Home » COSTUME & SOCIETA' » Curiosità » Obesità, anche lo shampoo per capelli fa ingrassare?

Obesità, anche lo shampoo per capelli fa ingrassare?

Sul controllo del peso e sull’incidenza dell’obesità se ne sentono spesso di novità, ma niente che possa essere equiparato alla ricerca condotta dagli scienziati del Mount Sinai Medical Center di New York. I ricercatori infatti sospettano che a favorire il dilagamento dell’obesità non lavori solo una dieta scorretta ma anche l’utilizzo di shampoo e detergenti.

Ovviamente in questo caso il problema è rappresentato dall’utilizzo e dalla presenza nei detersivi dei ftalati. Sostanze presenti in almeno il 70% dei prodotti che utilizziamo sia per la pulizia della nostra casa che per quella relativa al nostro corpo. I ftalati, secondo la ricerca, possono interferire con l’equilibrio ormonale ed il sistema di regolazione dell’organismo per ciò che riguarda il peso, mandandolo di fatto in tilt e favorendone l’aumento.

Ecco quindi che a monte di questa “epidemia di obesità” dilagata a macchia d’olio nel mondo occidentale potrebbe dipendere in parte anche dell’uso troppo esagerato che si fa di alcuni prodotti di pulizia e bellezza. Lo studio, basato su 330 campioni di urina appartenenti ad altrettante ragazze della cittadina di New York hanno rivelato che coloro che erano più in sovrappeso avevano maggiori livello di ftalati nell’organismo.

E secondo il coordinatore della ricerca, il dott. Philip Landrigan non si tratta di una coincidenza. In particolare perché oltre ai ftalati sotto accusa sarebbe anche il bisfenolo A,  che solo negli ultimi tempi è stato bandito dall’utilizzo da prodotti come biberon per bambini. Sostanze chiamate a migliorare durata e prestazioni dei prodotti, ma che porterebbero dei problemi all’organismo.

Speigano i ricercatori:

Anche se queste sostanze giocano un piccolo ruolo in obesità , è una esposizione prevenibile.

Non è la prima volta che la ricerca evidenzia come un componente considerato necessario per un particolare prodotto si riveli deleterio per la salute. Se evitare di comprare oggetti contenenti ftalati può portare ad un miglioramento delle condizioni fisiche, evitando che il sistema ormonale vada in tilt, ben venga una spesa più consapevole.

Articoli Correlati:

Obesità favorita dal poco sonno

Obesità, il dietologo? Meglio se maschio

Fonte: La Stampa

4 commenti su “Obesità, anche lo shampoo per capelli fa ingrassare?”

  1. Salve. Sono una di quelle persone che è stata magrissima per buona parte della sua esistenza e che si è ritrovata ingrassata in non molto tempo di ben 30 kg,pur avendo un alimentazione corretta e mangiando poco. I medici sollevano obiezioni sempre puntando il dito sui farmaci e sulla scarsa attività fisica,ma a me queste risposte non mi sono mai tornate più di tanto e mi sono chiesta perchè aumentano così tanto le persone obese…,davvero mi sono alla fine detta che c’era qualcosa nell’ambiente che influenzava il metabolismo delle persone. Quando oggi ho sentito il telegiornale mi sono presa paura!! sono un “igienista” nata e non mi vergogno a dire che mi lavo spesso e faccio largo uso di saponi,lozioni..etc.specie per i capelli e anche smalti.Adesso non sò più che cosa ho in casa e non sò riconoscere dalle etichette questi “benedetti” ftalati…sapete darmi delle dritte?Non c’è da scherzare con queste cose,specie con gli squilibri ormonali…Ma a chi è venuto in mente di creare un simile male all’umanità?una mente malata di sicuro…Questi ftalati andavano studiati bene prima di essere messi a uso e consumo dell’uomo!!! Se poi li usano anche per gli animali e noi poi questi ce li mangiamo allora è inutile stare attenti alle etichette!!! che guaio…. 🙁

    Rispondi
  2. Bhe mi sembra una grande stupidità , in un sito poi che si definisce medicinalive ….almeno un commento da qualcuno che ne so un dermatologo o un edocrinologo tanto per far capire .
    Cmunque i ftalati sono vietati in europa si vede che negli USA no ….se però mangiassero un po meno forse non darebbero la colpa agli shampo

    Rispondi
  3. @ adriano:
    ti rispondo da persona che ha scritto l’articolo: siamo dei giornalisti che tentano di tenere aggiornati i propri lettori sulle ultime novità in materia. La fonte era attendibile, si tratta di uno studio, perchè non renderlo noto? Siamo “live” proprio perchè tentiamo di stare sempre sul pezzo 😉

    Rispondi

Lascia un commento