Otoplastica dove farla?

Richiesta di Consulto Medico
Salve e grazie anticipatamente della cortesia, volevo chiedere una cosa: oggi ho fatto fare una visita a mia figlia al bambino Gesù di Roma per un problema di “orecchie a sventola” . Mi hanno detto che essendo una operazione a fini estetici non si può fare tramite mutua e fino a qui ok….. La mia domanda é :devo per forza portare mia figlia in una clinica privata?? Non posso farla operare “sempre a pagamento” ma in un ospedale? Se si come devo fare? Grazie mille.

 

 

Otoplastica gratuita in ospedale, come fare? Risponde l’esperto

Nella nostra rubrica “Chiedi all’esperto” ci scrive un lettore ponendo il seguente questito riguardante l’intervento di correzione delle orecchie a sventola (otoplastica) per un bambino e la possibilità di effettuarlo gratis:

“Buongiorno ringraziandovi anticipatamente e congratulandomi dell’utilità e chiarezza del vostro sito avrei da porvi un quesito: dovendo operare mi figlio di anni 10 di otoplastica (orecchie a sventola) e dopo aver letto che l’operazione può essere mutuabile con una relazione psico emotiva sociale vorrei inquadrare l’iter burocratico per tale operazione”.

Risponde il professor Mario Dini, specialista in Chirurgia plastica estetica:

Otoplastica laser: la parola all’esperto

Esistono di sicuro varie tecniche chirurgiche per affrontare l’otoplastica, ovvero la correzione delle orecchie a sventola tramite un intervento di chirurgia plastica. Tra queste troviamo quale recente acquisizione anche l’utilizzo del laser, al posto del bisturi. Si tratta di un laser CO2 (ad anidride carbonica) pulsato, che come noto ha la proprietà di praticare incisioni precise e molto sottili (ovviamente sempre grazie alla mano esperta del chirurgo che lo adopera), limitando gli esiti cicatriziali, il gonfiore e gli eventuali ematomi post operatori. Ma è veramente così? Quali sono le differenze sostanziali di un’operazione di chirurgia estetica con il laser? Ed effettivamente quali benefici per ciò che riguarda l’otoplastica? Abbiamo chiesto il parere al professor Mario Dini specialista in chirurgia plastica ed estetica, come sempre molto disponibile a rispondere ai nostri e ai vostri quesiti, che ci sorprende andando in controtendenza.

Otoplastica nei bambini: domande all’esperto

L’otoplastica è uno dei pochi interventi di chirurgia estetica fattibili sui bambini. Ricordiamo che si tratta dell’operazione chirurgica necessaria per risolvere le orecchie a sventola che proprio in età scolare, possono provocare molti disagi nei bambini, a tal punto da incidere sulla qualità delle loro relazioni sociali. Si tratta però pur sempre di un intervento chirurgico che non va preso alla leggera e che comunque non deve essere visto come il simbolo della ricerca di una “perfezione estetica” nei bambini. Per questo abbiamo scelto di parlarne con un esperto, il professor Mario Dini , specialista in chirurgia plastica ed estetica.

Otoplastica, rischi, costi e altre domande all’esperto

Avete mai sentito parlare dell’otoplastica? Sicuramente sì se le vostre orecchie non vi piacciono e sono particolarmente preminenti, ovvero se avete le cosiddette “orecchie a sventola”, perché si tratta di un intervento di chirurgia estetica volto a risolvere tale inestetismo che riguarda adulti e bambini. Abbiamo deciso di approfondire l’argomento con un esperto, il professor Mario Dini, specialista in chirurgia plastica ed estetica.

Otoplastica: chirurgia estetica per orecchie a sventola

Sotto il nome di otoplastica è riconosciuta quella comunemente definita chirurgia estetica delle orecchie: un tipo d’intervento volto a modificarne la forma, le dimensioni e l’attaccatura. Parliamo di un operazione che aiuta le persone ad essere più a loro agio con il proprio aspetto. Si tratta dell’intervento solitamente usato per eliminare quelle che vengono definite “orecchie a sventola”.

Interventi di chirurgia estetica come regalo di Natale? Mai prima dei vent’anni

Scartare un nuovo seno sotto l’albero, impacchettare due labbra turgide nuove, scrivere a Babbo Natale se sulla sua slitta c’è abbastanza spazio per una liposuzione: non siamo poi così lontani dalla realtà, dal momento che sono sempre più gettonati, come cadeau natalizio, gli interventi di chirurgia estetica.
Se non ci sorprende che queste richieste provengano da donne che hanno abbondantemente superato gli anta o in età più giovane, ma con difetti fisici evidenti che possano creare disagi a relazionarsi, a stupire è invece che siano molte adolescenti a desiderare come regalo di Natale operazioni di chirurgia plastica.

Si sa che l’adolescenza è un periodo critico, di profonde trasformazioni, sia fisiche che psicologiche e, a farla da padrona, è l’insicurezza. Chi di noi si piaceva nel complesso tra i 13  e i 18 anni? Crescendo si impara a valorizzare il proprio corpo, a trovare il proprio modo di porsi, uno stile personale nel vestire, e l’immagine cambia come muta il nostro sguardo prima ipercritico davanti allo specchio. Motivo per il quale assecondare richieste di questo tipo nei propri figli adolescenti è davvero sconsigliabile.