Adenocarcinoma prostatico Gleason 6, oncologo risponde

Richiesta di Consulto Medico su Adenocarcinoma prostatico Gleason 6 di tipo acinare
“Gentile dott. Pastore, Le sottopongo una patologia di cui soffre un mio caro amico, di 57 anni e che lo sta tenendo in grande ansia. Dopo analisi del sangue a seguito di disturbi alla prostata, da cui è risultato un valore di PSA pari a 16, ha eseguito una biopsia che ha dato una diagnosi di: 1) adenocarcinoma prostatico di tipo acinare, con un valore Gleason pari a 6 (3+3), infiltrante focalmente 4 dei 7 frustoli prelevati dalla prostata e per un’estensione complessiva di cm. 0,8 (pari all’8% del materiale prelevato); 2) frustoli di prostata sede di un singolo focolaio di proliferazione microacinare atipica (ASAP). In seguito ha eseguito una scintigrafia ossea dalla quale sono risultate delle zone di addensamento disomogeneo del tracciante osteotropo al livello delle spalle, delle zone sacro-iliache, di quelle coxo-femorali, di una zona sovraorbitaria, nonché di un omero (dove però lui aveva subito un pregresso intervento chirurgico). Ora le domande che lui si pone sono: quanto è grave questo tipo di tumore, se il livello di PSA così alto vuole indicare il grado di stadiazione del tumore o può riferirsi anche alla forte infiammazione e all’ingrossamento della prostata, se la scintigrafia ha evidenziato zone scheletriche già sicuramente attaccate da metastasi o non invece solo delle artropatie (delle quali lui è comunque sofferente da anni), ed infine quale percorso è più indicato da seguire per poter guarire da questa patologia. La ringrazio infinitamente”

 

Noduli al seno dopo carcinoma mammario, metastasi?

Richiesta di Consulto Medico su noduli al seno dopo carcinoma mammario
Buonasera vi scrivo per parlarvi del caso di mia mamma operata tre anni fa per carcinoma duttale infiltrante: le fecero una quadranctomia e l’ esito della biopsia fu: g3 her3+B ki67 40% Linfonodi indenni da neoplasia. Fece chemioterapia rosse ed herceptin per un anno. Dopo tre anni esatti a marzo scorso ha avuto una recidiva nello stesso seno. Tutti i controlli hanno dato esito negativo ed assenza di metastasi così è stata nuovamente operata con mastectomia. L’esito dell’istologico è stato: carcinoma duttale infiltrante her3+ g2 ki6730%. Ha fatto taxolo settimanale per 3 mesi e deve ancora completare la cura attuale che sarebbe perjeta e herceptin ogni 21 gg per un anno . Si e sopposta poche settimane fa ai controlli di follow up, cioè ecografia mammaria bilaterale e addominale, analisi del sangue e delle urine e marcatori tumorali. Fin qui tutto bene. L’oncologo ha poi visitato mamma poiché la mammella non operata presentava un nodulo di 3 mm ipoecogeno con focolai di adenosi. Con la visita alla palpazione non si sentiva. ….

Recidiva tumore al seno dopo 20 anni, possibile?

Richiesta di Consulto Medico su recidiva tumore al seno dopo 20 anni
Buongiorno, vorrei se possibile avere chiarimenti in merito alla recidiva locoregionale. Mia madre è stata operata al seno di un carcinoma infiltratte duttale con interessamento in un lifonodo (sentinella) nel 1996 -mi sembra incredibile dover scrivere 1996….perche abbiamo appena scoperto una recidiva locoregionale dopo 20 anni! Non ci sono dati in merito: tutte le statistiche si fermano a 10 anni. La mia domanda è :questo responso significa successiva metastasi e morte? O ci sono ancora speranze di poter tenere sotto controllo la malattia per un tempo indefinito? Vi chiedo scusa ma la mia vita è sospesa e non riesco a gestire la situazione. Grazie anticipatamente. Cordiali saluti

 

Metodo Hamer, 4 falsi miti

Il Metodo Hamer è frutto delle teorie del medico tedesco (poi radiato) Ryke Geerd Hamer. Utilizzato soprattutto contro i tumori, questo metodo non ha alcuna validità scientifica e di recente è tornato alla ribalta dopo che alcune persone sono morte per avere più volte rifiutato la chemioterapia seguendo appunto quando dettato dal medico tedesco. Avvenimenti che hanno indotto l’Airc, Associazione italiana per la Ricerca sul Cancro, a intervenire nuovamente sulla vicenda per classificare il Metodo Hamer come pericoloso e basato su tesi non scientificamente provate che, se seguite, mettono a repentaglio la salute delle persone. Scopriamo 4 falsi miti al riguardo.

