5 fatti sulle rughe, vero o falso?

Rughe, vero o falso? Vogliamo “giocare” con 5 fatti, alcuni veri, alcuni falsi che riguardano questo inestetismo epidermico temuto da tantissime persone. Che non dovrebbero averne paura, già solo per evitare che ulteriori rughe compaiano sul loro viso.

Combattere le rughe con la penna che ringiovanisce?

Contro le rughe arriva un nuovo alleato: Dermapen, alias la “penna” che promette di ringiovanire la pelle e combattere anche le smagliature. Questo nuovo strumento al servizio della bellezza agisce, infatti, stimolando la produzione di collagene, il principale componente del tessuto connettivo, responsabile dello stato della pelle e della sua elasticità, ma anche della condizione del tessuto osseo e dei tendini.

La tossina botulinica: usi terapeutici in campo estetico

La tossina botulinica, nota come uno dei potenti veleni in natura, responsabile di intossicazioni dall’esito spesso mortale, negli ultimi venti anni si è messa al servizio della medicina ed oggi è impiegata con successo nella cura di vari disturbi. Il primo utilizzo della tossina botulinica a scopi terapeutici è stato effettuato negli anni Ottanta, in America, nel trattamento dello strabismo congenito. Da allora, grazie alle ricerche sempre più approfondite, la sua applicazione si è estesa ad un’ampia gamma di disturbi neurologici, tanto che attualmente molti centri in Italia ricorrono al suo incredibile potenziale per trattare una serie di distonie, dal blefarospasmo e connessa a cecità funzionale al torcicollo, o ancora per combattere mal di schiena, contrazioni muscolari deformanti e tremori.

Inoltre, la tossina botulinica sta dando buoni risultati anche nella cura delle cefalee tensive e nel trattamento delle rughe. Un più recente utilizzo della tossina botulinica riguarda l’iperattività colinergica a livello ghiandolare. E’ stato provato in molti studi sia in aperto che controllati, che la tossina botulinica è efficace nel ridurre l’iperidrosi focale, generalmente localizzata a livello palmare, piantare o ascellare, quando iniettata sotto il derma della zona che presenta una eccessiva produzione di sudore, sia di natura idiopatica che secondaria.