapeutiche dei vegetali. Il salmo 51 “miserere mei, Deus”, ad esempio, recita al versetto 9: «Lavami con l’issopo e sarò purificato…». I greci Aristotele e Ippocrate, come tutti i grandi filosofi, medici e matematici del tempo, promossero e favorirono nelle loro Scuole lo studio della botanica. Nell’ambito della civiltà romana sorsero veri e propri geni, come Dioscoride e Galero, i cui scritti determinarono per secoli (e, per certi versi, limitarono) gli sviluppi dell’arte del curare.

Fitoterapia, istruzioni per l’uso

Quante volte vi siete sentiti raccontare di guarigioni miracolose usando tisane, infusi, estratti, tramandati da vostra nonna o garantiti dalla lontana zia novantenne che vi hanno assicurato di vivere benissimo usando la fitoterapia? Tutto è possibile, anzi è credibile, specialmente perché ormai milioni di italiani entrano in farmacia o in erboristeria e comperano i preparati disponibili, ottenuti da distillazione o spremitura, da piante essiccate o fresche. Non bisogna fidarsi a priori, sarebbe corretto sentire il parere di un medico, meglio se esperto di fitoterapia, di un farmacista o di un erborista.

I possibili danni sono sempre in agguato e sono stati messi in rilievo durante il congresso nazionale dei medici fitoterapeuti italiani, dedicato in maniera specifica ai “rischi legati alle medicine alternative” promosso dalla Società Italiana di Farmacologia con il sostegno dell’Istituto Superiore di Sanità. Molti gli esempi portati. In Giappone un uomo è morto dopo aver mangiato una intera radice di ginseng “in insalata”.