Carcinoma al seno con metastasi, cosa fare?

Richiesta di Consulto Medico su carcinoma al seno con metastasi
Nel 2009 diagnosi di carcinoma al seno her2+ chemioterapia+mastectomia; 4/28 linfonodi presi +radioterapia (no ricostruzione); nel  2012 diagnosi di linfoma follicolare chemio+rituximab (interessamento midollare). Regressione della malattia. Nel 2015 ad ottobre metastasi del seno a livello epatico, gastrico, peritoneale, ovaie, osseo (interessamento midollare). In trattamento con solo Taxolo. A febbraio riduzione delle metastasi e a livello peritoneale assenza di versamento. Aggiunto aromasin. Alcune cellule Her2+ e a livello gastrico her-2 con positività 3+ Stamani esami del sangue e i markers sembrano salire Ca125: 40 Ca15.3 : 80. Il ca125 a febbraio era tornato a 31. L’oncologa ha programmato altre 3 Taxolo e a breve è programmata una tac di controllo.  Cosa dobbiamo fare? Capiamo che è una situazione critica ma vorremmo il meglio per mia madre che ha solo 54 anni e cercare di farla soffrire il meno possibile con tutte queste chemio. Grazie

Tumore stomaco con metastasi inoperabile, quali alternative?

Richiesta di Consulto Medico su tumore allo stomaco inoperabile
Mia nonna ha 76 anni e le è stato diagnosticato un carcinoma allo stomaco con diverse metastasi al fegato in stato avanzato, giudicato inoperabile e da trattare solo con chemioterapia lenitiva! Volevo chiedere se per lei è possibile operare o ridurre il tumore con radio o chemio.

 

Qual è la differenza tra carcinoma ed adenocarcinoma?

Qual è la differenza tra carcinoma ed adenocarcinoma? Molto spesso si tende a fare confusione tra le due definizioni che invece riportano a due differenti tipologie di tumore. Cerchiamo allora di capire quali sono le caratteristiche del carcinoma e quali quelle dell’adenocarcinoma per evitare di confonderli, cosa che accade molto spesso.

Tumore al fegato, nuova terapia contro le metastasi?

Una nuova terapia contro le metastasi del tumore al fegato che alzerebbe le difese immunitarie aumentando, nel paziente malato, le possibilità di un epilogo positivo: è stata messa a punto da un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, guidati dal dottor Giovanni Sitia, responsabile dell’Unità di Epatologia Sperimentale.

Recidiva adenocarcinoma con metastasi, quali cure?

Richiesta di Consulto Medico
Buonasera Dr. ringrazio in anticipo per la disponibilità che mi dedicherete. Il mio papà ( 21/05/1950) è stato operato 2 anni fa di un adenocarcinoma della giunzione esofago gastrica di tipo tubolare scarsamente differenziato ( G3) infiltrante l’avventizia dell’esofago e la tonica sottosierosa dello stomaco insorta su mucosa esofagea. Esame istologico PT3 N2 . Eseguita anche chemioterapia per i linfonodi infiltrati………

Tumore stomaco e speranze di sopravvivenza

Richiesta di Consulto Medico
Buona sera, ho scoperto poche ore fa che mio padre di 58 anni ha un tumore allo stomaco (il dottore ci ha detto che è li da quasi 4 anni ) ed il fegato è in metastasi, è inutile dire che mi è crollato il mondo addosso. Vorrei sapere se ci sono speranze di sopravivvenza? In attesa di una risposta Cordiali saluti.

Jimmy Carter guarito con l’immunoterapia?

L’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter ha sconfitto il cancro al cervello dal quale era stato colpito. E tale successo, secondo ciò che riportano i giornali americani, è dovuto all’utilizzo dell’immunoterapia per combattere il tumore.

Tumore alla vescica e metastasi, quali possibilità e terapie?

Richiesta di Consulto Medico su tumore vescica e metastasi
Salve. Mio padre 10 anni fa ha fatto l’autotrapianto delle cellulosa staminali per un linfoma non hodging. A gennaio del 2015 durante i controlli annuali vengono rilevati dei linfonodi nuovamente accesi…soprattutto uno inguinale. In prima battuta ci viene detto che potrebbe essere un ritorno del linfoma perché se dai risultati della Pet ne usciva un tumore eravamo rovinati. Dalla Pet però esce un nodulo di 1,5 al polmone…viene operato e dall’esame estemporaneo esce un adenocarcinoma polmonare quindi viene effettuata la lobectomia del polmone destro (questo accade a maggio 2015). Mio padre il 30 giugno fa una tac da dove non esce niente. ……..